Come sconfiggere le malattie fungine

Le piante possono essere soggette a malattie fungine, malattie pericolose che colpiscono le colture floricole, orticole, ornamentali e da frutto. Le malattie fungine si presentano come macchie di colore e consistenza diversa. Le cause sono riconducibili alla elevata umidità, alle irrigazioni abbondanti e ai ristagni d’acqua. 

Malattie fungine, come riconoscerle e prevenirle
Le malattie fungine attaccano le nostre piante in maniera diversa: alcune aggrediscono maggiormente le foglie, altre invece il fusto o l’apparato radicale.
Tra le principali malattie che aggrediscono le foglie delle piante troviamo l’oidio detto anchemal bianco: si sviluppa in primavera e si manifesta sulla parte superiore della foglia con larghe macchie biancastre e polverulente, come la farina. La causa è riconducibile alle irrigazioni fatte direttamente sulle foglie. L’oidio provoca la decolorazione, l’ingiallimento e successivamente il disseccamento delle foglie. Per evitare la diffusione dell’oidio è importante fare una buona prevenzione, evitando di esporre le piante a un’eccessiva umidità, evitando le irrigazioni dirette sulle foglie e distanziando per bene tra di loro le piante per evitare i ristagni d’acqua. Se invece ormai la malattia è in fase di sviluppo bisogna intervenire con prodottti specifici in vendita nei vivai o nei consorzi. Esistono anche metodi naturali.

Le malattie fungine che invece si sviluppano sulla parte bassa del fusto è la sclerotinia che comporta l’imbrunimento e la graduale marcescenza delle parti colpite. Si manifesta con macchie scure chiamate sclerozi che sono capaci di propagarsi anche attraverso il terreno e i semi della pianta stessa, rendendo quindi la malattia molto contagiosa.
Per prevenirla bisogna evitare un’eccessiva umidità e distruggere tempestivamente le specie colpite per evitare il contagio nei confronti di quelle sane.

Altra malattia fungina molto insidiosa è la Botrys cinerea, meglio conosciuta come muffa grigia: colpisce qualsiasi parte della pianta e si adatta a qualsiasi condizione ambientale,
Colpisce maggiormente le colture floricole, come il crisantemo, la rosa ed il ciclamino, di cui attacca e distrugge soprattutto i fiori, ma non ne sono indenni alcune specie orticole, come il pomodoro e la fragola, e quelle da frutto, come il melo, pero, pesco e susino, e lavite di cui attacca pesantemente i grappoli.
A favorire la muffa grigia sono le temperature elevate e l’eccesso di umidità.

Tra i prodotti efficaci contro le malattie fungine, la Biofarm mette a disposizione fungicidi di natura biologica, sia per uso professionale che per quello domestico.

Pubblicato da Anna De Simone il 27 giugno 2013