American Staffordshire Terrier: carattere e prezzo

American Staffordshire Terrier

American Staffordshire Terrier, noto forse ancor meglio come Amstaff, è un cane non di taglia XL ma che riesce a unire in sé un grande temperamento e un gran equilibrio. Nonostante le cattive voci che girano su questa razza, essendo nata per combattere, l’American Staffordshire Terrier mostra una buona capacità di socializzazione, fin dai primi mesi di vita. Potente e amichevole è un eccellente cane da compagnia in grado di proteggerci.



American Staffordshire Terrier: origini

Nasce tra Stati Uniti d’America e Canada, l’American Staffordshire Terrier, attorno al 1885, e nasce come lottatore. Come vincitore di combattimenti tra cani, poi fortunatamente diventati illegali. Proprio in quegli anni si costituisce l’American Kennel Club (AKC), per la tutela delle razze canine pure, che riconoscerà questa razza solo nel 1936 definendone lo standard.
Nel frattempo il nostro American Staffordshire Terrier si sviluppa fino a prendere le sembianze del cane che oggi conosciamo come Amstaff. La sua storia, i suoi tratti fisici e il suo carattere, sono da ricercare orientandosi tra incroci che vedono protagonisti cani di tipo molossoide e di tipo terrier.

Gli antenati più probabili,a sentire gli esperti, sono due razze oggi estinte ma da cui provengono molti cani che oggi vediamo passeggiare tranquilli, vivi e vegeti e felici: sono il Bull and Terrier, progenitore di tutti i “Terrier di tipo bull”, e il Blue Paul Terrier, compagno dei pirati che un giorno ne fecero sbarcare a terra alcuni esemplari.

American Staffordshire Terrier

Proseguendo la selezione, e diventati illegali i combattimenti tra cani per cui l’American Staffordshire Terrier era stato creato, alcuni allevatori hanno cominciato a cambiare rotta con gli incroci per trasformare questo cane in un animale da soggiorno e da compagnia.

Badando ai canoni morfologici-estetici, è nato quindi l’attuale salottiero American Staffordshire Terrier mentre il suo cugino Pitbull è rimasto nel mondo dei combattimenti. Il nome lungo dell’Amstaff suonava prima con “Pit” infatti, al posto di Staffordshire, ed è stato l’AKC a cambiarlo per indicare che si tratta di un cane non da ring ma con una fama basata sull’eleganza e sull’appariscenza.

American Staffordshire Terrier: aspetto

Pur essendo di taglia media l‘American Staffordshire Terrier appare un cane molto forte e robusto. Non appare alto sugli arti, ma non si può definire tozzo: ha una struttura nel complesso proporzionata, massiccia e muscolosa. Basta vederlo muovere per poter affermare che si tratta di un cane agile ed elegante: farci accompagnare da lui in passeggiata rende la nostra figura ancora più armoniosa, se possibile. Taglia media, nel caso dell’American Staffordshire Terrier si traduce in una altezza al garrese che per il maschio va da 45 cm a 48 cm, poco meno per la femmina.

American Staffordshire Terrier
A guardarlo negli occhi, scuri e tondi, ben distanziati, non ha nulla di aggressivo, questo cane, con un muso dai muscoli ben pronunciati ma comunque tondeggiante. Le orecchie sbucano in alto, corte e appuntite, oppure portate a “rosa”, il tartufo è nero e piuttosto grande, il collo è possente come anche il torace, ampio e profondo.  La coda, illegalmente tagliata in passato, non è molto lunga e si assottiglia nella parte terminale, ma mai è arricciata o arrotolata: accompagna l’American Staffordshire Terrier nella sua andatura agile ed elastica, mai molleggiata.

American Staffordshire Terrier: pelo

Ce ne sono di tutti i colori, di American Staffordshire Terrier, ma alcuni più tollerati di altri. Il pelo di questo cane, in ogni caso, e in ogni tinta, è sempre corto e senza sottopelo, ma folto. Ad accarezzarlo si sente che è un mantello duro, ma lo si ammira per quanto è lucido e di uguale lunghezza in tutto il corpo. Tornando all’aspetto cromatico, troviamo American Staffordshire Terrier con mantello a tinta unica, a chiazze o tigrato. I colori sono tutti “disponibili” nell’ampia campionatura ci sono quelli tollerati ma non desiderati: il bianco puro, il nero focato e il fegato.

American Staffordshire Terrier

American Staffordshire Terrier: carattere

Ha un coraggio definito anche dai più critici, “proverbiale” l’American Staffordshire Terrier, ex cane aggressivo che oggi unisce in sé un grande temperamento e un profondo equilibrio. Di natura ha un carattere forte, dominante con i suoi simili, ma quando è accolto in famiglia è capace di sfoggiare un’ottima capacità di socializzazione.

L‘American Staffordshire Terrier si affeziona ad una persona in particolare che diventa il suo riferimento ma è aperto e ben disposto con tutta la famiglia, anche con gli estranei non è aggressivo. E’ oggi reputato tra i cani eccellenti come compagni di vita, ha saputo riscattare le sue origini macchiate di sangue.

American Staffordshire Terrier

American Staffordshire Terrier: allevamento

Allevato per scopi diversi, nella storia, ma allevato spesso e volentieri, l’American Staffordshire Terrier vede alla della sua razza alcune principali linee di sangue: gli X-Pert, i Tacoma, i Ruffian, i Crusander. Roba da intenditori. Oggi però dalla carriera di lottatore è passato a quella da cane da compagnia, per il carattere docile, e da esposizione, per la bellezza. Nel secondo caso, è necessario interessarsi anche a queste ricercatezze.

American Staffordshire Terrier: prezzo

Un cucciolo di American Staffordshire Terrier ha un prezzo che varia dai 200 ai 900 euro, dipende molto anche dalla tinta e dai vari criteri di proporzione fisica. Dipende anche da noi e dalle nostre intenzioni nei suoi confronti: se lo vogliamo come cane di famiglia oppure intendiamo girare il mondo per mostrarlo nelle esposizioni e farlo gareggiare in bellezza. In entrambi i casi l’American Staffordshire Terrier non è un cane oneroso da mantenere: nella media. E’ invece necessario fargli fare molto movimento fisico.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 1 ottobre 2018