Insonnia cronica: rimedi

Insonnia cronica

Insonnia cronica, quando ne si soffre la qualità di vita cambia, e di molto, e anche le nostre performance, lavorative e nei rapporti personali. Ci sono infatti studi scientifici che hanno provato come lʼinsonnia cronica porti a delle conseguenze nel cervello che “si mangia i suoi neuroni” per difendersi. Quando abbiamo l’abitudine di non dormire di notte, si avvia un processo di autodistruzione delle cellule cerebrali e delle connessioni tra neuroni e questo potrebbe addirittura portare ad un aumento del rischio di ammalarsi di Alzheimer. Al di là di questa ipotesi soggetto di studi, sappiamo bene che dormendo meno il cervello funziona peggio, e non solo il cervello.



Insonnia cronica: cause

L’insonnia cronica è un problema piuttosto comune, in Italia ne soffre quasi un terzo della popolazione e di solito sono le donne e le persone anziani che più frequentemente hanno problemi di sonno. Alla base dell’insonnia cronica possono esserci cause dirette o indirette, essa può essere un sintomo di un altro disturbo medico o psichiatrico oppure una manifestazione a sé stante, indipendente da altre malattie. Se così è, allora l’insonnia può essere da adattamento, soggettiva, da inadeguata igiene del sonno, idiopatica, psicofisiologica. La più comune è proprio quest’ultima.

Può anche capitare che un leggero problema di insonnia, sottovalutato, diventi insonnia cronica, ciò può accadere anche perché degli stimoli interni e dei fattori ambientali ci portano a reiterare comportamenti da insonni. Per interni si intendono pensieri e stati mentali, per ambientali invece la stanza, le abitudini e quei personali rituali che precedono il sonno. Se iniziamo ad associarli al non dormire, una notte insonne tira l’altra e di diventa cronici.

Insonnia cronica

Insonnia cronica: rimedi

Ci sono dei trucchi semplici e che non costa nulla provare per cercare di migliorare il proprio status di insonni. Andare a letto sempre alla stessa ora e non subito dopo cena, ad esempio, e a cena non mangiare in modo troppo abbondante o pesante.

Chi è sensibile al caffé e al té, meglio che non ne beva in serata. Per quanto riguarda l’ambiente, è meglio che la stanza in cui dormiamo non sia la stessa in cui lavoriamo, se possibile, per le abitudini di vita, inoltre, evitiamo il riposino pomeridiano che “ruba” sonno alla notte. Altri rimedi per l’insonnia nell’articolo dedicato, per una alimentazione adeguata, c’è poi la dieta per insonnia consigliata.

Insonnia cronica: omeopatia

La fitoterapia, in caso di insonnia cronica, può aiutare. Si può ad esempio introdurre in serata, l’abitudine di sorseggiare una tisana rilassante, a base di una delle erbe adatte come biancospino, camomilla, escolzia, griffonia, luppolo, meliloto, melissa, papavero, passiflora, tiglio e valeriana. Ci sono però numerose ricette di tisane per dormire.

Insonnia cronica

Insonnia cronica: farmaco

Prima di intraprendere una terapia farmacologica, è meglio capire da cosa è causata la nostra insonnia cronica. I farmaci più utilizzati sono quelli ansiolitici/sedativi ed antidepressivi ma non vanno certo presi a caso, senza consultare un medico. A volte può essere utile anche un integratore di Magnesio Orotato, quando l’insonnia dipende da stress, un’altra sostanza utile è la melatonina, reperibile come capsule, compresse a lento rilascio o gocce.

Insonnia cronica conseguenze

Cosa accade quando per lungo tempo non si dorme abbastanza è noto a tutti. L’umore peggiora ma anche la salute, organi come il cervello ma non solo, iniziano a funzionare male, si ha una crescente irritabilità e una perdita delle capacità cognitive evidente. Oltre ad appisolarsi frequentemente durante le ore diurne.

Insonnia cronica

Insonnia cronica: ansia

L’insonnia cronica può anche essere dovuta ad un perenne stato di ansia, si può intraprendere una terapia con uno psicoterapeuta e intanto leggere “37 Strategie Per Vincere L’insonnia E Vivere Felici”.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche Come scegliere il cuscino

Pubblicato da Marta Abbà il 12 settembre 2017