Come sbrinare il freezer

Come sbrinare il freezer

Come sbrinare il freezer: istruzioni per sbrinare il freezer senza spegnerlo o in modo tradizionale. Consigli utili per sbrinare il congelatore velocemente.

Perché dobbiamo sbrinare il freezer e soprattutto, come si formano le pareti di ghiaccio nel congelatore? 

Ogni volta che apriamo il portellone del congelatore facciamo entrare una considerevole quantità di aria calda e umida. L’umidità presente nell’atmosfera, a contatto con le pareti ghiacciate, si trasforma quasi istantaneamente in brina. In un lasso di tempo più o meno lungo, si accumulano diversi strati di brina dando vita a una colonna di ghiaccio che sovrasta le pareti del nostro congelatore.

Per garantire la massima efficienza del freezer, sarà necessario sbrinarlo!

Frigo e congelatore no frost

Il freezer e il frigorifero con tecnologia “no frost” non richiedono alcuna operazione di sbrinamento. Con la tecnologia “no frost” il ghiaccio non si accumula perché una resistenza scioglie la brina alle prime rappresaglie e la lascia evaporare quanto apriamo il portellone del congelatore. In questo modo, la brina viene eliminata e l’umidità convogliata verso l’esterno.

Se il vostro congelatore è datato, quasi sicuramente non dispone della tecnologia no frost e quindi sarà necessario sbrinare manualmente.

Come sbrinare il freezer senza spegnerlo

Chi vuole sbrinare il freezer velocemente e non ha la possibilità di spegnerlo non ha molte scelte perché qualsiasi forzatura rischierebbe di danneggiare le pareti del congelatore.

Se si tratta di pochissimo ghiaccio è possibile provare a sbrinare il freezer senza staccare la spina e semplicemente sfruttando dell’acqua calda. Come procedere?

Armatevi di un secchio d’acqua bollente e un secchio vuoto. Prendete cinque o sei stracci e proseguite così:

poggiate sul ghiaccio da sciogliere uno straccio imbevuto di acqua bollente. Asciugate subito con uno straccio asciutto. Usate il secchio vuoto per contenere l’acqua ricavata dallo scioglimento della parete ghiacciata del congelatore.

Questo metodo è efficace solo se la quantità di ghiaccio presente sulle pareti del freezer è limitata.

Se il freezer è acceso, evitate di mettere al suo interno una pentola con acqua calda perché andrete a causare un sovraccarico del motore del frigo, non solo consumate molta elettricità ma rischiate di rompere il cuore pulsante del vostro congelatore.  Anche il phon avrà lo stesso effetto!

Evitate l’uso di cacciavite o altri strumenti appuntiti.

Per sbrinare il congelatore senza spegnerlo potete usare un raschietto delicato. Tra i vari modelli presenti in commercio vi segnaliamo quello prodotto dalla Michelin per sbrinare il parabrezza ghiacciato e innevato delle auto. Questo raschietto ha la punta delicata per non compromettere l’integrità dei cristalli dell’auto e può essere usato, con qualche accortezza, anche per sbrinare il freezer.

Link utili: raschietto Michelin con punta in polistirene

Usando un raschietto riuscirete a sghiacciare e sbrinare parzialmente il freezer ma non riuscirete a pulirlo. Per sbrinare e pulire il freezer meglio seguire il metodo tradizionale che vedremo di seguito.

Come sbrinare il freezer

A volte, staccare la spina, è la scelta migliore! Il freezer andrebbe sbrinato due volte all’anno e per semplificare il lavoro si dovrebbe agire prima che lo strato superi lo spessore di 5 mm!

Purtroppo non tutti dedicano la giusta manutenzione agli elettrodomestici e così ci ritroviamo con igloo e coltri di ghiaccio nel freezer!

Per sbrinare, staccate la presa della corrente. Svuotate il freezer e attendete che il ghiaccio si sciolga spontaneamente. Se avete fretta, ponete nel freezer una pentola d’acqua bollente, i vapori caldi faranno sghiacciare più velocemente le pareti del freezer.

Quando tutto i ghiaccio si sarà sciolto, approfittate per pulire il freezer con una soluzione di acqua e bicarbonato di sodio. Non usate detersivi chimici. Asciugate accuratamente prima di riavviare il congelatore così come prescritto dal produttore.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 20 settembre 2016