Etichetta energetica condizionatori portatili

classe energetica miglior condizionatore portatile

Etichetta energetica condizionatori portatili: come riconoscere un climatizzatore silenzioso e come capire quanto consuma. Istruzioni per scegliere il condizionatore portatile migliore per le proprie esigenze.

Il condizionatore portatile, spesso chiamato anche climatizzatore portatile, non è altro che un “monoblocco” in grado di generare aria fredda in piena autonomia. Al contrario dei classici climatizzatori a split, un monoblocco portatile, non ha bisogno di unità esterna.

Etichetta energetica condizionatori portatili

Come le altre etichette energetiche degli elettrodomestici, anche quella del monoblocco si apre con “nome del produttore e numero o nome del modello”. Nei condizionatori monoblocco appena sotto queste indicazioni, si vede una ventola azzurra preceduta dalla sigla EER. Tale ventola indica che il condizionatore produce aria fredda.

Classe di efficienza energetica condizionatori protatili

In teoria, le classi di efficienza energetica sono 7 e vanno dalla A+++ alla D. In pratica, sul mercato, è molto più semplice trovare modelli di classe A, A+ o A++. Molto più rari sono i modelli di classe A+++ o di classi ad alto consumo come la C o la D. Il divario di costo tra una classe A+ e A++ è notevole e si può costatare anche confrontando modelli della stessa gamma che a parità di caratteristiche, vedono un forte divario di prezzo.

Quanto consuma un condizioantore portatile?
Come premesso, dipende dalla classe energetica. I consumi sono espressi in etichetta energetica sia in termini di capacità nominale (espressa in chilowatt) sia in termini di consumo energetico orario (chilowatt assorbiti per ogni ora di utilizzo).

Quanto consuma un condizionatore di Classe A+ rispetto a uno di Classe A++?
Volendo fare un paragone, prendiamo in riferimento i top di gamma presenti sul mercato. Parliamo dei climatizzatori portatili De Longhi che offre una gamma molto eterogenea.

Il modello PAC EX100 Silent di De Longhi è in classe energetica A++ e vede consumi pari a 0,7 kWh per ogni ora di utilizzo. Il modello PAC AN112 Silent di De Longhi, in classe energetica A+, vede consumi pari a 0,9 kWh per ogni ora di utilizzo.

Il salto di prezzo, per quel 0,2 kWh si fa sentire. Anche se il modello più costoso è anche più rumoroso, si fa pagare quasi 900 euro, mentre per il modello in classe A+ i costi sono di poco più di 600 euro.

Per tutte le informazioni vi rimandiamo alla pagina ufficiale: PAC AN112 Silent di De Longhi. Vi abbiamo segnalato questo prodotto perché ha una potenza di ben 11.000 BTU e riesce così a raffreddare facilmente anche ambienti più grandi.

Condizionatori portatili silenziosi

I condizionatori portatili silenziosi possono celare qualche inganno! Anche i modelli che abbiamo segnalato hanno la dicitura “Silent”, questa è perfetta per mantenere costante la temperatura ma solo quando l’ambiente è già stato raffreddato. In pratica è vero, sono molto silenziosi ma, in questa modalità, funziona solo una ventola in grado di mantenere fresco l’ambiente.

Per capire quanto è rumoroso un condizionatore portatile è importante leggere l’etichetta energetica. A esprimere l’emissione sonora è l’ultimo pittogramma in basso a sinistra.

Il livello di emissione sonora è espresso in decibel. Per farvi un esempio dei dispositivi più silenziosi presenti sul mercato, vi forniamo i dati di emissione sonora del De Longhi in classe A+ segnalato in precedenza. Questo dispositivo emette 63 dB quando funziona a pieno regime, in modalità Silet, non dà alcun fastidio perché diventa davvero silenzioso così come spiegato prima. Come quantificare 63 dB? Pensate che in casa, di giorno, il livello di rumorosità raggiunge sempre i 50 dB. Se abitate in un quartiere residenziale, di notte, il livello di rumorosità percepito è di 40 dB. 63 dB è il livello di rumorosità che potete percepire in un ufficio operativo o ascoltando una conversazione tranquilla tra due persone.

consumi condizionatore portatile senza tubo

Condizionatori portatili senza tubo

Quando si parla di condizionatori portatili senza tubo si tende a fare un po’ di confusione. In realtà, non esistono condizionatori portatili totalmente privi di tubi. La dicitura “condizionatore portatile senza tubo” fa riferimento a quel monoblocco che non ha necessità di impianto (tubo a muro).

Tutti i condizionatori portatili senza tubo dispongono di un flessibile da collocare in prossimità di una finestra. Per tutti i dettagli vi rimandiamo alla pagina: condizionatori portatili senza tubo.

Etichette energetica elettrodomestici

In tema di etichette energetiche degli elettrodomestici vi segnaliamo le schede e le istruzioni per comprendere consumi e caratteristiche di vari apparecchi elettrici.

Pubblicato da Anna De Simone il 10 aprile 2017