Olio essenziale di Melissa

Olio essenziale di Melissa

Olio essenziale di melissa: proprietà, rimedi naturali e indicazioni sugli usi. Olio essenziale di melissa per uso interno, a cosa serve e quando assumerlo.



Melissa officinalis

Tutti hanno sentito parlare delle proprietà della melissa, specie erbacea usata per calmare l’ansia e per la cura personale. In aromaterapia e in generale, nella fitoterapia, la melissa è considerata un vero toccasana per la mente.

La melissa officinalis è annoverata tra i rimedi naturali contro l’ansia, un’alleata contro lo stress e diversi disturbi di natura psicosomatica. Agisce velocemente e per questo è considerata un ansiolitico naturale.

L’olio essenziale di melissa è estratto dalla Melissa officinalis, pianta erbacea eurasiatica dal piacevole aroma dolce. E’ dalle foglie verdi della pianta che è estratto, per distillazione in corrente di vapore, l’olio essenziale.

Olio essenziale di melissa: a cosa serve?

L’olio essenziale di melissa apporta interessanti benefici in diversi ambiti della salute.

  • Aiuta i processi digestivi
  • Riequilibra il sistema ormonale femminile,
  • E’ un aiuto in prossimità della menopausa,
  • E’ un rimedio alle sindrome premestruale,
  • Annovera proprietà analgesiche,
  • Ha effetti calmanti e sedativi,
  • Rilassa la muscolatura liscia e striata,
  • E’ considerata un antispastico naturale.

Se non ti è ancora chiaro a cosa serve questo olio essenziale, ne analizziamo alcuni impieghi. Tra le altre proprietà associate ai principi attivi dell’olio essenziale di melissa, citiamo anche quella antinfiammatoria, febbrifuga, antidepressiva, sudorifera e insettifuga.

L’olio di melissa per calmare le tensioni

In aromaterapia, l’olio essenziale di melissa è usato per calmare le tensioni nervose, sciogliere i nervi e allontanare stress e ansia. Per ottenere un effetto rilassante e usare la melissa come ansiolitico naturale, è possibile preparare un bagno distensivo.

Come usarlo? Aggiungere 20 gocce di olio essenziale di melissa a una manciata di sale di epsom da usare come sale da bagno e far sciogliere nell’acqua della vasca.

Rimedio naturale per dormire

Per predisporsi al sonno, oltre a una tisana per dormire a base di melissa, puoi diffondere in ambiente il suo olio essenziale sfruttando un bruciatore d’essenze. In alternativa puoi assumere l’olio essenziale di melissa per uso interno, facendo attenzione alle indicazioni riportate sul flacone del prodotto.

Come ansiolitico naturale

Se l’ansia si somatizza con cefalea, palpitazione, crampi… puoi usare questo olio per un massaggio ansiolitico. Tra i suoi usi, quello come unguento per massaggi apporta molteplici benefici.

Come usarlo? Ti basterà aggiungere 5 gocce di olio essenziale di melissa in un cucchiaio di olio di mandorle. Massaggiare sulla parte dolente, intorno all’ombelico o sulla fronte.

Rimedio naturale contro la sindrome premestruale

E’ un ottimo rimedio in caso di mestruazioni dolorose. Massaggiate l’addome con l’olio di melissa diluito in olio di mandorle o altro olio vettore. In caso di sindrome pre-mestruale, per prevenire i sintomi, inizia i massaggi almeno 3 o 4 giorni prima della comparsa della mestruazione.

Come antispasmodico 

Se hai spasmi muscolari e dolori associati a crampi, ti consiglio di sfruttare il rimedio con sali di epsom citato in precedenza.

In caso di meteorismo, nausea, problemi digestivi e spasmi addominali, puoi massaggiare la zona addominale con un unguento dato da 30 ml di olio portante (olio di oliva), 10 gocce di olio essenziale di melissa, 4 gocce di olio essenziale di lavanda e 3 gocce di olio essenziale di limone.

Per la cura della pelle

L’olio di essenza di melissa può essere usato per la cura della pelle, soprattutto in combinazione con olio portante come quello di germe di grano. Può essere usato per il trattamento di eczemi e altre affezioni della pelle.

Olio essenziale di melissa: controindicazioni

Tra le controindicazioni vi è quella legata all’impiego di qualsiasi olio essenziale: irritazione e sensibilizzazione cutanea.

Gli oli essenziali non vanno mai usati puri ma sempre diluiti in un olio vegetale come l’olio di mandorle, l’olio di germe di grano, l’olio di avocado o il semplice olio d’oliva.

Se hai una pelle molto sensibile usa l’olio essenziale di melissa molto diluito così da impiegarlo in piccole quantità e osservare possibili reazioni cutanee.

Al momento dell’acquisto fai attenzione a comprare un prodotto puro al 100%. Il motivo? Quello di melissa è tra oli essenziali più adulterati presenti in commercio.

Gravidanza

E’ controindicato in caso di gravidanza? No. Sono diversi gli oli essenziali che presentano controindicazioni in caso di gravidanza o allattamento ma quello di melissa non è tra questi. Per altre info: oli essenziali in gravidanza.

Come fare l’olio essenziale di melissa

Preparare oli essenziali fai da te non è semplice. Se hai una grossa coltivazione di melissa puoi cimentarti in questo esperimento sfruttando una pentola a pressione. Le istruzioni su come fare l’olio essenziale di melissa le trovi nell’articolo dedicato alla distillazione in corrente di vapore. La “distillazione in corrente di vapore” è la tecnica usata per estrarre la gran parte di oli essenziali dalle parti vegetali di una pianta.

Olio essenziale di Melissa uso interno

Della melissa potrai usare foglie, germogli e rametti.

Olio essenziale di melissa, dove trovarlo

Si tratta di un olio essenziale molto comune e per questo anche molto adulterato. Prima dell’acquisto assicurati dell’affidabilità del produttore.

E’ possibile affidarsi alla compravendita online: a “questa pagina Amazon” puoi trovare diverse proposte. Noterai che le più economiche sono le “diluite”, cioè dove l’olio essenziale di melissa è presente in una concentrazione del 5% in un olio portante. Consiglio sempre di comprare un olio essenziale puro da diluire poi in piena autonomia.

Olio essenziale di melissa uso interno

Puoi comprare l’olio essenziale di melissa per uso interno sia su Amazon che in farmacia. In questo caso, assicurati che le indicazioni in etichetta specifichino “di grado alimentare” oppure “per uso alimentare”. Solo gli oli essenziali con questa dicitura possono essere impiegati per uso interno.

Pubblicato da Anna De Simone il 11 dicembre 2018