Tipi di siepe fiorita

Tipi di siepe

Tipi di siepe diversi per esigenze diverse ma anche per differenti climi in cui le vogliamo coltivare. Non basta dire che ci serve una siepe, è necessario capire cosa ci aspettiamo da queste piante, se una protezione per il nostro giardino verde e fiorito tutto l’anno oppure una barriera che blocchi sguardi indiscreti, se una recinzione antiladro oppure solo una separazione estetica, pro forma, senza alcuna pretesa di fermare sguardi e persone.



A seconda dei tipi di siepe possiamo ottenere infatti muri verdi da 15-20 metri oppure solo un metro scarso, oppure ancora più basse se servono per accompagnare un vialetto a scopo ornamentale e nulla più.

Ci sono tipi di siepe adatti ad affiancare una cancellata o un muretto, o a ricoprirli per nasconderli altre rampicanti che crescono in verticale ricche di fiori, siepi con le spine o con foglie tormentose in grado addirittura di catturare le polveri sottili.

Tipi di siepi fiorite

Due tra tutti i tipi di siepe con fiori mi sento di consigliare, non perché gli altri non siano meritevoli di attenzione, ma bisogna pur scegliere e io opto per il Lauroceraso e per il Ligustro. Nel primo caso si tratta di una sempreverde a crescita rapida che raggiunge i 7 metri d’altezza. Questa siepe è florida e compatta, molto resistente e facile da coltivare, resiste sia al freddo che ai parassiti, sfoggia un bel verde brillante e naturalmente i fiori, i suoi fiori bianchi, in aprile.

Il Ligustro è una pianta sempreverde di origine giapponese ma che si trova bene anche in Italia, arriva a 4-5 metri, fiorisce da giugno a settembre con piccoli e profumati fiorellini bianchi coprendo le pareti di petali candidi.

Tipi di siepe

Tipi di siepe: nomi

Sono molto più numerose di quanto non ci possa pensare, le siepi che potenzialmente il nostro giardino può accogliere. In questo articolo, dedicato alle piante da siepe, trovate le più comuni e facili da mantenere. 

Tipi di siepe: piante

Vediamo una carrellata di tipi di siepe diverse, per farci una idea della varietà da cui possiamo “pescare” la nostra preferita. Il Cipresso di Leyland è una pianta da siepe che crea un vero e proprio muro fitto ma va controllato in modo che non superi i 4 metri di altezza, la Photinia è una delle piante per siepi da giardino più utilizzate perché le persone si innamorano delle sue bellissime foglie rosse. E’ anche facile da coltivare e resistente, assorbe smog e polveri sottili ed è per questo molto usata in ambienti cittadini.

Altra siepe molto comune e apprezzata è il Bosso, sempreverde originaria del Giappone che cresce spontaneamente sulle Alpi e sugli Appennini, presente anche in varietà nana. Per via dei fiori, principalmente, viene spesso scelto il Biancospino per creare una barriera difensiva rigogliosa e profumata che produce frutti commestibili di colore rosso vivo.

Procedendo con altri tipi di siepe si trova la Pyracantha, originaria dell’Asia, dalla crescita veloce ma piena di spine acuminate presenti sui fusti, e l’Alloro, molto utilizzata per delimitare i confini fra le abitazioni, con le sue foglie utili anche per aromatizzare le carni o per preparare tisane depurative.

Tipi di siepe: immagini

Tipi di siepe

 

Tipi di siepe

Tipi di siepi per giardino 

Per mantenere le siepi in giardino, o si paga un addetto ai lavori, o ci si munisce di forbici ad hoc come queste, ergonomiche in acciaio da 27 euro adatte anche per gli steli delle rose e munite di dispositivo di bloccaggio per chi deve imparare come potare le siepi. Se preferiamo un tagliasiepi, è importante sapere come sceglierlo per non gettare soldi.

Tipi di siepe

Tipi di siepe per recinzione

Oltre a scegliere i tipi di siepe per gusto e utilizzo, è necessario valutare anche le distanze minime dal confine definite dal Codice civile a cui si possono piantare le piante. Per arbusti e piante rampicanti la distanza deve essere di almeno 50 cm, per gli alberi definiti di “non alto fusto” deve essere di m 1,5

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 19 marzo 2018