Come ridurre gli sprechi alimentari

Come ridurre gli sprechi alimentari

Come ridurre gli sprechi alimentari: strategie, riutilizzo, metodi di conservazione e ricette salva-alimenti che vi aiuteranno a non sprecare cibo.

Quando parliamo di sprechi alimentari entriamo in contatto con una realtà sconcertante che vede gli italiani come un popolo di spreconi: ogni anno gettiamo nella pattumiera 7,65 miliardi di euro in cibo non consumato. Questi sono i dati diffusi in occasione della Giornata contro lo spreco alimentare e quelle che seguono sono indicazioni che vi faranno capire come ridurre gli sprechi alimentari.

Come ridurre lo spreco alimentare, gli scarti

Lo spreco di cibo interessa tutti gli alimenti, inoltre vi sorprenderà sapere quante cose buone si possono preparare con quelli che voi chiamate “scarti”. Con del pane raffermo si possono preparare i passatelli, con del pane duro si fanno le “freselle napolatane” oppure delle deliziose bruschette al forno. Con gli scarti vegetali si prepara brodo o concentrati… insomma, in cucina non c’è spazio per gli sprechi e anche l’olio di frittura si può recuperare. Per capire bene come muovervi, leggete le nostre guide:

Come ridurre lo spreco alimentare, la spesa

Per eliminare gli sprechi alimentari in modo totale, bisogna giocare d’anticipo: cercate di fare una spesa più consapevole e razionale! Non lasciatevi ingannare dal classico Tre Per Due se poi non riuscite a finire in tempo ciò che già avete in frigo!

Prima di andare a fare la spesa, controllate credenza e frigorifero (comprese date di scadenza degli alimenti) e scrivetevi una lista razionale di ciò che occorre in casa e attenetevi alla lista ricordando che ogni variazione o aggiunta potrebbe portare come esito un dispendio economico inutile e uno spreco di cibo. Quando aggiungete un alimento al vostro carrello, controllate la data di scadenza.

ridurre lo spreco alimentare

Come ridurre lo spreco alimentare, gli alleati

Chi intende eliminare gli sprechi in cucina può trovare utili alcuni dispositivi salva-cibo. Vediamoli insieme:

  • Frullatore, Centrifuga o Estrattore
    Questi tre aggeggi vi consentono di ottenere frullati, centrifugati o succhi di frutta da servire in tavola, consumare come spuntino o colazione. Quando la verdura e la frutta sono ormai troppo mature, allontanate l’idea della pattumiera e preparate qualcosa di buono da bere consumandola tutta!
    Per approfondimenti: Estrattore o centrifuga? – Estrattore di succo freddo (l’articolo mette a confronto Estrattore, centrifuga e frullatore)
  • Contenitori a chiusura ermetica
    I contenitori di vetro possono allungare la vita di molti alimenti. Se aprite del cibo in scatola (passate, funghi, fagioli…) non conservateli in frigo nella loro confezione originale ma riponeteli in contenitori di vetro a chiusura ermetica così da aumentarne la vita di quel poco che basta per consumare.
  • Essiccatori 
    Ci aiuta a conservare frutta e verdura in modo molto pratico. Se non avete un essiccatore ma vi piace l’idea di avere funghi secchi, peperoncini secchi e tanta frutta secca fatta in casa, potete valutare di comprarlo. Ormai, sul mercato, si trovano essiccatori a buon prezzo, per farvi un’idea, date un’occhiata agli Essiccatori in offerta su Amazon.
  • Macchine per il sottovuoto
    Un altro buon sistema per allungare la vita del nostro cibo e ridurre gli sprechi alimentari consiste nella conservazione sottovuoto. Gli alimenti sottovuoto arrivano a durare fino a 5 volte più a lungo rispetto ai metodi di conservazione tradizionali. Anche in questo, il mercato offre macchine per il sottovuoto da prezzi accessibili, date un’occhiata alle Macchine per sottovuoto in offerta su Amazon.

Pubblicato da Anna De Simone il 6 febbraio 2015