Come far rifiorire la Stella di Natale

stella-di-natale

Far rifiorire la Stella di Natale (Euphorbia o Poinsettia Pulcherrima) è indice di pollice verde e se ci riuscite potrete vantarvi di avere un buon feeling con le piante. In effetti, nonostante le assicurazioni dei fiorai e dei vivaisti, far rifiorire la Stella di Natale non è facile perché molto dipende da come la pianta è stata coltivata.

Una forzatura eccessiva o l’abuso di fertilizzanti per potenziare il colore possono aver affievolito la capacità di resistenza e non è raro che in alcune coltivazioni industriali si attui una sorta di ‘obsolescenza programmata’: Stelle di Natale create per fiorire alcuni mesi e poi morire, così da poter essere sostituite.

Posto che bisogna potersi fidare del fiorista, e che comunque il risultato non è garantito, proviamo a far rifiorire la Stella di Natale. Passate le feste, non appena la Stella di Natale comincia a perdere le brattee rosse (che sono delle false foglie) potete diradare gradualmente le innaffiature (che comunque non devono mai essere abbondanti) e quando i rami sono completamente spogli (il che avviene normalmente alla fine di febbraio) potete potare a circa un palmo di altezza.

Eseguita la potatura, il vaso con la Stella di Natale che desiderate far rifiorire va tenuto al buio per quattordici ore al giorno per otto settimane (due mesi circa). Solo ai primi di maggio, a primavera inoltrata e con l’arrivo dei primi caldi, potrete rinvasare la Stella di Natale con terriccio universale molto soffice e portare all’aperto (sempre all’ombra però) tornando a innaffiare e concimare con regolarità e parsimonia (se l’acqua è troppa le radici marciscono facilmente)

Superata l’estate e con l’arrivo di ottobre, la Stella di Natale va riportata in casa e collocata in una posizione molto luminosa per favorire la colorazione delle brattee. Se riuscirete a far rifiorire  la pianta sarete stati bravi e potrete dare un po’ di rosso alla casa in occasione delle feste senza dover comprare un’altra Stella di Natale. E non solo di rosso perché oggi è possibile acquistare anche varietà di Stelle di Natale con brattee di colori diversi che vanno dal rosa, al giallo pallido al bianco.

Pubblicato da Michele Ciceri il 1 gennaio 2014