Cirneco dell’Etna

cirneco dell'etna

Cirneco dell’Etna, sembra un levriero, ma non lo è. Però è bello e slanciato, agile e veloce. Un cane in gamba, appartenente alla categoria dei Cani tipo Spitz e tipo primitivo. E decisamente un animale nato per cacciare, vedremo che lo fa in modo differente dal levriero, una sorta di suo gemello diverso. Il particolare il Cirneco dell’Etna era utilizzato in passato soprattutto nella caccia al coniglio selvatico ed alla lepre.



Cirneco dell’Etna: origini

E’ un cane primitivo e di origini molto antiche il Cirneco dell’Etna, dobbiamo tornare indietro fino al 1000 a.C. per scoprire la genesi della razza. Infatti sono ammantate dal mistero o, meglio, ne esistono varie versioni contrastanti. C’è chi da molto tempo sostiene che il Cirneco dell’Etna abbia come antenati dei cani in uso ai tempi e nelle terre dei Faraoni egiziani delle ultime dinastie assieme ad altri cani altrettanto importati in Sicilia ma da commercianti fenici.

In epoca più recente sembra convincere la teoria che racconta come il Cirneco dell’Etna sia invece molto probabilmente una razza autoctona siciliana. Con rispetto per i Faraoni ma non avrebbero contribuito affatto al formarsi di questa bella razza tutta made in Italy.

La cosa certa è che si tratta di una razza molto antica e,come altri cani primitivi come il Basenji o il Pharaon hound, anche il Cirneco dell’Etna ha subito dall’epoca ad oggi ben poche manipolazioni nel corso dei secoli.

cirneco del'etna

Cirneco dell’Etna: caratteristiche

Snello e slanciato, con zampe lunghe e orecchie dritte, il Cirneco dell’Etna ha un corpo molto tonico ed elegante. Sembrerebbe che la sua massa muscolare costituisca l’80% del suo corpo: a vederlo non è difficile crederlo, soprattutto se si tratta di un esemplare ben tenuto, ben nutrito e abituato a muoversi come un cane da caccia come questo deve fare.

Quando dico che è agile e veloce, intendo che può raggiungere persino i 40/45 km/h nella corsa, inoltre è bravo a cambiare direzione improvvisamente con scatti e balzi mentre insegue una preda che non ha molto scampo. E’ oltretutto munito di robuste dita e cuscinetti che lo rendono unico nel camminare facilmente fra le rocce vulcaniche.

Ha poi un buon fiuto, infatti diversamente dal levriero a cui assomiglia, il Cirneco dell’Etna caccia affidandosi all’olfatto. L’altro usa la vista. La differenza tra le due razze è già dichiarata ed esplicita nel fatto che la stessa Federazione Cinologica Internazionale (F.C.I.), mette tutti i cani appartenenti alla razza dei “levrieri” nel 10º gruppo, mentre il Cirneco dell’Etna è nel 5º Gruppo, quello delle razze di tipo primitivo.

Per quanto riguarda la taglia di questo cane siciliano, il maschio raggiunge l’altezza di 46–50 cm al garrese e pesa 10-12 Kg, la femmina resta alta 42 – 46 cm al garrese e pesa un paio di Kg in meno.

cirneco dell'etna

Cirneco dell’Etna Nero

Esiste anche nero, come anche bianco, come vedremo, il Cirneco dell’Etna che ha un mantello solitamente di sfumature dal sabbia dorato al cervo scuro. Le macchie bianche possono essere presenti,su tutto il corpo, senza che il cane sia disconosciuto dal proprio standard. Ce ne son parecchi esemplari che le mostrano serenamente,sono invece rari i casi in cui il Cirneco dell’Etna è di colore bianco arancio, come il setter inglese, oppure bianco puro. Ad ogni modo non si tratta di un cane albino.

Dallo standard i colori più frequenti sono il fulvo più o meno intenso, isabella e sabbia, con una striscia bianca in fronte e al petto, con zampe bianche e punta della coda e ventre bianchi. Una particolarità piuttosto curiosa e frequente è la comparsa di una macchia a forma di stella sul petto. Anche questa, bianca.

Cirneco dell’Etna: carattere

Molto intelligente e allo stesso modo indipendente e solitario: al Cirneco dell’Etna non interessa molto la compagnia, è molto diffidente con gli estranei ma se siete il suo padrone, vi si affeziona in modo assoluto. Vi ama in modo incontrastato. Vi segue sempre anche con gli occhi, ama sapere che siete vicino a lui anche se non lo da a vedere.

Cane primitivo, è rude e umorale,ha le simpatie e le antipatie a pelle, senza troppo andare ad indagare.Vede e capisce se un animale suo simile o una persona sono in feeling con lui oppure no. Ciò non vale per padrone e famiglia che godono della sua smisurata stima.

Il Cirneco dell’Etna è un cane che per il padrone darebbe tutto se stesso, attenzione però perché porta rancore se trattato male. Non dimentica facilmente uno sgarbo e non ama quando lo si rimprovera con un tono che lui reputa eccessivamente duro.

cirneco dell'etna

Cirneco dell’Etna: cuccioli

Si inizia, si deve iniziare da quando è cucciolo, ad educare alla socialità un Cirneco dell’Etna altrimenti si rischia di avere un cane si bravo e scattante ma un po’ intrattabile. Se però correttamente lo teniamo sotto controllo nella sua diffidenza dai suoi primi mesi, potremo farlo diventare un cane con un carattere molto disponibile e gioioso. Anche la diffidenza potrebbe diminuire, quella che mostra verso le persone appena conosciute.

Crescendo, soprattutto se maschio, il Cirneco dell’Etna può essere molto aggressivo con il cane dello stesso sesso, nel periodo dai due ai quattro anni di vita, poi inizia a calmarsi. Aggressivo o meno, dipende molto anche dal contesto in cui cresce: se è quello familiare, dove è viene abituato a non stare solo e musone, allora il rischio è minore.

In generale fin da piccolo il Cirneco dell’Etna ama essere portato a spasso e incontrare altri cani e persone, ma non lasciamolo libero. Ama curiosarema vuole aversi sotto controllo, vuole sapere che siamo vicino, meglio non lasciarlo girare a caso, dato il suo carattere… primitivo.

Cirneco dell’Etna: allevamenti

Partiamo dalla Sicilia, terra originaria del nostro Cirneco dell’Etna. Sull’isola ci sono vari allevamenti tra cui dell’Ovo in provincia di Catania, Falco Rosso in provincia di Trapani, e Gelso Bianco in provincia di Catania. Sempre vicino a Catania anche il Siciliano. Nel Lazio, in provincia di Roma, c’è l’allevamento di Cirneco dell’Etna di Borgo di Pratica mentre in Emilia Romagna quello di Valentino Del Red in provincia di Reggio Emilia. Arriviamo in Lombardia dove questa razza è allevata a Baia delle Sirene, nel Pavese, e ad Hadranensis, a Begamo.
Lombardia, provincia di Bergamo, comune di Bergamo.

cirneco dell'Etna

Cirneco dell’Etna: prezzo

Ogni cucciolo di Cirneco dell’Etna può avere un prezzo che va dai 400 ai 600 euro e ha davanti a sé 15 anni di vita: Questa razza è molto longeva, gli esemplari più fortunati e ben tenuti raggiungono anche i 20 anni. Non essendo semplicissimo avere a che fare con questo cane, più che altro è importante partire con il piede giusto, consiglio di munirsi di un manualetto discorsivo che ne racconta meglio.

Se si decide di diventare un padrone di Cirneco dell’Etna vale la pena spendere pochi euro per questo agile libro che assicura una piena sintonia con la razza.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che possono interessarti:

– Elenco razze di cani

– Dogo Argentino: carattere e prezzo

 Bull Terrier:caratteristiche e prezzo

Dobermann: carattere e prezzo

Pubblicato da Marta Abbà il 29 febbraio 2016



Top 3 Articoli