Come coltivare il timo

come coltivare il timo

Come coltivare il Timo in casa o nell’orto: consigli utili e istruzioni circa la coltivazione del timo in vaso o nell’orto. 

Il timo può essere coltivato in casa, sul balcone o in piena terra, nell’orto. Se coltivato in balcone, non solo arricchirà le nostre pietanze ma abbellirà anche l’ambiente e lo renderà più profumato.

Il timo è famoso in diversi settori, non solo in quello culinario: questa pianta rappresenta un celebre rimedio naturale diffuso per le sue proprietà disinfettanti e antisettiche.

Come coltivare il timo

Per iniziare la coltivazione è possibile partire da una talea o dal seme. Nel caso della talea il periodo migliore per la coltivazione del timo cade con la primavera, mentre per iniziare a coltivare il timo a partire dal seme bisogna procedere tra giugno e agosto per poi mettere a dimora nel periodo autunnale.

E’ chiaro, chi non ha molta pazienza per le lunghe attese, piuttosto che seminare il timo dovrebbe iniziare la coltivazione con la messa a dimora delle talee. Le talee dovranno essere lunghe da 6 a 10 cm, e bisognerà prelevarle da piante sane, di età compresa fra i 2 e i 4 anni, con buon vigore vegetativo

Il timo non ha particolari esigenze se non quella dell’esposizione: ama il caldo e la luce.

Come coltivare il timo in vaso

Per chi intende avviare una coltivazione di timo in balcone o in terrazza, dovrà avere il riguardo di procurarsi vasi poco profondi e larghi: il timo non cresce in altezza ma si espande orizzontalmente. Per coltivare il timo in vaso basterà prendere una vecchia padella in alluminio e forarla anche se l’ideale sarebbe impiegare un vecchio tegame di terracotta.Per la sua coltivazione vi basterà usare un terriccio universale. Per le altre esigenze, valgono le regole viste per la coltivazione del timo nell’orto.

Come seminare il timo

Chi non teme le attese, per favorire la germinazione dei semi, dopo averli interrati in un terriccio soffice, dovrà coprire il contenitore con una pellicola trasparente in modo da concentrare e trattenere il calore sulla superficie del terreno. I semi vanno interrati a una profondità che corrisponde al doppio del diametro del seme, quindi a soli pochi millimetri di profondità.

Dopo la germinazione, quando le prime piantine saranno comparse, sarà possibile travasarle in altri contenitori più grandi oppure proseguire con la messa a dimora durante la primavera successiva.

Le fasi per coltivare il timo a partire dal seme:

  1. Riempire un semenzaio di terriccio soffice per semina
  2. Interrare i piccoli semi a una profondità di pochi millimetri
  3. Irrigare
  4. Coprire il contenitore con una pellicola trasparente
  5. Attendere i tempi di germinazione
  6. Il tempo di germinazione oscilla fra i 15 e i 20 giorni e frequenti irrigazioni facilitano le germinazioni
  7. Proseguite con la messa a dimora quando le piantine sono alte almeno 5-6 cm.

Pubblicato da Anna De Simone il 8 aprile 2015