Olio di Argan, indicazioni utili

Come usare l’olio di argan su pelle e capelli. Dove comprarlo e quali sono le proprietà e i benefici che apporta. Consigli per il trattamento del viso e del corpo.

Insieme all’olio di cocco, anche quello di argan è molto apprezzato in ambito cosmetico. In particolare, l’olio di argan è considerato un fautore di giovinezza per le sue proprietà antiossidanti, emolilenti, idratanti, rigeneranti e di conseguenza anti-age. Per i benefici che esercita sulla pelle, è considerato tra i più preziosi oli che si trovano in natura.

Argania spinosa

Si tratta di un olio di origine vegetale proveniente dal Marocco, in particolare dalle piante del genere “Argania” e dalla specie “Argania spinosa”. L’argania spinosa cresce fino a 8-10 m e riesce a vivere fino a 200 anni. Dagli alberi si sviluppa un frutto lungo 2 – 4 cm, simile a una bacca, una noce molto dura all’interno della quale si trovano due o tre piccoli noccioli da cui si estrae l’olio.

Questa pianta è endemica del Marocco e della zona meridionale dell’Algeria. Attualmente si può trovare solo in un’aria di circa 8.000 km2.  Nel 1998, l’UNESCO ha dichiarato l’area forestale di argania “riserva della biosfera”. L’olio, che viene estratto a freddo dai frutti dell’Argania Spinosa, è difficile da separare dalla polpa. In Marocco, l’intera filiera produttiva dell’olio Argan è gestita da donne, dal raccolto alla premitura. Si tratta di una cooperativa tutta al femminile che si occupa anche della riforestazione di tali piante.

olio argan proprieta benefici pelle cosmesi

Fino al 2001 – 2002, era difficile acquistare l’olio argan fuori dal Marocco, ma dopo l’interesse mostrato dall’industria cosmetica, la produzione è aumentata e con essa anche l’esportazione in Europa e nel resto dell’Occidente.

Olio di argan, proprietà e benefici per pelle e capelli

Nell’olio di argan vi sono, in misura considerevole, acidi grassi essenziali omega-6 e tocoferoli (vitamina E), che entrando nei fosfolipidi delle membrane cellulari delle cellule cutanee, le rendendole più fluide, inoltre promuove la produzione di collagene della pelle, combattendo i radicali liberi, responsabili delle rughe e dell’invecchiamento cellulare.

La composizione dell’olio argan è molto interessate: vede l’80% di acidi grassi insaturi, ricchi di acidi grassi essenziali come il già citato omega-6. L’olio di argan è molto amato dai produttori di cosmetici tanto che lo troviamo nella formulazione di molti prodotti per la cura della pelle e dei capelli.

L’olio argan contiene:

  • 44% acido oleico
  • 30% acido alfa-linolenico
  • 12% acido Palmitico
  • 6% acido stearidonico
  • 5% acido linoleico
  • 3% acido micristico

L’olio di argan può essere usato come olio cosmetico, grazie al suo alto contenuto di squalene, (3.100 mg/kg) protegge in maniera efficace la pelle. I principi in esso contenuti prevengono l’invecchiamento della pelle, rendono la pelle più morbida ed elastica.

L’olio di argan è efficace contro i capelli fragili, rinforzando e idratando il cuoio capelluto notevolmente. Per l’applicazione è sufficiente massaggiare il cuoio capelluto con la lozione 30 minuti prima dello shampoo ogni settimana.

Come riconoscere l’olio argan nei cosmetici

Il suo nome INCI, quello che, per intenderci, trovate annoverato nelle etichette dei prodotti, è: Aragania Spinosa Kernel Oil. Nei cosmetici destinati alla cura e al trattamento della pelle grassa, viene usato l’olio argan che ha subito un ulteriore trattamento, indicato con nome INCI: Argania spinosa fruit unsaponifiables.

Nel mondo cosmetico sono disponibili -anche se meno utilizzate- le forme ozonizzate e idrogenate dell’olio argan, i nomi inci: ozonized argan oil, hydrogenated argania spinosa kernel oil.

Il sapone prodotto a partire da olio argan ha un nome inci: Sodium Arganate.

Olio di argan del Marocco, dove comprarlo

L’Olio Argan che troviamo in commercio in Europa viene prodotto quasi esclusivamente in Marocco. In Marocco, la produzione di olio argan fornisce reddito a più di 3 milioni di persone che generano 20 milioni di ore lavorative su base annuale. La cooperativa femminile lavora all’interno della biosfera protetta dall’Unesco e la produzione totale di olio argan è di circa 4.000 tonnellate. Per il lavoro svolto, l’Union des Cooperatives des Femmes de l’Arganeraie (UCFA), la cooperativa femminile che si occupa della produzione di olio argan, ottiene il sostegno non solo dall’UNESCO ma anche dall’Unione europea con l’Agenzia per lo Sviluppo Sociale. Grazie all’intervento di ben 22 cooperative, alle donne lavoratrici viene garantito un reddito equo legato alla vendita dell’olio argan. Scrivo questo perché, da donna, penso che vi farà piacere sapere che nella produzione di olio argan marocchino non vi è alcun abuso, ne’ sfruttamento ambientale o di risorse umane. :)

Passiamo alla domanda principale: dove comprare un buon olio argan puro e magari anche certificato Bio? Tra le varie proposte del mercato vi segnalo quella usata da me, ma ciò non toglie che in qualsiasi erboristeria potete trovare un buon olio argan! Assicuratevi solo che sia puro al 100% (senza altri oli aggiunti), che sia vergine e ancora meglio se con marchio Bio per una filiera ulteriormente controllata.

Come lo uso io? In genere lo impiego come olio portante nel quale aggiungo qualche goccia di olio essenziale di carota, per idratare, ammorbidire e contrastare l’invecchiamento della pelle del viso. Lo uso al naturale, come pre-shampoo per ammorbidire i capelli, come protezione per i capelli quando vado a mare o in piscina e… talvolta anche per ammorbidire i capelli (ne metto pochissime gocce sui capelli già asciutti e pettinati)! Per praticità (e soprattutto per una maggiore economicità) come dopo-doccia uso l’olio di mandorle dolci :)

Il prodotto in questione è proposto su Amazon al prezzo di 14,99 euro per il flacone da 250 ml, con spedizione gratuita. Per tutte le informazioni vi rimando alla “pagina ufficiale del prodotto

Nella foto in alto, l’olio argan. Nella seconda foto, come appare il kernel (frutto) acerbo (a destra) e a maturazione ultimata (a sinistra).

Pubblicato da Anna De Simone il 23 ottobre 2017