Come seccare i funghi, la guida

come seccare i funghi
I funghi si prestano a tante preparazioni in cucina; oltre ad essere cucinati freschi possiamo ricorrere ai funghi secchi così da poterli gustare tutto l’anno. A tal proposito vi illustreremo come seccare i funghi seguendo le nostre indicazioni passo per passo. Il periodo migliore per fare questa operazione è quando la luna è in fase calante. Vediamo nel dettaglio come procedere.


Come seccare i funghi, indicazioni utili

  • Raccogliere i funghi quando il tempo lo permette: devono essere asciutti al momento del raccolto
  • Dopo averli raccolti, farli controllare all’ ufficio micologico di competenza. Può interessare l’articolo “Andare a funghi”
  • Lasciare seccare solo i porcini più sodi, integri, privi di parti rovinate e di parassiti e cucinare subito quelli che non rispettano tali requisiti.
  • Seccare sia in luoghi ombrosi che al sole, l’importante che non vi sia pioggia ne umidità
  • Onde evitare di perdere il loro indiscutibile aroma, non lavarli mai, limitarsi a pulili con cura con un canovaccio pulito e uno spazzolino morbido, affinchè tutto il terriccio vada via.

Come seccare i funghi, la procedura

  1. Dopo aver pulito per bene i funghi, fateli a fette sottili e disponeteli su un graticcio o un vassoio, preferibilmente di legno o vimini, (precedentemente ricoperto di carta da cucina o da pacchi), senza sovrapporli e lasciando spazio fra loro
  2. Evitate la carta di giornale dato che l’ inchiostro della stampa può essere tossico e nocivo per la salute
  3. Scegliete un luogo piuttosto ventilato ma riparato allo stesso tempo: di notte e in caso di maltempo i vassoi vanno portati dentro in casa
  4. Coprite i funghi messi a seccare con una garza, per evitare spiacevoli visite di insetti e girateli  almeno ogni due ore
  5. Quando saranno completamente secchi, conservate i funghi in scatole di latta rivestite di carta o in sacchetti, sempre di carta con chiusura ermetica

Come seccare i funghi, impiego e conservazione

  • Prima di consumarli, mettere i funghi secchi in ammollo in acqua tiepida per ammorbidirli poi scolare senza buttare via l’acqua dato che può essere aggiunta ai sughi e alle pietanze
  • Consumare i funghi secchi dopo 40 giorni
  • Conservare entro un anno dall’essiccazione

In alternativa ai vassoi,  i funghi possono essere essiccati anche infilati su uno spago sottile e poi appesi, come nel caso dei peperoncini

Ti potrebbe interessare anche l’articolo Funghi Commestibili

Pubblicato da Anna De Simone il 21 ottobre 2014