Temperatura in casa, serve più efficienza

In Italia, la crisi economica ha costretto molte famiglia a dover rinunciare al riscaldamento, da un lato, si parla appunto di fuel poverty e dall’altro di efficienza energetica. Il concetto di risparmio energetico, per molti italiani, è legato quasi esclusivamente alla riduzione delle ore di utilizzo di apparecchiature elettriche. Non si è ancora radicata una buona cultura di risparmio energetico legato all’efficienza vera e propria, all’ottimizzazione delle risorse e al consumo intelligente.

Gli impianti di riscaldamento gestiti in modo più efficiente e nel rispetto dell’ambiente, aiutano a preservare le risorse naturali del pianeta e garantire costi in bolletta più accessibili. Secondo una ricerca di Honeywell, solo la metà del campione intervistato ha installato un sistema di regolazione della temperatura in base ai programmi orari. Lo studio della Honeywell ha coinvolto circa 1.000 soggetti tra utenti finali e installatori prendendo in esame sia abitazioni indipendenti che condomini.

Il termostato e le teste termostatiche hanno una diffusione che si aggira intorno al 18% e solo il 14% del campione intervistato utilizza il riscaldamento autonomo a zone che consente il monitoraggio puntuale del calore domestico con un consistente risparmio sulle spese di riscaldamento. La Honeywell ha intervistato utenti che già hanno avuto un approccio con le soluzioni di regolazione automatica del riscaldamento domestico, certamente le stime scenderebbero drasticamente se si dovesse intervistare un campione di popolazione casuale.

In Italia, a causa della crisi economica, chi ha potuto ha preferito riscoprire stufe e camini pur di evitare le stangate della bolletta. Stando agli ultimi dati Istat è cresciuto il consumo di legna da ardere del 26% rispetto a 10 anni fa. Le spese legate al riscaldamento e al raffreddamento domestico, sono quelle che incidono di più sulle bollette di casa, eppure siamo nell’era dell’edilizia sostenibile dove non mancano pannelli isolanti, film sottili per finestre e dove il mercato riesce a proporre sistemi di riscaldamento capaci di garantire risparmio sui costi e comfort.

Un esempio tra tanti è il sistema evohome che permette la ripartizione intelligente del calore che può essere associato a tutti i tipi di impianti di riscaldamento: a pavimento, a radiatore, pompa di calore, caldaie… Senza parlare della possibilità dell’utilizzo dell’energia geotermica per regolare la temperatura di casa!

Pubblicato da Anna De Simone il 19 aprile 2013