Arjowiggins: tra la tecnologia di SMAU risorge la carta

Arjowiggins

Chi l’ha detto che la carta è destinata a scomparire? Guardando tra le chicche di SMAU, l’annuale appuntamento dedicato al mondo della tecnologia e dell’innovazione che si è chiuso nei giorni scorsi a Milano, si direbbe il contrario. Arjowiggins Creative Papers, noto gruppo, cartario è stato presente a SMAU con uno stand pronto a raccontare tutta l’innovation nascosta dietro il mondo della carta.

“A molti è sembrato paradossale che Arjowiggins Creative Papers prendesse parte ad un evento di questa portata dedicato al mondo della tecnologia. Pensare al sodalizio tra carta e innovazione, infatti, è apparso quasi folle ad alcuni visitatori. Io, invece, credo fermamente che il matrimonio sia possibile e che l’incredibile affluenza al nostro stand ne sia stata la prova tangibile”, ha dichiarato Simone Medici, Amministratore Delegato di Arjowiggins Italia Srl.

Tanti, indubbiamente, sono stati i curiosi che hanno visitato lo stand per  toccare i supporti delle carte presentate, ma molte sono state anche le aziende dell’IT che hanno chiesto, domandato e apprezzato le infinite possibilità applicative di un supporto antico ma sempre attuale, la carta.

Sono felice e orgoglioso di essere stato pioniere, in un certo senso, in un mercato dove non eravamo mai arrivati e che rappresenta il futuro. Chi non vuole rendersi conto che anche i prodotti più tradizionali devono essere attori protagonisti del processo innovativo e non spettatori passivi, non sarà mai in grado di stare al passo con i tempi ed essere realmente competitivo”, ha aggiunto Medici.

Da questa esperienza si potrebbe ricavare la lezione che il momento storico richiede attenzione e rielaborazione del tradizionale in chiave moderna. Che è poi la mission di Arjowiggins Creative Papers.

Pubblicato da Michele Ciceri il 5 novembre 2012