Pistacchio di Bronte

Pistacchio di Bronte

Ai golosi di pistacchio non è certo sfuggito il sapore unico e inimitabile del pistacchio di Bronte che chi è suo concittadino chiama in siciliano “frastuca” o “frastucara” a seconda che si intenda rispettivamente il frutto o la pianta. Andiamo ad indagare meglio perché questo pistacchio ha conquistato così tanta popolarità e se se la merita, capendo anche come beneficiare al meglio delle sue magiche proprietà.



Il pistacchio di Bronte è una varietà di pistacchio ottenuta dalla Pistacia vera Napoletana innestata sulla Pistacia terebinthus. È un prodotto che ha meritato la Denominazione di origine protetta DOP ed è anche Presidio Slow Food. Lo avete mai assaggiato? Lo sapreste riconoscere ad occhi chiusi?

Pistacchio di Bronte

Questo pistacchio non solo è buono e ricco di proprietà utili per chi lo mangia ma si rivela anche una miniera d’oro per chi lo coltiva. Ancora oggi infatti la coltivazione e la produzione di pistacchio rappresentano per Bronte, paese della provincia di Catania, attività da ritenersi fonte di reddito essenziale. Non è un caso, e non è solo per via del gusto, che questo alimento viene soprannominato l‘”Oro Verde”.

Nella sola città di Bronte si possono contare oltre 1000 produttori di pistacchio. Per ottenerlo così come oggi noi lo consumiamo, il frutto raccolto deve essere smallato ed asciugato, passaggi che fa il produttore stesso, poi deve essere confezionato ed esportato una volta che è stato venduto ancora in guscio alle aziende esportatrici. Il pistacchio di Bronte non è un prodotto che ha seguito solo in Italia, anzi, è parecchio apprezzato all’estero, tanti che circa l’80% se ne va fuori confine a ingolosire europei, americani es asiatici, soprattutto.

Il Pistacchio di Bronte non può essere coltivato ovunque, deve arrivare da una precisa zona della nostra Penisola, dall’area che si trova divisa tra diversi comuni: Bronte, Adrano e Biancavilla. Va controllata anche la quota, quella adatta è tra i 400 e i 900 m sopra il livello del mare. Oltre ad esportare pistacchi in guscio a Bronte si preparano anche numerosi prodotti derivati dalla lavorazione del pistacchio, ecco qualche esempio che fa venire l’acquolina in bocca: il “pesto di pistacchio” per il condimento della pasta, il gelato al pistacchio, i biscotti di pistacchio, la crema di pistacchio, il cioccolato al pistacchio e molti altri.

Pistacchio di Bronte DOP

Il pistacchio a Bronte si coltiva da anni e anni e anche i prodotti derivati non sono certo una novità ma solo nel giugno del 2009 l’Unione europea ha pubblicato il disciplinare che conferisce al pistacchio verde di Bronte la Denominazione di origine protetta (DOP). Nella sua scheda di prodotto viene definito “prodotto in guscio, sgusciato o pelato, delle piante della specie Pistacia vera dal colore verde intenso e dal sapore aromatico forte”. Per essere DOP a tutti gli effetti il pistacchio occorre che sia stato prodotto nel territorio di Bronte, Adrano, Biancavilla.

Pistacchio di Bronte DOP

Ci sono delle specifiche anche riguardanti le tecniche colturali. Si prende infatti atto che “l’albero del pistacchio è molto resistente alla siccità, in Sicilia viene coltivato a un’altitudine variabile dai 300 ai 900 m. Si adatta ai terreni rocciosi e calcarei e anche alle lave vulcaniche; predilige le esposizioni a sud. Buona resistenza al freddo, teme le gelate primaverili”.

Curioso conoscere anche un altro soprannome del pistacchio di Bronte o meglio della pianta che è chiamata scornabecco, una parola che deriva dalla parola spagnola cornicabra che significa “corno di capra”. Chi volesse interessarsi alla coltivazione del pistacchio, in loco, deve sapere anche che su otto piante femmine bisogna piantare un maschio e che il maschio deve essere piantato in sopra vento e in sotto vento le femmine.

Come mai? Perché così il vento può trasportare il polline dei fiori dai maschi fino al pistillo delle femmine.

Pistacchio di bronte prezzo

Per chi volesse una confezione di pistacchio verde di Bronte DOP, sgusciato al naturale, ne può trovare da 500 grammi a 30 euro anche su Amazon. E’ un prezzo che si avvicina ai prodotti sempre DOP che troviamo nella grande distribuzione, se davvero si tratta di pistacchio di Bronte

Pistacchio di bronte prezzo  

Pistacchio di Bronte: crema

Prodotto goloso e gustoso, la pasta di pistacchio naturale e senza conservanti adatta per creme e gelati è acquistabile anche su Amazon. Un vasetto da 250 grammi costa 18 euro.

Pistacchio di Bronte: torta

Per i golosi è inutile ricordare che i pistacchi in cucina si possono utilizzare in tantissimi modi, sia in ricette salate che in ricette dolci. Troviamo il pistacchio anche ad insaporire i salumi come la mortadella o il salame al pistacchio, oppure nel pesto alla brontese. Uno degli utilizzi più scontati ma non per questo meno appetitosi, è quello che riguarda i dolci, in particolare la torta. La ricetta è quella di qualsiasi torta alla frutta secca ma il pistacchio di Bronte da una marcia in più.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 19 novembre 2018