Come non affaticare gli occhi davanti al PC

Come non affaticare gli occhi davanti al PC

Volenti o nolenti molti di noi sono costretti a passare parecchie ore davanti al PC e, come se non bastasse, magari anche in serata, per svago, per burocrazie oppure per vedere un film, ci si ritrova di nuovo a tu per tu con lo schermo. Se da un lato possiamo cercare di limitare il nostro utilizzo del computer, è necessario anche proteggersi con qualche trucchetto in modo che i nostri occhi non ne risentano. Idee per come non affaticare gli occhi davanti al PC dovrebbero essere parte del vademecum di ogni lavoratore “da ufficio” perché quasi tutti ne soffrono. Non si tratta di una mera fatica che smette di farsi sentire appena ci stacchiamo dallo schermo perché porta con sé delle conseguenze non indifferenti che riguardano la nostra salute.



Problemi di vista, naturalmente, perché proprio gli occhi sono la parte del nostro corpo a cui chiediamo di più, a cui chiediamo di superare sé stessi e, pur accontentandoci, non ne passano illesi. Possono spuntare spasmi o rossore, ma i danni non si fermano agli occhi, purtroppo. Quando stiamo davanti al nostro computer a fissare immagini e scritte per troppo tempo possiamo avvertire una forte stanchezza fisica generale, con mal di testa e nausea. Da un punto di vista più cinico, dobbiamo tenere in considerazione anche il fatto che con gli occhi stanchi la nostra produttività crolla, finiamo per fare molti più errori e ad essere più irritabili con i colleghi.

Come non affaticare gli occhi davanti al PC: ambiente

Vediamo come intervenire sul nostro ambiente di ufficio, o di casa, per minimizzare i danni. Prima di tutto diamo un’occhiata all’illuminazione verificando che sia quella corretta. Oltre alla luce emanata dallo schermo del computer, ci sono anche quelle della stanza in cui siamo che influiscono sul nostro affaticamento. Quelle da evitare sono le fonti di illuminazione eccessivamente forti oppure la luce solare proveniente dall’esterno.

Cerchiamo di fare in modo che l’ambiente attorno a noi sia adeguatamente illuminato, con una luce modesta. Di solito negli uffici ce ne è il doppio del necessario. Possiamo migliorare la situazione installando tende o persiane, se è la luce del sole a infastidirci, oppure diminuendo il numero di lampadine o led, oppure ancora scegliendo quelle a bassa intensità. Le lampadine più adatte ai nostri occhi affaticati sono le lampade di terra o le alogene che forniscono un’illuminazione più indiretta. Se possiamo variare la posizione del nostro schermo, possiamo sistemarlo in modo che le finestre non siano di fronte o di spalle ma laterali.

Anche la nostra postura può influire sul lavoro che facciamo far ai nostri occhi, possiamo andare loro incontro cercando ad esempio di posizionare i fogli in modo che stiano accanto al monitor. La posizione da computer è tremenda per la nostra salute, molto spesso ci lascia con il collo e le spalle tese e un mal di schiena latente. Oggi esistono arredi ergonomici che ci guidano in modo da riuscire facilmente a tenere la giusta distanza dallo schermo del computer, a circa 24 centimetri dagli occhi. Per evitare il mal di collo, il centro dello schermo dovrebbe stare a circa 10-15 gradi sotto gli occhi.

Come non affaticare gli occhi davanti al PC: schermo

Possiamo intervenire anche sullo schermo, per non affaticare gli occhi davanti a pc. Vediamo come regolarlo in modo ottimale. Iniziamo a regolarne le impostazioni. Magari non ci abbiamo mai messo mano, tenendo quelle di default, proviamoci ora.

  • Luminosità: deve essere la stessa dell’ambiente circostante. Possiamo aiutarci con un fondo bianco di una pagina web, non deve essere fonte di luce.
  • Dimensioni testo e il contrasto: a seconda della nostra vista, ma meglio sempre carattere nero su fondo bianco
  • Temperatura di colore: da ridurre perché diminuisce la quantità di luce blu emessa e di conseguenza consente una visione più confortevole a lungo termine. La luce blu ha infatti una breve lunghezza d’onda della luce visibile e affatica maggiormente i nostri occhi.

Cerchiamo anche di eliminare eventuali riflessi sullo schermo del computer, anche scegliendone uno anti-riflesso. Chi porta gli occhiali può contare su lenti antiriflesso. Se abbiamo un computer datato, cerchiamo di prenderne uno almeno a cristalli liquidi perché i vecchi monitor CRT possono causare un “tremolio” e affaticare i nostri occhi. La dimensione ideale, per un pc da scrivania, sarebbe 19 pollici.

Come non affaticare gli occhi davanti al PC

Come non affaticare gli occhi davanti al PC: occhi

Per evitare di affaticarli o per alleviare il fastidio, possiamo intervenire anche direttamente sugli occhi ad esempio inumidendoli oppure allentando la vista.

Chi lavora al computer sbatte le palpebre meno spesso, spesso negli uffici c’è anche un’aria piuttosto secca: ogni 20 minuti sbattete le palpebre 10 volte molto lentamente. Per non stare troppo a lungo concentrati sullo schermo, prendiamoci delle pause per gli occhi, ogni 20 minuti guardiamo un oggetto a una distanza di almeno un metro per 20 secondi. Per chi volesse ci sono anche gli occhiali per il pc, utili specialmente se normalmente si indossano lenti a contatto. Se siamo tra i soggetti a rischio affaticamento occhi, conviene che facciamo un esame oculistico completo per prevenire o trattare problemi di visione al computer. L’ideale sarebbe una volta all’anno.

Pubblicato da Marta Abbà il 26 Ottobre 2019