Come imparare a ricamare facilmente

Come imparare a ricamare facilmente

Se qualcuno pensa che ricamare sia un passatempo antico, archiviato, inutile e noioso, si sbaglia di grosso perché oggi più che mai è un’arte da rispolverare e tenere viva, perché ci può aiutare in diversi modi. Ci rilassa, ci distrare, allena la concentrazione, la precisione e la manualità e, aspetto da non trascurare, ci permette di creare delle piccole opere con le nostre mani, da tenere o da regalare.  In giorni come questi in cui il tempo per alcuni sembra non passare mai, un hobby come questo è salvifico e se avete timore di dover partire da zero, ecco qualche consiglio su come imparare a ricamare facilmente. Per la “materiale prima”, potete tranquillamente acquistarla on line. Un set da ricamo, per punto croce, ad esempio, completo di 48 colori può costare meno di 15 euro, se completo anche di toppe, si arriva a 20 euro, un prezzo ragionevole se pensiamo di fare con essi decine di ricami diversi.



Diversi sono i tessuti e i fili che possiamo utilizzare. Di solito si parte dagli oggetti più semplici e utili come ad esempio gli strofinacci o i bavaglini, le salviette o i tovaglioli, mentre più impegnativi sono le tovaglie, le gonne, le camicie e le lenzuola. Anche per i punti inizieremo dai più semplici per prendere la mano e poi dedicarci a ricami più complessi, lunghi ed impegnativi.

Come imparare a ricamare facilmente a punto erba

Il punto più semplice è il punto erba, iniziamo così. Il fatto che sia da principianti non significa che non possa dare dei brutti risultati perché si possono ricamare diversi soggetti, soprattutto lettere di iniziali, fiori e animali di vario genere con grande libertà. Per realizzare il punto erba si lavora da sinistra a destra, come quando si scrive, e si può scegliere tra il semplice e il doppio, più grassottello. Si prende l’ago e lo si fa uscire per la prima volta verso la superficie dritta del nostro lavoro e poi lo si infila verso destra lasciando circa 2-3 millimetri, e poi lo si fa riemergere di nuovo verso il fritto completando il punto.

Questo è il semplice, il doppio di ottiene ripetendo due volte questo gesto descritto, lo si fa quando si ha bisogno di rendere più evidente e morbido. Per quanto riguarda i disegni per il punto erba, immaginiamoci di doverli tracciare come con una penna in mano, perché è un punto di contorno, quindi possiamo tracciare il nostro soggetto sul tessuto e poi riprenderne il perimetro, con pazienza. Per fare un po’ di pratica possiamo realizzare qualche ricamo su strofinacci o tovaglioli, magari scegliendo un bel fiore oppure una scritta. E’ importante tenere ben teso il tessuto quando si procede, e per questo consiglio un mini telaio per ricamare, soprattutto se siamo ai primi tentativi.

Come imparare a ricamare facilmente a punto croce

Il punto croce è un altro classico, dà molta soddisfazione ed è davvero semplice da imparare e da seguire. Possiamo giocare con i colori e fare forme piene o vuote. Si prende l’ago e lo si inserisce dall’alto verso il basso partendo con le diagonali di un immaginario quadrato, facendone per il numero di quadrati che il nostro disegno ci indica, poi si torna indietro realizzando l’altra diagonale ed ecco la croce. Il web è pieno di disegni da realizzare a punto croce, sia i classici fiori, ottimi per tovaglie e tovaglioli o per le salviette, sia i personaggi Disney e Pixar, e Snoopy e Winnie the Pooh che sono adatti ai bavaglini, alle copertine da culla e alle sacche porta scarpe per l’asilo.

Come imparare a ricamare facilmente a punto catenella

Quando avete preso un po’ la mano con questi due punti base, potete passare a quello a catenella, di solito utilizzato per delineare i contorni e può essere combinato con il punto croce che per i contorni netti e precisi non è proprio adatto. Per fare il punto catenella si realizza una piccola asola all’interno del quale passa il filo principale e l’effetto è davvero di una catenina morbida di filato. Proprio questo punto è quello utilizzato con l’uncinetto.

In generale è molto importante scegliere bene tessuti e fili. Meglio chiedere un consiglio nella merceria in cui ci serviamo oppure nei siti specializzati. Al variare dello spessore e della consistenza, ci sono materiali più o meno adatti e che impattano sull’estetica del risultato finale.

Perché imparare a ricamare facilmente

Il gesto del ricamare dà molti benefici che voglio elencare qui, perché non sempre presi in considerazione. Prima di tutto è un lavoro manuale e ne ha tutti i vantaggi. Da un lato ci fa produrre qualcosa, decora un oggetto che abbiamo in casa o che vogliamo regalare, rendendolo più piacevole, ma non solo. Come ogni lavoro manuale, ci dà soddisfazione e alza l’autostima. E’ un meccanismo automatico, quando le nostre mani riescono a creare qualcosa di solido, tangibile, il nostro cuore si riempie di orgoglio. Fare è a volte la migliore cura se stiamo passando un periodo di forte stress o di ansia, ci aiuta a restare con i piedi per terra e la testa sul presente, senza rimuginare o immaginare un futuro imprevedibile. Il ricamo è molto utile anche per allenare la mente, la concentrazione e la memoria. Per chi non ha molta pazienza è costanza, è molto istruttivo anche da questi punti di vista, e in modo positivo perché possiamo sempre toccare con mano i risultati di questa fatica.

ricamare

Libri per imparare e ricamare

Se on line non abbiamo trovato dei disegni che ci soddisfano, possiamo cercare dei libri dedicati. Ne esistono di molto specifici, ad esempio solo per un punto da ricamo specifico, oppure solo per tovaglie, oppure solo fiori o pupazzetti. Ne abbiamo scelti due, diversi per stile. Il primo è originale, Ricamo pop. Idee e proposte per ricami alternativi” di Serena Scuderi. Questo libro ci fa scoprire le potenzialità del ricamo per personalizzare ogni oggetto della vita quotidiana, in modo spiritoso e ricco di ironia. Vi troviamo schemi e illustrazioni molto chiari e facili da seguire.

Se siamo invece in cerca di soggetti più classici, possiamo acquistare “100 schemi asciugamani a punto croce” di Francesca Peterlini, a meno di 15 euro, un libro serio e tecnico che ci guida nella realizzazione dei nostri ricami.

Pubblicato da Marta Abbà il 28 Aprile 2020