Come utilizzare il lievito di birra

Lievito-di-Birra

Il lievito di birra, alimento costituito dalle colonie di un microrganismo (Saccharomices cerevisiae) che fermenta nel malto, è una meravigliosa fonte di benessere. Grazie all’alto contenuto di micronutrienti in esso presente, il lievito di birra apporta numerosi benefici all’organismo.

Come utilizzare il lievito di birra

Alto contenuto di Vitamina B

Il lievito di birra è la più completa fonte di vitamine del gruppo B, nutrienti necessari per il nostro organismo: rafforza il sistema immunitario ma anche i capelli, le ossa e le unghie. La vitamina B non viene prodotta dall’organismo, è solubile e si ottiene dagli alimenti.

In 28 grammi sono contenuti:

  • il 75 per cento della nostra razione giornaliera di tiamina, sostanza necessaria per rinforzare il sistema immunitario e migliorare la capacità di resistere a condizioni di stress)
  • l’84 per cento della razione giornaliera di riboflavina, sostanza necessaria per attivare gli enzimi antiossidanti e aiutare a metabolizzare i grassi
  • il 47 per cento della nostra razione giornaliera di niacina, sostanza necessaria per aiutare il corpo a produrre gli ormoni legati allo stress nelle ghiandole surrenali
  • il 40 per cento della nostra razione giornaliera di vitamina B6
  • il 15 per cento della nostra razione giornaliera di folato, necessario per sintesi di DNA e RNA
  • il 5 per cento della nostra razione giornaliera di vitamina B12 e acido pantotenico, che aiutano il metabolismo cellulare.

Lievito di birra contro il colesterolo

Grazie ai suoi acidi grassi insaturi e alla lecitina, il lievito di birra è in grado di ridurre il livello di colesterolo e trigliceridi. Secondo una ricerca pubblicata nel numero di maggio 2011 del Journal of Trace Elements in Medicine and Biology , il cromo trovato nel lievito di birra può ridurre i livelli di glucosio e colesterolo. I ricercatori hanno trovato che i pazienti diabetici che hanno consumato lievito di birra nel corso di un periodo di tre mesi hanno dimostrato livelli drasticamente ridotti di glucosio, colesterolo totale, e colesterolo ‘cattivo’ LDL.

Lievito di birra come integratore

Per la sua elevata quantità di vitamine, proteine e sali minerali, costituisce un valido integratore della nostra alimentazione. Poiché è ricco di sali minerali, è particolarmente indicato agli sportivi per riequilibrare le perdite saline dovute alla sudorazione durante l’esercizio fisico.

Lievito di birra per favorire la digestione

L’assunzione regolare di lievito di birra stimola la secrezione di succhi gastrici a livello dello stomaco e dell’intestino. Oltre a migliorare la digestione, il liavito di birra favorisce anche una lieve accelerazione del transito intestinale, molto utile in caso di stipsi.

Lievito di birra per attivare il sistema immunitario

Grazie alla sua incredibile fonte di vitamina B, può direttamente trasformare grassi, proteine e idrati di carbonio in energia, rendendovi forti contro le malattie e apportando una grande quantità di energie per affrontare la giornata.

Contro la sindrome della stanchezza cronica

Il lievito di birra favorisce la sintesi di numerosi enzimi, ma anche di numerosi processi chimici dell’organismo. Il suo apporto di minerali, proteine e vitamine lo rende un integratore fondamentale per le persone che soffrono di sindrome da stanchezza cronica.

Come assumere il lievito di birra

Per uso interno

Il lievito di birra è reperibile nelle erboristerie o nei supermercati che presentano un reparto per integratori alimentari o è possibile ordinarlo comodamente su Amazon.

Lo si trova in differenti formati come, per esempio, in polvere, in capsule, pastiglie o in fiocchi. In polvere, può essere consumato su insalate, zuppe, stufati, frullati o nei dolci.
Se assunto in compresse, dovete seguire le indicazioni del foglietto illustrativo anche se, di norma, se ne possono ingerire circa quattro al giorno.

Su Amazon vi segnaliamo ad esempio 3 confezioni da 200 grammi proposte dall’azienda italiana Molino Riggi a soli 11,90 Euro.

sacchetto lievito di birra

Il sacchetto di lievito di birra proposto da Molino Riggi

Per uso esterno

Con la polvere di lievito di birra si può realizzare una maschera viso esfoliante. Basta aggiungere acqua di rose e olio di onagro. Applicare la maschera sul viso, lasciare agire trenta minuti e risciacquare. Ripetere l’operazione ogni giorno per una settimana.

Lievito di birra per creare una maschera di bellezza viso

Il lievito di birra trova largo impiego anche nella preparazione di maschere di bellezza in caso di pelle grassa e come antirughe. Ecco un esempio di preparazione e applicazione.

Preparazione: mescolate 1 cucchiaino di lievito di birra in polvere con un poco di yogurt naturale, in modo da ottenere una crema fluida e omogenea.
Applicazione: distribuite il composto sul viso, picchiettando con le dita sull’intero viso escludendo labbra e contorno occhi. Lasciate riposare 20 minuti poi risciacquate il viso con acqua tiepida fino intera eliminazione del composto. Passate infine un batuffolo di cotone imbevuto con acqua di rose.

Lievito di birra: dosaggio

Il lievito di birra in polvere o in scaglie può essere aggiunto al cibo ogni giorno nella misura di 2-3 cucchiai al giorno. Se non gradite il sapore mescolato al cibo, potete consumare la stessa dose in un poco di acqua tiepida da bere alla mattina o alla sera. L’acqua può essere sostituita da tè verde o tè nero. Il lievito di birra può anche essere aggiunto a primi piatti, insalate e contorni al momento di servire in tavola.

Il lievito di birra in compresse e capsule è l’ideale per favorire la crescita dei capelli, per rinforzare le unghia e per migliorare la pelle del corpo e del viso. La dose ideale è  una quantità giornaliera pari a 4-10 g.

Esiste anche in commercio il lievito liquido cellulare da bere: in questo caso sono sufficienti 1-2 cucchiai durante la giornata.

Ti potrebbe interessare anche i nostri articoli correlati: Lievito birra secco frescoLecitina di Soia

Per scoprire altri rimedi naturali puoi leggere il nostro articolo sulle 150 Piante medicinali più cercate su Google con relative schede.

Pubblicato da Anna De Simone il 19 Aprile 2020