Mosca delle ciliegie: rimedi naturali

mosca-delle-cicliegie

La mosca delle ciliegie è attratta dal colore giallo e per catturarla si usano trappole di questo colore munite di dischetti adesivi. Un sistema naturale, semplice e poco costoso, che funziona perfettamente da maggio a giugno, il periodo dell’anno in cui la mosca delle ciliegie è al massimo dell’attività.

In verità la mosca delle ciliegie depone le uova fino a luglio nella polpa dei frutti (soprattutto in quelli a maturazione tardiva)  ma è consigliabile che le trappole non vengano lasciate in azione troppo a lungo perché possono attirare altri insetti innocui e a volte utili.

La mosca delle ciliegie è molto simile alla mosca domestica e depone le uova nelle ciliegie non ancora mature, che subito ingialliscono. L’ingiallimento è il primo segnale evidente dell’attacco e prelude alla fuorisuscita dei bruchi che rosicchiano la polpa facendo cadere i frutti. Le cultivar a maturazione precoce sono le meno esposte al rischio.

La trappola meccanica è il sistema più usato e più efficace contro la mosca delle ciliegie, escludendo gli insetticidi chimici. L’azione è più efficace se affiancata da interventi preventivi da effettuarsi nel periodo della fioritura (primavera). Per esempio con un antiparassitario naturale come l’infuso di assenzio.

L’infuso di assenzio (Artemisia absinthium) allontana la mosca delle ciliegie dai frutti impedendo la deposizione delle uova. Allontana anche altri insetti, acari, larve di farfalla e lumache ma in modo naturale e non lascia residui nelle foglie o nel terreno. Il trattamento va fatto almeno tre settimane prima della fioritura perché sia efficace al massimo.

Con la mosca delle ciliegie bisogna stare attenti anche a evitare l’insediamento delle colonie. Per questo motivo è necessario raccogliere e distruggere mano a mano e il prima possibile tutte le ciliegie infettate che cadono dall’albero. Questa operazione serve a impedire che le crisalidi possano penetrare e svernare nel terreno, ripresentandosi in forma di mosche l’anno successivo.

Ti potrebbero interessare:

Pubblicato da Michele Ciceri il 10 aprile 2015