Liquirizia, proprietà e informazioni

Proprietà-LiquiriziaLiquirizia: informazioni sulla pianta e sulle sue proprietà terapeutiche. Controindicazioni, effetti sulla pressione e come si mangia.


Liquirizia, pianta

La liquirizia, nome botanico Glycyrrhiza glabra, è una pianta originaria dell’Europa Meridionale e dell’Asia.

Per le sue proprietà terapeutiche, è considerata una pianta molto speciale tanto che parliamo di una delle erbe più usate.

La pianta della liquirizia è molto impiegata dai professionisti della fitoterapia orientale e occidentale.

La Glycyrrhiza glabra veniva impiegata a scopi curativi già dagli antichi medici cinesi e fu citata da Ippocrate come sostanza curativa contro la tosse. Le notizie più antiche che la riguardano risalgono a circa 6.000 anni fa e se ne trovano addirittura tracce nelle tombe di alcuni faraoni egiziani. Come è evidente, la popolarità di questa pianta è assolutamente indiscussa, così come lo sono le sue proprietà!

La Glycyrrhiza glabra è una pianta erbacea perenne appartenente alla  famiglia delle fabaceae (è una leguminosa). Cresce fino a superare un metro di altezza e presenta foglie pennate di circa 7 – 15 cm. La radice della liquirizia è uno stolone.

Il tipico sapore dolce della liquirizia è stato associato a un composto detto glicirrizina.

Radice di liquirizia

Dalla radice di liquirizia si ottiene un estratto le cui proprietà sono legate alla presenza di flavonoidi, sostanze volatili, saponine e fitoestrogeni come isoflavene glabrene e isoflavene glabridina.

Tra queste i principi attivi che caratterizzano la liquirizia e la sua radice, spicca sicuramente la glicirrizina. Tale sostanza, secondo gli esperti, eserciterebbe proprietà antinfiammatorie, espettoranti e protettive della mucosa gastrica. Ai flavonoidi sono dovute le proprietà antispastiche.

La liquirizia sembrerebbe essere efficace contro tosse, mal di gola, catarro, cervicale e acidità gastrica eserciterebbe inoltre anche una blanda funzione lassativa.

Liquirizia, proprietà terapeutiche

La liquirizia è molto usata sia nella medicina popolare cinesenella medicina Ayurveda, nella fitoterapia, in erboristeria, in omeopatia e… anche nella medicina allopatica! Non è un caso che le sostanze attive della liquirizia sono usate nei laboratori farmaceutici per la preparazione di farmaci.

La Glicirrizina ha dimostrato di avere proprietà:

  • antivirale
  • antimicrbonica
  • antinfiammatoria
  • epatoprotettiva
  • ipertensiva
  • ipolipidemizzante
  • espettorante

Le sue proprietà antinfiammatorie si sono dimostrate efficaci contro diversi tipi di dermatite.

La liquirizia è risultata efficace nel trattamento di iperlipidemia (eccesso di grassi nel sangue come colesterolo alto e trigliceridi alti).

Alcune ricerche hanno dimostrato che masticare radice di liquirizia potrebbe prevenire la carie dentale mentre i suoi estratti proteggerebbero il sistema nervoso centrale da malattie neurodegenerative.

Altre proprietà associate alla liquirizia che, però, non hanno trovato abbastanza evidenze scientifiche, sono: proprietà antidiabetiche, lassative, antiulcera, proprietà immunostimolante e proprietà antitumorali.

Liquirizia e pressione

Chi soffre di pressione bassa, potrebbe trarre giovamento dalla liquirizia poiché aumenta la pressione del sangue, ma per lo stesso motivo va consumata con parsimonia. Masticare una stecca di liquirizia può essere consigliato in estate, per prevenire il classico calo di pressione legato al colpo di calore.

Come assumere la liquirizia

Abbiamo visto le sue proprietà, tutto molto interessante… ma.. come si mangia la liquirizia? La liquirizia è impiegata sotto forma di:

  • Succo / Estratto
  • Tisana (8 g/die al massimo)
  • Radice di liquirizia.
  • Estratto secco nebulizzato (500-700 mg al giorno).

Chi ha la fortuna di avere una pianta di liquirizia può preparare una tisana a partire dalla radice di questa pianta. Basta mettere 1,5 grammi di radice essiccata di liquirizia in 150 ml di acqua bollente.

Chi si sta chiedendo come mangiare la liquirizia, deve sapere che le radici possono essere anche succhiate e masticate così da assumerne gran parte dei principi attivi liberati mediante la masticazione.

Se non avete piante di liquirizia in casa, potete acquistare bastoncini di liquirizia che si trovano molto facilmente.

Su Amazon, una confezione di bastoncini di radice di liquirizia (puri, non trattati, solo essiccati) derivati da agricoltura biologica, si compra con 9,90 euro con spese di spedizione gratuite. Per avere maggiori informazioni sull’acquisto, vi rimandiamo alla pagina ufficiale Amazon.

Link Utile Amazon: confezione da 10 bastoncini di radici

Attenzione!
A prescindere dal prodotto che acquisterete, assicuratevi di comprare radici di liquirizia non trattati ma che sono stati semplicemente essiccati. Altra premura, assicuratevi che siano radici derivate da agricoltura BIO.

Non comprate le liquirizie in forma di caramelle! In quel caso si tratta di zuccheri al sapore di liquirizia. Le caramelle alla liquirizia e non custodiscono le proprietà terapeutiche appena descritte.

liquirizia pianta

In cucina la liquirizia è molto impiegata per la preparazione di dolci e caramelle. Per il suo sapore dolce e amarognolo, allo stesso tempo, può essere impiegata anche per le ricette di pietanze salate. Con la radice di liquirizia vengonoi preparate salse da abbinare a carne e pesce ma anche piatti originali come il risotto alla liquirizia.

Liquirizia, controindicazioni ed effetti collaterali

L’abuso di liquirizia può provocare effetti collaterali come mal di testa, gonfiori a viso e caviglie e ritenzione idrica, causa della cellulite.

La liquirizia è controindicata in caso di ipertensione, carenza di potassio nel sangue (ipopotassiemia), sovrappeso, gravidanza e insufficienza renale.

L’eccessivo consumo di liquirizia (più di 2 mg/kg al giorno) può provocare effetti collaterali come debolezza muscolare e carenza di potassio.

Nella foto in alto, i bastoncini essiccati della radice di liquirizia.
Nella foto in basso, la pianta di liquirizia con le sue foglie.

Pubblicato da Anna De Simone il 15 febbraio 2017