Jamthund: carattere e allevamenti

jamthund

Jamthund, un cane quasi sconosciuto, in Italia dato per N.P., non pervenuto se non in fotografia, o quasi. E’ un bel animale con un muso e un pelo che ricordano il Nord Europa, infatti non mi sorprende che la razza sia originaria della Svezia. Appartiene al gruppo dei cani di tipo spitz e tipo primitivo ed è da sempre utilizzato principalmente per la caccia all’alce, oppure in passato, per cacciare orsi e linci. Si spiega perché non viene da noi: andrebbe solo ad allargare la frazione di disoccupati del nostro paese, nonostante sia un essere vivente molto robusto e capace di grande resistenza.



Jamthund: origini

Questa razza svedese è stata riconosciuto nel 1946 ufficialmente, solo così di recente anche se è una razza antichissima, tra le più antiche del continente. Lo Jamthund è noto esserci fin da quando arrivarono i primi insediamenti umani in Svezia insediandosi in quella fredda terra.

Si è tardato così tanto non per antipatia nei suoi confronti ma per il fatto che lo Jamthund e il più piccolo Elghund norvegese, erano considerati come un’unica razza: quando la convivenza è risultata insostenibile il nostro cane svedese ha ottenuto la sua indipendenza.

jamthund

Jamthund: cuccioli

Pur essendo cuccioli, i piccoli di Jamthund sono sempre di grosso Spitz, hanno una costituzione rettangolare caratterizzata da linee pulite, un fisico forte e allo stesso tempo agile, non troppo lungo, né troppo pesante, proprio per i compiti che svolgono legati alla caccia.

Diventati adulti, i cuccioli di Jamthund raggiungono una buona statura, al garrese arrivano a 61cm,i maschi,le femmine a 56 che non è comunque un livello mediocre. Seppur potente il tronco dello Jamthund ha un aspetto elegante come anche il dorso, dritto e in leggera pendenza. Visto da sopra o di profilo, il cranio di questo cane non deve essere appuntito ma troncato, la testa è però piuttosto lunga, soprattutto fra le orecchie, un po’ bombata e con uno stop netto.

jamthund

Questo cane da caccia svedese ha una espressione sveglia ma calma, molto da abitante del nord, i suoi occhi hanno la forma tipica leggermente ovale e sono di colore bruno. Le orecchie, attaccate alte, sono appuntite e dritte, si muovo piuttosto spesso, più lunghe che larghe, particolari nel loro avere molto pelo anche sulla faccia interna, presumibilmente per il clima che lo Jamthund deve affrontare quando caccia nel suo Nord.

Si aggira con andatura energica e sciolta, che ci sia neve o meno, con falcate ampie, avanzando con piedi dalla forma un poco ovale, diretti dritti in avanti, sia anteriori sia posteriori. La coda non è molto lunga, ha uno spessore uniforme e parte alta dal corpo, è portata arrotolata ma non fino a formare il classico ricciolo di altre razze. Il pelo sulla coda è folto ma senza frange, in generale lo Jamthund lo porta corto sulla testa e sulla parte anteriore degli arti, più lungo sul collo, sul petto, sulle cosce, sulla parte posteriore degli arti. Oltre che nella coda, come abbiamo detto.

Il mantello è formato da un pelo di copertura, coricato ma non appiattito, e da un sotto pelo corto e di colore chiaro, molto spesso con una tonalità crema. I colori ammessi dallo standard di questa razza vanno dal grigio chiaro al grigio più scuro, non per forza tinta unita, perché ai lati del muso e su guance, sottogola, addome e arti possono comparire delle macchie sempre color grigio ma più chiaro, oppure crema: sono i segni della forte somiglianza con il lupo.

jamthund

Jamthund: carattere

Il carattere dello Jamthund è non pervenuto quasi come la razza stessa in Italia, ma possiamo azzardare che si tratti di un cane coraggioso e pieno di energia. Non immaginiamoci un animale irrequieto e fastidioso, di quelli così strabordanti di voglia di vivere e interagire da diventare insopportabili, per modo di dire. Questa razza nordica sta sulle sue, è molto calma e appare quasi impassibile.

Jamthund: allevamenti

In Italia non ci sono allevamenti che tengono questa razza, il sito ENCI non ne indica come anche segnala “zero” esemplari ufficialmente presenti sul territorio. E’ un cane ancora molto di nicchia, di certo ci sono allevamenti verso nord, in Svezia e nella penisola scandinava, ma prima di muoversi chiediamoci se è il caso di far vivere un cane così nel paese del sole. Più che chiederlo io a voi, va chiesto a chi lo alleva e ben conosce le esigenze della razza.

jamthund

Jamthund: prezzo

Il prezzo dello Jamthund è difficile da conoscere, più semplice indicare invece i difetti più ricorrenti, secondo lo standard di razza. Tra questi troviamo una striscia bianca ininterrotta dal sottogola alla punta dello sterno, gli occhi prominenti, eventuali difetti della dentatura, una andatura scorretta, la muscolatura insufficiente, il rachitismo e un retrotreno debole.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 6 luglio 2016