Energy Community

Energy Community

Le Energy Community sono entità locali create con il fine di autoprodurre energia e di ottimizzarne i consumi. Una Energy Community può essere formata da industrie, condomini, pubbliche amministrazioni, centri commerciali e ospedali che interagiscono tra di loro applicando misure di efficienza energetica così da garantire vantaggi negli approvvigionamenti e di conseguenza minori costi delle bollette.

Le motivazioni relative al potenziale risparmio si sommano quindi a quelle di carattere etico legate a un minor impatto sull’ambiente e così, secondo un’indagine dell’Istituto Piepoli, il 37% degli intervistati si è dichiarato potenzialmente interessato a partecipare in futuro a un progetto di Energy Community.

Nel 2020 potrebbero essere ben 475.000 le Energy Community attive in Italia, con un volume di affari stimato in circa 29 miliardi di Euro e le relative importanti ricadute sull’economia.

Le Energy Community potrebbero portare alla creazione di nuovi posti di lavoro in settori come quelli della domotica e dell’illuminotecnica, nella costruzione di infrastrutture ICT, nello sviluppo di software dedicati e nelle filiere del fotovoltaico e della cogenerazione.

Tra gli operatori più attivi e pronti ad affrontare le evoluzioni del settore rientra sicuramente GDF SUEZ che può vantare anche notevoli risultati sul fronte ambientale, “con un tasso di emissioni del 20% al di sotto della media mondiale e con l’obiettivo di ridurlo di un ulteriore 10% entro il 2020” come dichiara Aldo Chiarini, Amministratore Delegato di GDF SUEZ Energia Italia.

Lodevole anche l’iniziativa dell’Osservatorio Permanente sugli “Usi Innovativi dell’Energia” promossa sempre da GDF SUEZ in collaborazione con il Politecnico di Milano e con The European House Ambrosetti. L’osservatorio si propone come punto di riferimento per il monitoraggio delle best practices europee a livello di ottimizzazione degli approvvigionamenti energetici nell’ambito delle Energy Community e per analizzare le implicazioni strategiche per il sistema Italia.

Pubblicato da Matteo Di Felice il 14 aprile 2014