Uovo bollito, consigli per la cottura perfetta

uovo bollito come fare

Uovo bollito: ricetta delle uova bollite in versione “alla coque”, con media cottura o in versione “uova sode”. Tempi di cottura per ottenere l’uovo bollito perfetto. Proprietà nutrizionali e consigli per digerire le uova.

Molti sortivi sono sempre a caccia di nuove formulazioni proteiche. C’è chi assume proteine del latte in polvere e chi, invece, punta sul naturale e sceglie le uova. Le uova, infatti, sono un vero concentrato di proteine. Da un punto di vista nutrizionale possono essere descritte come delle “sfere di energia”. Quando parliamo delle proprietà nutrizionali delle uova, è meglio non fare un discorso globale, infatti tuorlo e albume, i due componenti delle uova, hanno caratteristiche differenti.

Uovo bollito, tempi di cottura

E’ facile dire uovo bollito!
In realtà,  a ogni grado di cottura corrisponde una differente consistenza. Si va dai due estremi. Da un lato c’è il risultato più umido, conosciuto come “uovo allo coque” e, dall’altro, c’è quello più duro, conosciuto come “uovo sodo“.

Tutti sanno come fare un uovo bollito… ma sono davvero poche le persone che sanno come, i tempi di cottura, possono condizionare sia le proprietà, sia la digeribilità di un uovo!

Nella foto in basso potete vedere tre uova bollite. Queste uova bollite differiscono per sapore, consistenza, odore, proprietà e digerbilità. I tre risultati sono stati ottenuti sfruttando tre differenti tempi di cottura. L’uovo sodo è meno digeribile dell’uovo alla coque.

Un uovo bollito dalla consistenza dura (uovo sodo) non dovrebbe mai essere bollito per un tempo superiore ai 9-10 minuti.

I tempi di cottura diminuiscono progressivamente passando dall’estremo più duro a un estremo più umido.

Uovo bollito

A incidere, in realtà, non sono solo i tempi di cottura ma anche la temperatura dell’acqua. Insomma… l’uovo bollito perfetto esiste ma dovete prima capire il risultato che volete raggiungere.

Nella foto in alto, i tempi di cottura non sono mai stati adeguati perché il risultato non è mai stato uniforme.

La cottura perfetta, infatti, vi farà raggiungere un risultato uniforme. L’uniformità si vedrà sia nel colore che nella consistenza. In particolare, quando si parla di uova bollite possiamo avere:

  • Uova alla coque
    quelle più umide. Resta umido sia l’albume che il tuorlo.
  • Uova barzotto o bazzotto
    nell’uovo barzotto, l’albume è completamente coagulato mentre la consistenza del tuorlo tende a essere molto umida, quasi liquida.
  • Uova sode
    nell’uovo sodo, sia l’albume che il tuorlo risultano completamente duri.

In ogni caso, l’uovo va aggiunto in acqua fredda. La quantità d’acqua deve essere sufficiente a coprire, di due cm, le uova da cuocere.

Come fare l’uovo bollito alla coque

L’uovo alla coque è quello più rapido nella preparazione e nei tempi di cottura. Si parte dall’acqua fredda, dove aggiungete il vostro uovo da cuocere. Da quando prende a bollire, dovete contare 60 – 90 secondi! Al momento dell’ebollizione, abbassaste la fiamma.

L’uovo allo coque va servito caldo.

Come fare l’uovo barzotto

L’uovo bazzotto (o barzotto) va fatto cuocere per il tempo necessario a far coagulare interamente l’albume (il bianco). La cottura non deve essere prolungata altrimenti anche il tuorlo inizierà a solidificarsi.

Per preparare un uovo bazzotto dovete aggiungere le uova in acqua fredda e, dal momento dell’ebollizione, contate 3 – 4 minuti a seconda delle dimensioni dell’uovo che dovete cuocere.

Al momento dell’ebollizione, abbassaste la fiamma.

Come fare l’uovo sodo

Nell’uovo sodo sia l’albume che il tuorlo sono perfettamente rassodati. L’albume, così come il tuorlo, dovranno essere asciutti. L’uovo sodo va servito freddo o almeno intiepidito.

Mettete le uova (a temperatura ambiente) in un pentolino con acqua fredda. Dal momento dell’ebollizione, abbassate la fiamma e contate 7 – 8 minuti.

Uova bollito, proprietà nutrizionali

Le proprietà nutrizionali dell’uovo bollito sono quasi sovrapponibili a quelle dell’uovo crudo. Le differenze sostanziali stanno in una riduzione della concentrazione vitaminica termolabile (calano le vitamine sensibili al calore) ma aumenta la disponibilità di biotina per la degradazione della proteina chelante avidina. Per tutte le informazioni sulla proprietà nutrizionali vi rimandiamo alla pagina: uova, proprietà

Ti potrebbe interessare anche Alimentazione in menopausa e “L’uovo sbattuto fa bene!”

Pubblicato da Anna De Simone il 13 aprile 2017