Compostaggio domestico: problemi e consigli

compostaggio domestico problemi

Compostaggio domestico: problemi e consigli. Una guida all’uso della compostiera per gestire i rifiuti organici senza inciampare nei classici problemi quali puzza, liquidi, sviluppo di larve e vermi.

Ogni anno, una famiglia media italiana produce centinaia di kg di rifiuti organici. Nel complesso, i rifiuti organici rappresentano 1/3 dei rifiuti che finiscono in discarica.

Pensate che i rifiuti organici non siano pericolosi per l’ambiente perché biodegradabili? Niente di più sbagliato.

I rifiuti organici nelle discariche convenzionali, restano attivi per oltre 30 anni e, attraverso i naturali processi di decomposizione anaerobica, producono biogas e liquami (percolato) altamente contaminanti per il terreno e le falde acquifere.

Il compostaggio, applicato su larga scala, può risolvere completamente il problema dei rifiuti organici. Mediante il processo di compostaggio la materia organica può essere convertita in un fertilizzante naturale per il terreno.

I rifiuti organici si decompongono, in apposite compostiere, con l’aiuto di microrganismi invisibili all’occhio umano ma anche grazie a insetti e lombrichi. Il compostaggio è un processo che può essere contenuto o accelerato per gestire al meglio il riciclo dei rifiuti organici. Chi ha un giardino può gestire una compostiera senza problemi: più grande è il cumulo, più facile sarà gestirlo! Al contrario, il compostaggio domestico necessita di più attenzioni per non cadere nei classici problemi quali formazione di liquidi, eccessivo sviluppo di larve, generazione di cattivi odori… inoltre, la compostiera, se non curata, può diventare il ritrovo per scarafaggi e topi!

Per risolvere i problemi legati al compostaggio domestico bisogna curare 5 fattori fondamentali quali:

  • Prestare attenzione alla velocità del processo e all’occorrenza aggiungere dei microrganismi per accelerare il processo di decomposizione.
  • Prestare attenzione alla quantità di rifiuti organici umidi e solidi inseriti nella compostiera domestica.
  • Prestare attenzione al rapporto tra Carbonio e Azoto. 
  • Aerazione, ecco perché è importante rigirare il cumulo!
  • Temperatura

Sono dei microrganismi deputati alla trasformazione dei rifiuti organici in terriccio fertile. All’occorrenza sarà necessario aggiungere un attivatore del compostaggio per migliorare e accelerare il processo di compostaggio, eliminare il problema della puzza ed evitare la formazione di liquami.

Tra i vari prodotti presenti in commercio vi segnalo il BSI Top Compost , è un attivatore professionale molto utile. E’ proposto su Amazon al prezzo di 13 euro con spedizione gratuita e, anche se non è specificato nella descrizione del prodotto, vi dico per esperienza (lo compro abitualmente) che si tratta di due confezione da 800 grammi più il 25% gratis, quindi sono 2 kg di attivatori.

Non si tratta di prodotti chimici artificiali ma di microrganismi pronti a decomporre i vostri rifiuti organici e a neutralizzare i cattivi odori. Sono, ovviamente, 100% biodegradabili. Nella confezione è compreso un misurino che vi tornerà utile per aggiungerlo alla vostra compostiera.

Tutte le istruzioni per gestire bene la compostiera sono disponibili nelle guide:

Pubblicato da Anna De Simone