Guanabana proprietà benefiche

Guanabana proprietà: ecco tutte le informazioni a livello nutrizionale e terapeutico di questo straordinario frutto esotico.

Di colore verde brillante, ricoperto da tante spine, la guanabana o graviola, è un frutto esotico dalle mille proprietà benefiche.  I dati storici raccontano che nell’antichità era coltivata da diversi gruppi di indigeni d’America, per sfruttare le proprietà nutritive e medicinali di questo frutto.

A livello nutrizionale, infatti, possiamo considerarlo un vero e proprio elisir della salute grazie al suo elevato contenuto di micronutrienti; è ricca di sali minerali, vitamina C e antiossidanti.

Guanabana proprietà

La guanabana è molto apprezzata già dall’antichità sia per le sue peculiarità culinarie che per le sue proprietà medicinali; è annoverata come rimedio naturale per diversi malanni nella medicina alternativa.

Attualmente viene coltivata anche in Europa;  viene utilizzata nella preparazione di dolci, frullati e un’ampia varietà di ricette. Non tutti sanno, però, che oltre a essere un frutto delizioso, possiede notevoli proprietà terapeutiche in grado di migliorare la qualità della nostra vita.

Rinforza il sistema immunitario

L’elevato contenuto di micronutrienti presenti in questo frutto, è in grado di migliorare la risposta del sistema immunitario del corpo. Ogni 100 grammi di questo frutto apportano 20 mg di vitamina C, una sostanza necessaria per rafforzare il sistema immunitario. La sua assunzione regolare ridurrebbe la suscettibilità alle infezioni e favorirebbe l’eliminazione di virus e batteri dannosi.

Aumenta le energie

Chi avverte spesso fatica e ha difficoltà a concentrarsi può migliorare questi sintomi con l’assunzione di una o due porzioni di guanabana al giorno. Questo delizioso frutto esotico contiene importanti sostanze nutriitive in grado di ricarica il corpo di energie. È anche una fonte importante di idrati di carbonio complessi, necessari per preservare la forza fisica e mentale.

È anticancerogena

Secondo le ultime ricerche, sembra che questo prodigioso frutto possieda potenti effetti anticancerogeni che potrebbero rivelarsi benefici tanto per chi già soffre di tale malattia, quanto per chi potrebbe esserne propenso.

I suoi antiossidanti sarebbero in grado di mitigare gli effetti nocivi del danno ossidativo e attaccare in maniera diretta le cellule maligne che formano i tumori.

Sempre a detta degli esperti, le sue foglie si rivelerebbero efficaci  nel trattamento di 12 tipi di cancro, incluso quello al colon, al seno e ai polmoni. C’è anche chi asserisce che il suo consumo possa avere migliori rispetto alla chemioterapia, soprattutto perché non provoca effetti collaterali ed è sicuro al 100%.

E’ doveroso sottolineare che in ogni caso sono necessari ulteriori studi per determinare il modo in cui agisce e perché potrebbe diventare un complemento nel trattamento del cancro.

Tutte le informazioni riguardo i benefici che la graviola arrecherebbe vanno prese con le pinze, la graviola non rappresenta una cura ma un coadiuvante di benessere, insomma un’arma in più per combattere la malattia. Va da sé che la nostra speranza sia quella di un ulteriore approfondimento medico-scientifico, al fine di un suo possibile impiego medico nella terapia antitumorale.

Protegge il sistema nervoso

Grazie all’elevato apporto di vitamine del gruppo B, la sua assunzione regolare ha effetti positivi anche sul sistema nervoso. Queste vitamine migliorano la circolazione sanguigna e partecipano a diverse funzioni del sistema cardiovascolare. La vitamina B2, inoltre, controlla i nervi e migliora le funzioni cognitive.
Sembra essere efficace anche per migliorare la circolazione del sangue e proteggere i nervi.

Protegge il sistema osseo

Gli esperti consigliano l’assunzione di questo frutto sia ad adulti che bambini per proteggere il sistema osseo. Dato che è ricco di fosforo e calcio, includerlo nella dieta aiuta a rinforzare le ossa e i denti.

Migliora la salute digestiva

Chi soffre di problemi digestivi può includere nella propria dieta questo frutto. Sembra infatti essere un prezioso alleato della digestione. Il suo alto contenuto di fibre e nutrienti essenziali conferisce un effetto protettivo alla flora batterica e aiuta a ripopolarla.

Combatte il dolore

Secondo gli esperti l’assunzione costante di succo naturale di guanabana garantirebbe un effetto antinfiammatorio contribuendo a calmare dolori comuni come il mal di testa, la tensione muscolare e le coliche. Consigliano di assumerlo due o tre volte al giorno, accompagnandolo ad un’alimentazione sana e alla pratica di tecniche di rilassamento.

Contro l’ipertensione

Chi soffre di pressione arteriosa alta può ottenere diversi benefici assumendo varie porzioni di guanabana alla settimana. Questo alimento è in grado di eliminare la ritenzione idrica nel corpo, migliorare la circolazione del sangue e l’elasticità delle arterie.

Come si mangia la guanabana o graviola?

Il frutto va mangiato al naturale oppure può essere utilizzato per fare succhi, bevande, sorbetti, dolci etc. In farmacia ed in erboristeria, è reperibile come integratore a base di Graviola o come estratto.  L’unica raccomandazione è quella di leggere l’etichetta ed assicurarsi che si tratti di guanabana pura senza aggiunta di altre sostanze.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 23 febbraio 2017