Cane che scava buche

Cane che scava

Un cane che scava buche è piuttosto normale, non c’è nulla di cui stupirsi, in generale, ma ci sono casi in cui questo scavare diventa esagerato e si fa necessario capire perché lo fa arginando i danni. Il cane che scava buche lo fa per varie ragioni, in parte anche per istinto, può essere però educato. Vediamo come e quando.



Cane che scava in giardino

Il giardino, se ne avete uno, è spesso la vittima del cane che scava. E’ un’area invitante, piena di odori, dove l’animale spesso durante l’estate tenta di sfuggire al caldo scavando buche. Tutti sanno che sotto la superficie il terreno è più fresco, basta quindi scavare di qualche cm per trovare refrigerio. Ci sono però delle razze che hanno maggiormente questa abitudine rispetto ad altre, razze infatti che “scavano di più” e razze che “scavano di meno”.

Cane che scava: cause

Quella del refrigerio durante l’estate è una delle varie ragioni che ha un cane che scava ma non certo l’unica. Lo scavare può essere anche uno sfogo da parte di cani stressati o tristi , oppure un modo per fare passare il tempo se l’animale si annoia. Questo capita se ad esempio teniamo sempre il cane da solo in giardino e non interagiamo con lui. Inizierà a scavare qui e là, giusto per non stare a vagare a caso.

Cane che scava

Se abbiamo un cane di razza come un segugio o comunque con un indole da cacciatore, lo scavare buche è ancora più istintivo perché avverte sotto la superficie della terra l’odore di fertilizzanti, radici di piante oppure di ossa. Un altro motivo per cui il cane scava delle buche è per nascondere i suoi trofei o i suoi giochi dal padrone che non ne capisce il valore.

Cane che scava: razze

Gli Husky e i Labrador sono cani che scavano molto, come anche quelli appartenenti a razze come pastore tedesco, barboncini, dobermann, alaskan malamute e i bassotti. Al di là della razza, come regola generale, da non prendere però troppo alla lettera, si può affermare che più un cane si annoia e sta fermo, più scava, questo capita più probabilmente con cani dall’indole meno pigra. Quelli invece che non sono irrequieti, risultano magari anche contenti di non dover andare a fare la passeggiata, restando a godersi le coccole domestiche.

Cane che scava

Cane che scava: rimedi

Osservando le ragioni che portano un cane a scavare possiamo intuire qualche strategia per evitare che lo faccia troppo spesso senza arrivare a negargli del tutto quello che per lui è un gesto di istinto.

Possiamo fargli fare esercizio fisico, farlo divertire con lunghe passeggiate piene di odori e di stimoli in modo che, una volta in giardino, non gli venga voglia di andare a cercare dei passatempi sottoterra, sotto il nostro prato.  Portare il cane al parco o ai giardini, soprattutto se non ne abbiamo uno nostro, è essenziale e non solo per evitare che scavi buche.

Ci sono anche dei trucchi più diabolici per convincere un cane che scava a desistere. C’è ad esempio chi ha pensato di sotterrare un palloncino dove il cane di solito scava così quando con le zampe lo tocca esplode spaventandolo quel tanto da fargli perdere la voglia di scavare.

Un metodo meno “cattivello” può essere quello di emettere un rumore sgradevole ogni volta che il cane fa quello che non deve fare così da collegarlo con un divieto. Basta un fischietto o battere le mani o richiamarlo.

Cane che scava

Cane che scava nella cuccia

Il cane che scava nella cuccia è più raro di quello che scava in giardino e spesso lo fa per noia, visto che sotto il pavimento della cuccia non c’è nulla da scoprire e non c’è modo di creare nascondigli.

Noia oppure carenza di attività fisica, oppure ancora ansia da separazione. Come la prova l’uomo, la può sperimentare anche l’animale che, se percepisce la sgradevole sensazione di essere abbandonato, anche per un solo pomeriggio, reagisce con una serie di comportamenti strambi e ribelli tra cui anche lo scavare immotivato.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 22 novembre 2017