Come coltivare il basilico

Il basilico è un arbusto profumato molto utilizzato come aroma in cucina, per sughi al pomodoro, insalate fresche e per il classico pesto. Non ha esigenze climatiche particolari e non richiede cure eccessive. Coltivare il basilico è semplice, allora perché non dilettarsi in questa impresa? Pensate a preparare il classico pesto con il vostro basilico! Che bontà!

Come coltivare il basilico. L’occorrente

  • Un vaso e un sottovaso
  • Del terriccio, comunemente in commercio con il nome di “terriccio universale”
  • Una bustina di semi di basilico
  • Una paletta
  • Dell’argilla espansa, che si trova facilmente nei negozi di giardinaggio
  • Un annaffiatoio
  • Un pezzo di coccio

Come coltivare il basilico. La preparazione

Poggiatelo sul foro di drenaggio del vaso un pezzo di coccio, con la parte concava rivolta verso il basso. Non dovete otturare il foro ma solo evitare che la terra lo otturi.

Versare l’argilla espansa sul fondo del vaso, in modo da riempirlo per circa un 1/6 della sua altezza. L’argilla espansa aiuta a migliorare il drenaggio del terreno e può essere sostituita con della comune ghiaia. Infine, riempire il vaso con il terriccio, premendolo leggermente con le mani ma evitando di pressarlo troppo, in modo che resti bello soffice. Attenzione: il vaso non va riempito. Lasciare un paio di centimetri fra il bordo e il livello del terreno.

Come coltivare il basilico. La semina

Prendere una piccola manciata di semi distribuendola uniformemente sulla superficie del terriccio. Questo metodo, “a spaglio”, è il più semplice ed è adatto a piccole piante, come prezzemolo e basilico. Ricoprire i semi con un sottile strato di terriccio, senza premerlo. Teniamo sempre a mente che troppo terriccio soffocherà i semi e le piantine faranno più fatica a nascere. È consigliabile uno strato alto una volta e mezzo il volume del seme.

Annaffiare leggermente il terreno, facendo attenzione che l’acqua non lo smuova troppo e non scopra i semi. Successivamente, se le piantine dovessero essere troppo vicine sarà nostra cura diradarle.

Photo Credits | pigaecatalano.it

Pubblicato da Anna De Simone il 24 maggio 2012