Liquirizia, coltivazione in vaso o in giardino

coltivare liquirizia

Liquirizia, coltivazione in vaso o in giardino. Consigli su come coltivare la liquirizia in casa o nell’orto. Caratteristiche della pianta e le cure da dedicarle.

E’ possibile coltivare la liquirizia in vaso o in giardino, tutto ciò che vi serve è un po’ di spazio e la volontà di curare una pianta.

Liquirizia, caratteristiche della pianta

La pianta di liquirizia è resa popolare dalle sue radici; il suo nome botanico è Glycyrrhiza glabra, si tratta di una pianta perenne che può raggiungere e superare un metro di altezza.

Per poter iniziare a sfruttare le radici delle piante di liquirizia coltivate in vaso o giardino, dovrete aspettare tre o quattro anni, solo a questo grado di maturazione sarà possibile usare le radici!

Le radici si raccolgono in autunno e vengono essiccate in ambienti asciutti e poste all’ombra. Per l’essiccazione delle radici di liquirizia potete usare un essiccatore elettrico. Dopo l’essiccazione, avrete ottenuto i classici bastoncini di liquirizia da masticare o da usare per la preparazione di tisane e liquori (potete dare un’occhiata alla ricetta del liquore a liquirizia).

Durante la fioritura, in primavera, la liquirizia emette dei piccoli fiori di colore bianco, tendenti al lilla.

Liquirizia, coltivazioni in Italia

In Italia esistono diverse piantagioni di liquirizia. Le più grandi coltivazioni di liquirizia in Italia sono dislocate nelle regioni della Calabria e dell’Abruzzo. La liquirizia cresce bene in qualsiasi regione d’Italia, all’estremo nord bisognerà prendere qualche precauzioni in più ma nulla di proibitivo.

liquirizia coltivazione

In Italia, della liquirizia si utilizzano sia le radici, sia le foglie. Le foglie sono impiegate soprattutto a livello erboristico, per la preparazione di rimedi medicamentosi. Le foglie di liquirizia annoverano proprietà cicatrizzanti e antibatteriche.

Coltivare la liquirizia, il terreno adatto

La liquirizia non necessita di particolari cure se l’impianto di partenza viene eseguito a dovere. Prima della messa a dimora delle piantine di liquirizia sarà necessario preparare il terreno idoneo.

Le piante di liquirizia preferiscono terreni morbidi e sabbiosi. Non amano i terreni sassosi perché andrebbero a ostacolare lo sviluppo delle gustose radici.

Le piante di liquirizia vanno collocate in pieno sole.

Come coltivare liquirizia, la semina

La coltivazione della liquirizia può partire dal seme. Il periodo più adatto per la semina è dislocato nei mesi di febbraio e di marzo.

Disponete i semi su terriccio fertile e ricopriteli di uno strato sottilissimo di terreno. Potete seminare in piccole buchette o seminare a spaglio e rastrellare delicatamente per interrare i semi in modo superficiale. Chi abita a nord può seminare in casa o posticipare la semina a fine aprile se le temperature esterne non sono ancora abbastanza mini.

Per il primo raccolto dovrete aspettare il terzo anno dopo la semina.

Dove comprare semi di liquirizia?
Presso i garden center più forniti o sfruttando la compravendita online. Ecco due link utili da Amazon, il portale più sicuro quando si parla di acquisti online.

La liquirizia è una pianta tipica del Mediterraneo, può crescere bene anche a Nord Italia, dove gli inverni sono più rigidi ma bisognerà scegliere un luogo soleggiato del giardino. Per chi abita nel settentrione: il nostro consiglio consiste nel coltivare liquirizie in vaso così da spostare i contenitori al riparo durante i mesi più freddi dell’anno.

Le piante di liquirizia necessitano di poca acqua, chi coltiva in giardino dovrà irrigare ogni due settimane.

Liquirizia, coltivazione in vaso

Se intendete coltivare la liquirizia in vaso, man mano che la pianta cresce, annualmente, eseguite dei rinvasi. Al terzo anno, la liquirizia dovrà disporre di un vaso di almeno 50 cm di profondità (meglio 60 cm!), non dimenticate che la parte commestibile cresce nel sottosuolo, per queste le radici hanno bisogno di spazio per prosperare.

Chi coltiva in vaso dovrà eseguire delle periodiche potature, il minimo indispensabile per arieggiare la pianta e limitare affollamenti dei rami.

Le piante di liquirizia necessitano di poca acqua, chi coltiva in vaso dovrà irrigare a cadenza settimanale.

Nell’immagine in alto, i fiori chiusi della Glycyrrhiza glabra.

Altre informazioni: come coltivare liquirizia

Pubblicato da Anna De Simone il 15 settembre 2016