Crema solare fai da te

Crema solare fai da te: la ricetta per preparare in casa una protezione solare con ingredienti naturali.  E’ molto facile da preparare e gli ingredienti sono molto semplici e facili da reperire.

Ormai l’estate è alle porte, manca poco per sdraiarsi al sole e prendere le prime tintarelle. Purtroppo, non tutti sanno che per godere di una sana abbronzatura è bene esporsi al sole in modo consapevole avendo cura di utilizzare buoni prodotti per la nostra pelle.

L’esposizione ai raggi solari va sempre fatta con coscienza, nel rispetto della salute della nostra pelle. Dobbiamo pertanto scegliere i prodotti con molta attenzione, dato che la maggior parte di questi, contengono sostanze tossiche. Se da un lato svolgono un’azione protettiva contro i raggi UV, dall’altro hanno effetti negativi e dannosi sulla nostra pelle. Può interessarti la lettura dell’articolo “Come abbronzarsi velocemente

Crema solare fai da te

Quando andate al mare non dovete mai dimenticare  la crema solare per proteggervi dai raggi solari nocivi. Per risparmiare e avere comunque un alleato contro i raggi UVA e UVB potete appellarvi alla natura. Potete, infatti, preparare una protezione solare in casa tanto efficace quanto quelle che trovate in commercio, ma prive delle sostanze chimiche che queste contengono.

In questa pagina vi illustreremo come realizzare in casa una crema solare fai da te con ingredienti naturali.  E’ molto facile da preparare e gli ingredienti di cui avete bisogno sono molto semplici e facili da reperire. Inoltre è di ottima qualità, molto efficace e con un fattore di protezione solare pari a venti o se volete più alto.

Cosa ci occorre

  • 150 ml di olio d’oliva
  • 50 ml di olio di cocco
  • 50 ml di cera d’api
  • Due cucchiai di ossido di zinco
  • 5 gocce di olio essenziale della fragranza che più vi piace.

Nota bene: ogni cucchiaio do ossido di zinco corrisponde ad un fattore di protezione solare pari a dieci; se volete aumentare il fattore, aggiungete semplicemente un altro paio di cucchiai.

Cosa è l’ossido di zinco

Molte mamme conoscono l’ossido di zinco come ingrediente base di molte creme per i neonati. Oltre a contrastare irritazioni e infiammazioni,  l’ossido di zinco nasconde tante altre proprietà davvero interessanti. In questo caso, si guadagna un posto d’onore nella ricetta per la crema solare fai da te grazie alla sua capacità di fare da vero e proprio schermo solare, in grado di riflettere i raggi UVA e UVB, evitando che danneggino la pelle.

Dove acquistare l’ossido di zinco?

Potete acquistarlo online o al supermercato nel reparto articoli per neonati

Come procedere

  1. In un recipiente di vetro mescolare l’olio d’oliva e l’olio di cocco insieme alla cera d’api
  2. Aggiungere l’olio essenziale scelto per aromatizzare la crema poi mettere il tutto a scaldare a bagnomaria per far sì che si sciolga
  3. Mescolare per far amalgamare bene tutti gli ingredienti
  4. Quando questi sono perfettamente sciolti, aggiungere l’ossido di zinco e continuare a girare facendo molta attenzione a non inalare l’ossido di zinco
  5. Quando la crema è viscosa, ma non molto spessa, togliere dal fuoco e fare riposare per alcuni minuti
  6.  Trasferire il composto in un flacone preferibilmente di vetro
  7. Lasciare riposare almeno un giorno prima di utilizzarla.

Grazie a questa ricetta potrete beneficiare di un’eccellente ed efficace protezione solare senza nessun rischio di contaminazione da prodotti tossici e potrete inoltre prendere un po’ il sole per stimolare la produzione di vitamina D in tranquillità, sapendo di essere ben protetti. In ogni caso, cercate di seguire correttamente tutti gli accorgimenti necessari, perché le creme solari fai da te, non sempre garantiscono una valida protezione dai raggi UV.

Crema solare fai da te, consigli utili

  • Conservare sempre la crema in un luogo fresco e asciutto, all’interno di un flacone di vetro o contenitore
  • Ripetere con frequenza l’applicazione della crema sulla pelle, soprattutto dopo i bagni in acqua, per garantirne l’efficacia
  • Evitare l’esposizione prolungata al sole, soprattutto durante le ore più calde

 

Pubblicato da Anna De Simone il 4 maggio 2017