Come riciclare panettone e pandoro

Una coppetta al cioccolato e un tiramisù fuori dalle righe potrebbero portare la gioia in tavola come ottimi dessert. Ancora meglio se queste leccornie potrebbero essere preparate a basso costo, dando modo di riciclare panettone e pandoro avanzati dalle festività appena passate. Con semplici ricette, panettene e pandoro potranno tornare sulle tavole degli italiani anche lontano dalle vacanze. Vediamo cosa occorre.

Ingredienti: panettone avanzato, panna montata, cacao in polvere non zuccherato, nocciole tritate, latte, caffè.

Preparazione: il panettone avanzato dovrà essere sminuzzato con le mani. Sul fuoco il latte con il caffè dovrà essere scaldato. In una terrina unite i pezzetti di panettone avanzato con il latte e caffè, mescolate con un cucchiaio. Il composto ottenuto dovrà essere sistemato in coppette da portata, riempiendo ogni coppetta per 3/4. L’ultimo quarto di ogni coppetta dovrà essere colmato con dell’abbondante panna montata. Spolverate con cacao amaro e nocciole tritate e riponete in frigo per circa un’oretta al termine della quale, il vostro panettone al caffè e panna potrà essere gustato!

La seconda ricetta vede come protagonista gli avanzi di pandoro. In questo caso gli ingredienti che occorrono sono: pandoro avanzato, due buste di preparato per il budino, latte, cacao in polvere e panna montata.

Preparazione: preparare i budini seguendo le istruzioni riportate sul retro della confezione. I budini possono essere a vaniglia o al cioccolato, per la scelta orientatevi con il vostro palato. Il pandoro avanzato dovrà essere tagliato a fettine sottili. Riscaldate il latte e appena sarà tiepido, bagnare le fette di pandoro evitando di inzupparle troppo. Sistemate le fettine di pandoro in un piatto da portata e cospargetele di un abbondante budino. Ricoprite il budino con un nuovo strato di pandoro e continuate così fino a quando non saranno terminati gli ingredienti. Per insaporire e decorare il tutto, utilizzate la panna montata spolverata con del cacao in polvere. Anche in questo caso il preparato dovrà riposare in frigo per circa un’oretta.

Ricordate che riciclare panettone e pandoro è d’obbligo, con la crisi alimentare a cui sta andando in contro il pianeta, sarebbe davvero immorale gettarli via nella spazzatura. Se proprio non avete voglia di ingerire ulteriori calorie, dopo le feste, potete donare pandoro e panettone avanzato ai senzatetto.

Pubblicato da Anna De Simone il 13 gennaio 2012