L’erba di grano, le proprietà terapeutiche

erba di grano

L’erba di grano, alimento molto apprezzato fin dall’epoca romana, può essere considerato un contenitore di molte risorse necessarie all’organismo. Ricco di clorofilla, vitamine, minerali ed enzimi, l’erba di grano è uno dei vegetali più completi nella sua offerta nutrizionale, superiore anche alle verdure a foglia verde.


La sua principale proprietà è il rafforzamento dell’attività immunitaria: grazie all’apporto di ben 90 minerali e 19 amminoacidi essenziali; è ottima nei cambi di stagione, quando gli sbalzi di temperatura rendono il corpo più attaccabile da batteri e virus.

Proprietà dell’erba di grano
Secondo gli esperti, l’erba di grano sarebbe in grado di combattere i radicali liberi, contribuirebbe al rinnovamento cellulare, conferendo maggior resistenza alla fatica, sia fisica sia mentale
Sarebbe anche in grado di aumentare le difese immunitarie e di colmare le carenze nutrizionali

A detta degli esperti avrebbe anche proprietà sazianti; assunta 40 minuti prima del pranzo, ridurrebbe l’appetito
Inoltre grazie all’elevato contenuto di clorofilla, l’erba di grano avrebbe proprietà disintossicanti: sarebbe in grado di ripulire il corpo da tossine, sostanze inquinanti e prodotti chimici
Avrebbe anche proprietà alcalinizzanti, antibatteriche ed immunostimolanti
A quanto pare, la combinazione di tutte queste proprietà renderebbe l’erba di grano un antiage molto potente: gli effetti sulla pelle, sui capelli e sull’irrorazione sanguigna porterebbe, a detta degli esperti, a un ringiovanimento estetico chiaramente visibile.

Come assumere l’erba di grano
Sul mercato italiano, l’erba di grano è reperibile sotto diverse forme: in polvere, liofilizzata, in compresse o già pronta da bere, imbottigliata come una qualsiasi bevanda.
Va assunta: secca, come integratore alimentare e fresca, sotto forma di succo.
In ogni caso è consigliabile assumere il prodotto sotto forma di succo in quanto è più potente ed energizzante.
30 ml al giorno di succo d’erba equivalgono a 1 kg di verdure verdi biologiche. Il succo è molto dolce, pertanto meglio assumerlo a stomaco vuoto, sorseggiandolo lentamente. Essendo un prodotto naturale si ossida rapidamente.

Raccomandazione utile: al momento dell’acquisto del prodotto, è bene distinguere quello più ricco di principi attivi e con maggior garanzia di qualità.

Come coltivare l’erba di grano
L’erba di grano può essere coltivata in casa e non ha necessità di essere esposta all’aperto; necessita di poco spazio e poche ma costanti attenzioni. Può crescere ovunque, da un vaso a una comune tazza o un vassoio, i semi costano pochi euro. Ma vediamo come procedere:

  1. Immergete i semini nell’acqua per tutta la notte
  2. La mattina, scolate e stendete della terra in un vaso per uno strato di circa due centimetri e mezzo e innaffiate
  3. Spargete i semini germogliati e coprite con un foglio di plastica o di carta per ripararli dalla luce
  4. Appena cominciano a germogliare, scoprite e lasciateli al sole, innaffiando 2-3 volte al giorno
  5. Dopo una settimana l’erba di grano è pronta.

Per approfondimento leggi “Clorofilla, un alleato del benessere”

Pubblicato da Anna De Simone il 10 maggio 2015