Aston Martin Rapide S, l’auto a idrogeno

Il prossimo maggio, in occasione della ADAC 24 Ore del Nürburgring, l’Aston Martin svelerà al pubblico la sua prima auto ibrida a idrogeno, la Rapide S, versione rinnovata della supercar Aston Martin a quattro porte e quattro posti. Il panorama automobilistico segnerà un nuovo traguardo, l’ibrida a idrogeno della Aston Martin sarà prima auto sportiva a zero emissioni di CO2 a completare una gara di durata come la 24 Ore del Nürburgring ed è, in assoluto, la prima auto a idrogeno a competere in un evento internazionale.

L’auto ibrida a idrogeno sarà equipaggiata con un motore V12 6.0 litri doppio turbo, sviluppato in collaborazione con gli esperti di idrogeno della Alset Global. L’Aston Martin Rapide S è in grado di correre alimentata da benzina e idrogeno gassoso. Correndo in modalità “idrogeno puro”, gli ingegneri della Aston Martin vogliono dimostrare che è possibile sfrecciare in pista senza emettere un solo grammo di CO2: dal tubo di scarico della vettura uscirà solo acqua!

Quando parliamo di auto a idrogeno i dubbi sono numerosi, in generale è difficile trovare mezzi per lo stoccaggio dell’idrogeno ma non quando si parla di piccole quantità e soprattutto no quando ci sono di mezzo gli ingegneri meccanici del team Aston Martin: l’auto monta quattro serbatoi in fibra di carbonio capaci di contenere 3,5 kg di idrogeno a una pressione di 350 bar, così la vettura può essere alimentata in modalità “puro idrogeno”, solo con benzina o con una combinazione di entrambi.

Non ci resta che aspettare la competizione ADAC 24 Ore del Nürburgring che si terrà il 19-20 maggio, la competizione coinvolgerà più di 150 vetture che avranno l’arduo compito di percorrere un circuito di 25 km che dal Nordschleife si spinge fino alla moderna pista del Gran Premio di Germania.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 aprile 2013