Come usare la motosega

motosega

Per capire come usare la motosega vi toccherà leggere il manuale d’uso dello strumento acquistato, tuttavia, vi sono dei consigli generali che possiamo darvi sia sulla pratica del taglio, sia riguardo le norme di sicurezza.

Usare la motosega in modo corretto vi consentirà di ridurre al minimo i lavori di manutenzione e garantirà la vostra sicurezza. Per prima cosa, la motosega deve essere tenuta in condizioni ottimali e con la catena sempre ben affilata. Per prevenire gli infortuni, prima di utilizzare la motosega indossate protezioni idonee come pantaloni con imbottiture antitaglio capaci di bloccare il movimento rotatorio della catena, calzature con suola antiscivolo e punta antischiacciamento per la salvaguardia dei piedi, guanti antitaglio, cuffie per proteggersi dal rumore e occhiali per proteggere la vista.

L’accensione della motosega può avvenire fissando il dispositivo tra le gambe, reggendolo con la mano sinistra e tirando l’avviamento con la mano destra. In alternativa, la motosega può essere bloccata a terra con un piede, anche in questo caso l’avviamento sarà tirato con la mano destra. La motosega va tenuta saldamente con la mano destra sull’impugnatura posteriore e con la sinistra su quella anteriore, per un corretto utilizzo della motosega, anche i mancini dovrebbero imparare a impugnare il dispositivo come i destri.

La catena della motosega arriva a girare a una velocità di 70-80 km/h. Ottimo per il taglio ma molto pericoloso per l’utente che la adopera.

Norme generali per usare al meglio la motosega 

  • evitare di utilizzare la motosega quando si è molto stanchi
  • è assolutamente “vietato” tagliare con la motosega tenendo lo strumento sopra l’altezza della spalla: in questa posizione il rischi di infortuni è elevato perché il taglio è difficile da gestire
  • tenere il corpo leggermente a lato, fuori dal piano di taglio della catena e della barra di guida della motosega
  • la motosega va impugnata a braccia distese e mai a braccia ravvicinate.

Pubblicato da Anna De Simone il 4 ottobre 2013