Come essiccare il rosmarino

come essiccare il rosmarino

Come essiccare il rosmarino: tutte le tecniche essiccazione. Al naturale, nel forno o in essiccatore. Consigli per una essiccazione efficace e su come usare il rosmarino essiccato per preparare sali aromatici pronti all’uso.

Il rosmarino, pianta appartenente alla famiglia delle Labiacee, è tra le erbe aromatiche più impiegate in cucina e la sua tisana è ricca di virtù salutari. L’infuso di rosmarino, infatti, rappresenta un antico rimedio naturale per ottenere diversi benefici, per tutte le informazioni sulla preparazione della tisana di rosmarino vi rimando alla pagina: infuso di rosmarino.

Coltivare rosmarino in vaso o nell’orto

Il rosmarino può adattarsi alla coltivazione in vaso ma cresce meglio nell’orto. Potete coltivare il rosmarino ai margini del giardino o dell’orto: ha un portamento cespuglioso e non richiede troppe attenzioni. Per tutte le informazioni sulla coltivazione del rosmarino vi rimando alla guida: come coltivare il rosmarino.

Avere una pianta in vaso o nell’orto, vi consente di raccogliere comodamente il rosmarino fresco per utilizzarlo ogni qualvolta se ne presenti la necessità.

Probabilmente, se vi state chiedendo come essiccare il rosmarino è perché avete già questa profumata pianta disponibile e volete provvedere all’essiccazione.

A differenza di molte erbe aromatiche, il rosmarino non perde le sue proprietà durante l’essiccazione ed è per questa ragione che si presta bene per essere conservato. L’unica raccomandazione è quella di usare barattoli di vetro a chiusura ermetica per stoccare il rosmarino dopo l’essiccazione.

In questo modo gli aghi essiccati conserveranno il loro gradevole aroma per lungo tempo. A tal proposito vi illustreremo come essiccare il rosmarino seguendo le nostre indicazioni passo per passo.

Rosmarino,
raccolta e moltiplicazione per talea

Al momento dell’acquisto, il rosmarino si presenta già reciso e protetto da un sacchetto di cellophane. Se dovrete raccoglierlo in prima persona, ecco alcune indicazioni:

  • Usate le forbici o un temperino tagliente. In alternativa staccate il rametto con le dita praticando un colpetto deciso, così da non sfilacciare e danneggiare la pianta.
  • Raccoglietelo in tarda mattinata o nel pomeriggio, poiché è bene che i raggi del sole asciughino ogni eventuale traccia di rugiada.

Al momento del raccolto, non preoccupatevi per la salute della pianta: il ramoscello staccato verrà presto sostituito da nuove e rigogliose gemme!

Se raccogliete un ramo giovane e tenero, sappiate che potreste ricavarne una nuova piantina. Il rosmarino è facile da moltiplicare e la propagazione per talea funziona benissimo, anche in acqua, senza usare particolari substrati per la radicazione. Per tutte le informazioni vi invito a leggere la pagina: rosmarino, talea in acqua.

Come essiccare il rosmarino:
essiccazione naturale

  1. Inserite non più di dieci rametti per ogni mazzolino, seccheranno più adeguatamente
  2. Legate ognuno di essi alla loro base con del sottile spago o usando il filo, oppure fermateli servendovi di un piccolo elastico
  3. Appendete tutti i piccoli mazzi appena fatti a testa in giù in un luogo asciutto e adeguatamente ventilato: va bene sia all’aperto che in un ambiente chiuso, l’importante che ci sia sufficiente areazione, tenendo presente che al chiuso l’aroma si conserverà praticamente intatto

Come essiccare il rosmarino, indicazioni utili

  • Per sistemare i mazzolini in maniera ordinata, potete allinearli su un’asticella di legno da appendere alle sue estremità.
  • Se ritenete più opportuno tenerli al riparo da polvere o insetti, basta inserire i mazzi nei sacchetti di carta del pane, dovrete però praticare qualche foro su ogni lato per permettere all’aria di passare, si essiccheranno lo stesso molto bene.

Come essiccare il rosmarino nell’essiccatore

L’essiccatore è uno strumento utilissimo per l’essiccazione di erbe aromatiche, scorze di agrumi, funghi, peperoncini, pomodori, zucchine e tanti altri ortaggi.

rosmarino essiccato

Se vi piace essiccare e conservare spezie, erbe aromatiche e ortaggi, vale la pena acquistare un nuovo elettrodomestico da usare all’occorrenza. Se eseguite il processo un’unica volta all’anno, solo per il rosmarino, vi sconsiglio l’acquisto… è pur sempre un elettrodomestico che occupa spazio inutilmente quando non usato!

Un buon essiccatore si compra con poche decine di euro. Il modello Severi OD 2940 si compra su Amazon al prezzo promo di 49,99 euro con spese di psedizione gratuite. E’ composto da 5 ripieni separati dove disporre le erbe (o la frutta, ortaggi) da essiccare. Per tutte le informazioni vi invito a visitare la pagina Amazon: Severin OD 2940. Vi ho segnalato questo prodotto perché ho avuto modo di provarlo in prima persona e confermare le recensioni positive lasciate anche da altri utenti.

Come essiccare il rosmarino in forno

Sconsiglio questo procedimento perché basta un secondo di distrazione per polverizzare il rosmarino e ritrovarsi con un prodotto non più essiccato ma bruciato o “cotto”.

In forno si rischia di compromettere le proprietà del rosmarino disattivando i preziosi principi attivi e rendendolo inutilizzabile.

Chi vuole provare, dovrà disporre su carta da forno i rametti di rosmarino (asciutti) e riscaldare il forno al minimo, con una temperatura mai superiore ai 50 °C. Durante l’essiccazione del rosmarino in forno tenete lo sportello semi-aperto.

Rosmarino essiccato per sale e olio aromatizzati

Il rosmarino essiccato può essere usato anche per la preparazione di “insaporitori alimentari” casalinghi. Si può aggiungere al dado fatto in casa o alle varie preparazioni descritte nelle pagine che segnalo di seguito:

Pubblicato da Anna De Simone il 26 maggio 2017