Come riciclare il pane raffermo

pane raffermo

Gli avanzi di cucina possono diventare gli ingredienti principali di diversi piatti. Così come i gambi dei funghi possono dare vita a una splendida crema, con il pane raffermo è possibile preparare bruschette, freselle napoletane, pangrattato e canederli. Oggi vedremo come riciclare il pane raffermo per preparare ottimi canederli da arrostire.

Come riciclare il pane raffermo
Se la ricetta delle bruschette è molto conosciuta, lo è di meno quella dei canederli. Per riciclare il pane raffermo, la preparazione dei canederli si presta particolarmente: non importa se il pane è a tocchetti, a fette, già tagliato o se si tratta di panini… il risultato sarà un nuovo rotolo di “pane” da arrostire (o rosolare) e consumare con delle grandi varietà di condimenti e cremine: crema di carciofi, crema di funghi, pesto… Il procedimento è piuttosto lungo perché prevede tempi di riposo di un’ora e cottura di 30 minuti.

Per riciclare il pane raffermo e impiegarlo per la preparazione dei canederli occorre aggiungere questi ingredienti, per 5 panini raffermi servirà:

  • 1 cipolla di media grandezza
  • 200 ml di latte
  • 1 cucchiaio di olio
  • 2 uova
  • Sale
  • Pepe nero
  • Noce moscata grattugiata

Per preparare i canederli con pane raffermo serviranno, oltre ai classici utensili da cucina, anche un panno di cotone privo di coloranti e dello spago. Ecco come proseguire:

1)Scaldare il latte. Tagliate il pane a cubetti e ammollarlo nel latte.
2) Sbucciate la cipolla e tagliatela finemente aggiungendo l’olio d’oliva. Impastare il pane con le uova e la cipolla. Condire con il sale, il pepe e la noce moscata grattugiata.
3) Coprire e lasciar riposare il composto per un’ora.
4) Con la pasta di pane, formate due rotoli e metteteli in un panno legando saldamente le due estremità.
5) In un pentolino abbastanza capiente da contenere i rotoli, portate dell’acqua a ebollizione e lasciate cuocere i rotoli per circa 30 minuti.
6) A cottura ultimata, togliete i canederli dall’acqua e rimuovete il panno. Lasciate intiepidire i canederli e poi tagliateli in dischi dallo spessore di circa 2 cm.

I canederli vanno fatti rosolare in padella con un po’ di burro, oppure, in alternativa, possono essere arrostiti in padella antiaderente. Per servirli, adagiate i canederli su un piatto e condirli con salsa di funghi pepata e guarnita con del prezzemolo fresco tagliato grossolanamente.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 marzo 2014