Barbabietola Rossa: proprietà e ricette

Barbabietola Rossa

Barbabietola Rossa, un alimento che accompagnava le avventure anche degli antichi Greci e Romani che già sapevano come si trattasse di un modo non solo per riempirsi lo stomaco ma anche per curarsi. Infatti la Barbabietola Rossa ha delle ottime proprietà medicinali e curative da non sottovalutare anche in tempi moderni.



Cotte, le Barbabietole Rosse sono molto scure di colore, quasi viola, il loro è un colore talmente particolare che vengono usate anche per ottenere un colorante naturale impiegato sia per altri cibi, sia per cosmetici, come i rossetti, per tessuti o per creme e dolci di alta pasticceria artistica. Della Barbabietola Rossa ciò che noi mangiamo sono le foglie e le radici a tubero, tipiche per la loro forma arrotondata.

Barbabietola Rossa: la pianta

Chiamata comunemente Beta vulgaris, oppure barbabietola da orto, questa pianta è una erbacea biennale, sviluppa foglie cuoriformi e poi piccoli fiori verdi o rossastri. Produce anche dei frutti, anche se non sono ciò che mangiamo noi: sembrano noci e sono parecchio duri.

Barbabietola Rossa

Barbabietola Rossa: proprietà e benefici

Per i perennemente stanchi, per chi ha l’influenza, per chi soffre di stitichezza oppure di emorroidi, la Barbabietola Rossa è un cibo consigliato,anche se fa bene anche a chi non ha nulla di tutto ciò e vuole avere una alimentazione sana, varia, ricca ed equilibrata. Questa radice, però, in particolare ha la capacità di migliorare le funzioni epatiche e di combattere le infezioni alle vie urinarie.

Ci sono in corso anche studi in merito al potere della Barbabietola Rossa di contrastare i tumori, al colon, oppure i disturbi cardiovascolari, tutte valutazioni ancora da fare in modo definitivo, mentre è certo che questo alimento fa bene a chi deve rafforzare i capillari e migliorare la circolazione sanguigna.

Per le sue proprietà spiccate, la Barbabietola Rossa può creare fastidio a chi soffre di gastrite perché fa aumentare la produzione di succhi gastrici, e anche a chi ha problemi di calcoli ai reni, perché ricca di ossalati. Infine anche i diabetici dovrebbero evitare questa radice visto il suo alto contenuto di zuccheri, soprattutto se cotta.

Barbabietola Rossa

Barbabietola Rossa: cottura

Vien da sé, spesso, che cuocendo un alimento, può capitare che le sue proprietà vengano ridotte, ed è ciò che accade anche questa volta. I contenuti più importanti da non perdere cuocendo la Barbabietola Rossa sono le vitamine del gruppo B, tra cui l’acido folico, molto utile durante la gravidanza perché evita difetti nello sviluppo del bimbo in arrivo.

Per chi non vuole correre rischi di diminuire la propria dose di B, c’è anche la possibilità di bere la barbabietola in succo, una bevanda che risulta ricca di sali minerali, ottima sia per reintegrare l’organismo sia per aiutare gli anemici.

Barbabietola Rossa: ricette

Tra foglie e radici, crude e cotte, le ricette con la Barbabietola Rossa sono numerose e a nostra volta possiamo introdurre delle varianti secondo i nostri gusti personali. Uno dei modi migliori per trarre il massimo da questo alimento è quello di evitare la cottura e di mangiarlo a pezzettini o grattuggiato, in una insalata, con succo di limone che aiuta l’assorbimento del ferro.

Se proprio non vi piacciono crude, lessatele, gustandole con olio e limone, o saltatele in padella oppure al forno. Se non siamo molto convinti di voler mangiare la Barbabietola Rossa da sola, può sempre farne un condimento per un buon risotto che ci farà cambiare idea. Ecco la ricetta del risotto alle barbabietole rosse.

Se vi è venuta l’acquolina in bocca, ecco un’altra ricetta per innamorarsi della Barbabietola Rossa per sempre: le tagliatelle alle barbabietole rosse.

Barbabietola Rossa

Barbabietola Rossa: calorie

Un altro pregio di questo tubero dal colore carico, è che contiene poche calorie, anche chi è a dieta, quindi, può inserirlo nel menù traendone solo effetti positivi. Per ogni etto di Barbabietola Rossa assumiamo circa 20 Kcal e molte fibre che danno una sensazione di sazietà senza farci ingrassare. Contiene anche molta acqua, (91%), cosa che la rende gradita anche in diete ipocaloriche.

Barbabietola Rossa: valori nutrizionali

Questo tubero ancora poco usato nella cucina italiana, è invece un vero e proprio concentrato di sostanze benefiche e sarebbe ora che tutti ce ne rendessimo conto prendendo esempio, una delle rare volte che lo si può affermare, dai menù dei paesi più a nord.

Oltre alle fibre solubili e insolubili, utili all’intestino, sono presenti in abbondanza nella Barbabietola Rossa anche sali minerali come sodio, calcio, potassio, ferro e fosforo, e vitamine tra cui spiccano la A, la C e quelle del gruppo B. Non è finita, antiossidanti e flavonoidi sono presenti in quantità considerevoli e servono per per proteggere l’organismo dall’azione dei radicali liberi.

Barbabietola Rossa al forno

Mettere in forno questo tubero è a mio parere uno dei modi migliori di mangiarlo, se poi ci aggiungiamo le patate, e cuciniamo ol tutto al cartoccio, ci stupiremo del gusto di questa semplice ricetta. Prendiamo 800 gr di patate e 400 di Barbabietola Rossa, due cipolle rosse e un peperoncino rosso, un po’ di rosmarino, olio e sale.

Con quattro fogli di stagnola componiamo un cartoccio e nella parte centrale poniamoci le barbabietole rosse tagliate a dadotti mescolandole con le mani condite di olio. Uniamoci poi la cipolla a pezzettoni e infine le patate sempre a dadotti, dando un’ultima mescolata con olio, sale e un rametto di rosmarino. Chiuso il cartoccio, lasciamo cuocere in forno a 180°C per 50 minuti, poi, una volta aperto, ancora un po’ in forno fino a quando le verdure non prendono un po’ di colore. Questo è un ottimo contorno per la carne.

Barbabietola Rossa: estratto

Per chi non ha voglia di cucinare ma vuole approfittare dei benefici della Barbabietola Rossa può procurarsene l’estratto con 10 euros su Amazon, non alcolico, in boccetta da 50ml.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest 

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 8 ottobre 2016