Come essiccare la melissa

come essiccare la melissa

Come essiccare la melissa: istruzioni sull’essiccazione della melissa. Quando effettuare il raccolto per ottenere foglie ricche di composti aromatici e consigli sui metodi di conservazione.

E’ importante saper essiccare (e quindi conservare) le foglie di melissa ma è altrettanto fondamentale capire quando è il momento giusto per effettuare il raccolto.

Essiccare la melissa per tisane e infusi

La melissa essiccata potrà essere usata in cucina o per preparare infusi e tisane. Per gli infusi, dovreste sminuzzare la melissa essiccata fino a ridurla a piccoli frammenti di 2 – 3 mm. In questo modo non andrete a sprecare preziosi principi attivi e potrete beneficiare a pieno delle proprietà della melissa.

Quando raccogliere la melissa

La raccolta della melissa si esegue prima della fioritura così da ottenere foglie ricche di composti aromatici e principi attivi preziosi. Dopo la fioritura, le caratteristiche organolettiche della pianta vanno a peggiorare e le foglie divengono più difficili da manipolare.

Le foglie di melissa da essiccare si raccolgono a metà mattina, quando la rugiada è ormai scomparsa e la superficie delle foglie risulta completamente asciutta.

La melissa va tenuta in posizione a mezz’ombra perché quando esposta in pieno sole, la pianta arresta la produzione di principi attivi. E’ importante irrigare la melissa per tutta la durata della coltivazione così da ottenere foglie ricche di composti aromatici e in grado di esprimere a pieno le proprietà benefiche di questa pianta.

Come essiccare la melissa

Dopo il raccolto, la melissa può essere avviata all’essiccazione. Essiccare la melissa significa privare tutte le foglie dell’acqua. I tessuti vegetali, privi di acqua, non potranno portare avanti i processi metabolici ed enzimatici che andrebbero a deteriorare la pianta. Grazie all’essiccazione si andranno a bloccare tutti i processi biologici della cellula vegetale. Il contenuto d’acqua, con l’essiccazione, dovrà essere ridotto a una percentuale del 12 – 15%.

Con un’essiccazione eccessiva (quantità d’acqua inferiore all’11%), le foglie tenderanno a rompersi troppo facilmente o addirittura a polverizzarsi.

L’essiccazione della melissa si può ritenere conclusa quando le foglie risultano fragili e croccanti, quando iniziano a sbriciolarsi (attenzione, si sbriciolano ma non si polverizzano!).

Come essiccare la melissa in modo naturale

Se volete eseguire un’essiccazione naturale, potete disporre le piante su tralicci o su setacci posti in una zona ben arieggiata (ma non ventilata), dal clima asciutto (priva di umidità) e lontana dai raggi diretti del sole (in zona ombreggiata o al coperto).

Se volete essiccare la melissa all’aperto, magari nel vostro giardino di casa, dovete avere la premura di “rincasare” i setacci durante la notte, trasferendo la melissa in una zona riparata e lontana dall’umidità del tardo pomeriggio. Al mattino, quando l’aria è asciutta, potete portare di nuovo all’esterno le foglie di melissa e continuare così fin quando non noterete le foglie più secche e che iniziano a sbriciolarsi.

Essiccatore

L’essiccatore è uno strumento utilissimo per l’essiccazione di erbe aromatiche, scorze di agrumi, funghi, peperoncini, pomodori, zucchine e tanti altri ortaggi.

Se vi piace essiccare e conservare spezie e ortaggi, vale la pena acquistare un nuovo elettrodomestico da usare all’occorrenza. Se eseguite il processo un’unica volta all’anno, solo per la melissa, vi sconsiglio l’acquisto… è pur sempre un elettrodomestico che occupa spazio inutilmente quando non usato!

Un buon essiccatore si compra con poche decine di euro. Il modello Severi OD 2940 si compra su Amazon al prezzo promo di 49,99 euro con spese di psedizione gratuite. E’ composto da 5 ripieni separati dove disporre le erbe (o la frutta, ortaggi) da essiccare. Per tutte le informazioni vi invito a visitare la pagina Amazon: Severin OD 2940. Vi ho segnalato questo prodotto perché ho avuto modo di provarlo in prima persona e confermare le recensioni positive lasciate anche da altri utenti.

Come essiccare la melissa in forno

Sconsiglio questo procedimento perché basta un secondo di distrazione per polverizzare le erbe e ritrovarsi con un prodotto non più essiccato ma bruciato o cotto. In forno si rischia di compromettere le proprietà della melissa disattivando i preziosi principi attivi.

Chi vuole provare, dovrà disporre su carta da forno le foglie di melissa (asciutte) e porre il forno al minimo (mai più di 45°C) e tenere lo sportello del forno semi aperto. In bocca al lupo!

Potrebbe interessarvi: coltivazione della melissa

Pubblicato da Anna De Simone il 21 maggio 2017