Come tingere la lana

come tingere la lana

Come tingere la lana in modo naturale: le istruzioni per tingere la lana con tinture vegetali fatte in casa.

Per tingere la lana potresti usare dei prodotti specifici della “coloreria italiana” da inserire nella lavatrice. Questo procedimento è molto semplice e garantito: la lana si impegnerà del colorante artificiale ma ti avviso, scaricherò il colore in eccesso con i successivi lavaggi quindi farai bene a lavare in capo in lavatrice con abiti di tinte simili. Se il tuo scopo è ravvivare un capo di lana in lavatrice, con la coloreria italiana, non dovrai fare altro che acquistare il prodotto, aggiungerlo nel cestello della lavatrice insieme al capo e avviare un lavaggio a freddo. Se il tuo scopo è quello di colorare la lana in modo naturale, magari utilizzando colori alimentari tinture ricavate dalla natura, questa guida fa al caso tuo perché ti spiegheremo proprio come tingere la lana in modo naturale.

Può interessarti: come tingere il cotone

Come tingere la lana in modo naturale

In natura possiamo ricavare molte tinture naturali e, alcune di queste, risultano utili per tingere la lana. Con le more di rovo, per esempio, puoi colorare la lana e ottenere diverse colorazioni.

In particolare, con le more puoi tingere la lana in modo naturale e ottenere una tinta che va dal lilla chiaro al viola scuro. Il rosa si ottiene con l’aggiunta di semplice succo di limone, mentre se vuoi osare e aggiungere dell’ammoniaca al tuo bagno di colore, il risultato sarà un verde bottiglia.

Le tonalità ottenute con le more di rovo sono molto belle, delicate e durature. Ora ti spiegherò, in dettaglio come preparare una tintura fai da te per tingere la lana.

Cosa occorre?

  • More di rovo congelate poste in un barattolo di vetro
  • Lana da tingere
  • Succo di limone (per la colorazione rosa)
  • Pentola
  • Cucchiaio
  • Altri utensili

La congelazione delle more di rovo è necessaria per una questione fisico-chimica: con la congelazione si fratturano le pareti delle cellule vegetali e, con il passaggio da freddo al caldo, il rilascio dei pigmenti colorati è facilitato.

Ecco come tingere la lana. Togli le more dal congelatore e attendi 10 minuti, poi prosegui così:

  1. Metti a bagno, in una pentola con molta acqua calda, il barattolo contenente le more di rovo.
  2. Con una forchetta, appena le more si saranno scongelate, schiacciale così da favorire ulteriormente il rilascio del colore.
  3. Aggiungi un paio di cucchiai di succo di limone. Il succo di limone farà virare il tuo colorante naturale per la lana da viola scuro a rosa brillante.
  4. La tua tintura naturale è pronta e può essere impiegata per tingere la lana.

Il barattolo dovrà essere posto nell’acqua calda per 30 minuti, attenta a tenere il fuoco basso: l’acqua non deve mai raggiungere l’ebollizione. Il bagno di colore (dovrai mettere la lana a bagno nella tintura naturale ottenuta) dovrà durare per almeno una notte, fin quando i filati di lana non avranno assorbito la quantità di colore desiderato.

Per una tinta più duratura ti consigliamo di eseguire la mordenzatura, come procedere?

  1. Prima di immergere la lana nella tua tintura vegetale fatta in casa, immergile in acqua ghiacciata dove avrai disciolto dell’allume di potassio in polvere (la quantità varia dal peso della matassina, in genere l’allumme deve essere pari al 20% del peso della matassa di lana da tingere.
  2. Nell’acqua fredda dovrai disciogliere anche del cremor tartaro in polvere, pari al 6,2% del peso della matassa di lana da tingere.

Per favorire la miscelazione, puoi sciogliere i due sali prima in un bicchiere di acqua calda e, quando la soluzione sarà completamente liquida, trasferirli in un catino con acqua molto fredda dove immergerai la matassa di lana prima di trasferirla nel contenitore dove è posta la tua tintura vegetale fatta in casa. Quanta acqua usare? Il minimo indispensabile per coprire completamente la matassa di lana.

Prima di qualsiasi tintura tessile, il materiale (nel tuo caso la lana) va lavato accuratamente al fine di eliminare eventuali impurità e residui della stessa lavorazione. Per continuare la procedura seguendo una filiera naturale, ti consigliamo di eseguire un lavaggio preliminare con sapone di Aleppo o con un detersivo naturale.

In sintesi, per tingere la lana dovrai:

  1. Lavare la lana.
  2. Eseguire la mordenzatura in acqua fredda nella quale avrai disciolto dei sali.
  3. Risciacquare il filato di lana per togliere l’eccesso di sali assorbiti (sempre in acqua fredda).
  4. Preparare la tintura con le more di rovo congelate.
  5. Fare il bagno di colore.

Pubblicato da Anna De Simone il 1 giugno 2018