Topinambur, coltivazione e info

topinambur coltivazione

Come coltivare topinambur: le istruzioni sulla coltivazione del topinambur, dalla messa a dimora dei tuberi al raccolto. Altre informazioni su proprietà e ricette.

Il topinambur, botanicamente noto come Helianthus tuberosus, è una pianta che non può passare inosservata. Cresce spontaneamente lungo i corsi d’acqua, nei campi incolti e non è raro imbattersi in un esemplare di topinambur lungo una stradina di campagna. Questa pianta erbacea è originaria del Nord America e del Canada è stata importata nel Vecchio Continente con il rimpatrio dei primi coloni europei, si è naturalizzata così in Italia e in tutti i paesi d’Europa a clima mite. Presenta una vistosa fioritura tanto che la sua coltivazione non ha solo scopo alimentare ma è molto coltivata anche come pianta ornamentale.

Del topinambur si coltivano le radici carnose (i tuberi) il cui sapore ricorda vagamente quello del carciofo.

coltivare topinambur

La coltivazione del Topinambur è molto semplice da attuare, se non sapete da dove iniziare, potete andare a raccogliere alcuni tuberi con una passeggiata in campagna. Per prelevare i tuberi, scalzonate la pianta con un forcone, raccoglieteli dopo che le prime gelate hanno disseccato completamente fusto e foglie. Dopo il raccolto il topinambur può essere consumato  o messo nuovamente a dimora.

Topinambur, coltivazione

Dove coltivare il topinambur?
Per coltivare topinambur scegliete una parte isolata dell’orto: il topinambur è molto resistente e può diventare infestante. Scegliete una posizione soleggiata o parzialmente soleggiata.

Quando iniziare la coltivazione di topinambur?
L’autunno è il periodo migliore per raccogliere e piantare il topinambur.

Come coltivare il topinambur 
Con un coltello ben affilato e dalla lama sterile, tagliate i tuberi più grossi in piccoli porzioni da andare a interrare.

Fate in modo che ogni pezzo di topinambur conservi almeno una gemma, è dalla gemma che si svilupperà il vostro germoglio e avrà vita una nuova pianta. Da ogni tubero si potranno ottenere, n base al numero di gemme, dalle 2 alle 4-5 piantine.

Preparate dei solchi profondi di circa 10 centimetri e sul fondo posizionate i frammenti di tubero. Si volete coltivare solo pochi esemplari di topinambur non saranno necessari i solchi ma dovrete ugualmente interrare i tuberi a una profondità di 10 cm. Tra un tubero e l’altro lasciate uno spazio di 20 – 25 cm. Per terminare l’impianto, coprite i tuberi riempendo i solchi di terra.

Quando raccogliere topinambur 
Proprio come accade con le patate, anche con il topinambur, per il raccolto, dovrete aspettare che la parte aerea dissecchi completamente. Quando fusto e foglie saranno totalmente appassiti, potete scavare con una piccola zappetta la zona perimetrale della pianta o scalzare i tuberi con un forcone. Per maggiori informazioni vi invito a leggere l’articolo guida Quando raccogliere le patate.

Produttività e cure da dedicare al topinambur
Un ettaro di terreno coltivato con il topinambur restituisce una resa di 16 – 20 tonnellate per i tuberi.  Il topinambur è facilissimo da coltivare: trattandosi di una pianta resistente cresce spontaneamente e non necessita di cure. Anzi, se non contenuta, può trasformarsi in una pianta infestante andando a ostacolare la crescita delle altre piante dell’orto.

Conservazione 
Al contrario delle patate, il tubero del topinambur non si conserva a lungo! Dal raccolto, il tubero può essere conservato solo per 8 – 10 giorni, meglio se in frigorifero.

Topinambur, dove comprarlo per cucinarlo o coltivarlo

Questo tubero si può acquistare nei supermercati più forniti o sfruttando la compravendita online. Su Amazon, mezzo chilo di topinambur si compra con 5,24 euro con spese di spedizione incluse nel prezzo. Il topinambur, così comprato, può essere usato sia per la cottura che per la coltivazione sfruttando i tuberi germogliati.

Link utili: proposte d’acquisto semi o tubero su Amazon

Topinambur, proprietà

Il topinambur deve la sua popolarità alle sue proprietà nutrizionali: sembra essere un ottimo alimento soprattutto per chi soffre di diabete di tipo 2 anche se molti studi hanno dimostrato che la quantità di inulina contenuta nel topinambur è fortemente condizionata dalle temperature di coltivazione.

Il topinambur è ricco di potassio (sono contenuti 650 mg di potassio in 150 grammi di tuberi), è ricco di altri micronutrienti come tiamina, fosforo, niacina e rame. E’ una buona fonte di fibre. Per tutte le informazioni vi invito a leggere l’articolo dedicato alle Proprietà del Topinambur.

Come cucinare i Topinambur

Il topinambur è conosciuto come il cibo dei nativi americani. Può essere consumato in un gran numero di ricette, anche dolci. Non mancano liquori e bevande a base di topinambur. Per le ricette e idee per cucinare topinambur o consumare il tubero a crudo, vi invito a visitare la pagina intitolata “Topinambur, ricette“.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 aprile 2016