Come curare l’albero di Natale

curare albero di natale

Se avete scelto un albero di Natale da coltivazione (con radici e tagliandino di certificazione che garantisce la salvaguardia dei nostri boschi), avete bisogno di capire come curarlo così da proseguire con la messa a dimora al termine delle festività natalizie. 

Chi intende curare l’albero di Natale deve farlo a partire dagli addobbi: se comprate un albero di Natale con radici, evitate di addobbarlo con festoni eccessivamente pesanti o con prodotti che potrebbero rovinarne le foglie (neve artificiale, spray colorati, colle…) e collocatelo in casa, in un luogo fresco, luminoso, lontano da fonti di calore e al riparo da correnti d’aria. Troppo spesso l’albero di Natale non sopravvive alle festività perché collocato in prossimità di termosifoni: ponete l’albero di Natale nella stanza più fresca e ricordate di inumidirne le radici.

Come curare l’albero di Natale

Terminate le festività natalizie, gli alberi di Natale con radici possono essere coltivati all’esterno: la messa a dimora può essere fatta in giardino o più semplicemente sul balcone di casa ma ricordate che si tratta di abeti, piante che possono crescere fino a 15-20 metri.

GUARDA LE FOTO DELLE ALTERNATIVE ALL’ABETE DI NATALE

Gli abeti hanno bisogno di una determinata altitudine e di zone fitoclimatiche particolari strettamente legate alle necessità della specie (la specie è indicata nel tagliandino di certificazione, insieme al luogo di origine). Le zone più adatte alla coltivazione dell’albero di Natale hanno un’altitudine di almeno 1000 metri.

  • Se vivete nell’Italia meridionale, l’abete non avrà molte possibilità di attecchimento: vi consigliamo di conferirlo presso un centro di raccolta o un vivaista. L’abete, per vegetare, necessita di inverni freddi ed estate fresche.coltivare albero di natale

GUARDA LE FOTO DELLE ALTERNATIVE ALL’ABETE DI NATALE

Chi abita in montagna non avrà problemi a curare l’albero di Natale, stesso discorso per chi vive nell’Italia Settentrionale e in diverse località dell’Appennino toscano. Chi vive in pianura o nell’Italia meridionale può considerare la possibilità di adottare un’alternativa all’albero di Natale, più coltivabile; ci riferiamo ad alberi sempreverde che si adattano bene al clima cittadino. Le alternative al classico albero di Natale sono:

Curare l’albero di Natale:

  • Togliete con attenzione tutti gli addobbi.
  • Non trasferite direttamente l’albero di Natale all’esterno per non fargli subire shock termici. Prima della messa a dimora, ponete l’albero di Natale per qualche giorno in una zona non riscaldata e molto luminosa (in veranda, in un terrazzino riparato)
  • Dopo questo periodo di ambientamento, procedete all’impianto o al rinvaso.

GUARDA LE FOTO DELLE ALTERNATIVE ALL’ABETE DI NATALE

Pubblicato da Anna De Simone il 5 ottobre 2014