Basilico, coltivazione in vaso

Come coltivare il basilico in vaso: dalla semina al raccolto, tutte le cure da dedicare alla coltivazione del basilico. Curiosità sulla coltivazione del basilico rosso.

Il basilico è una delle erbe aromatiche più utilizzate nella cucina mediterranea, il suo aroma unico e piacevole insaporisce e valorizza tantissime preparazioni.

È un elemento che non deve mai mancare in cucina e per averlo sempre fresco e a portata di mano, sarebbe un’ottima idea coltivare il basilico in casa, sul balcone o sul davanzale della finestra. La coltivazione del basilico in vaso è una procedura molto semplice, ecco alcune indicazioni utili.

Come coltivare il basilico in vaso

Ecco cosa occorre per coltivare il basilico a partire dal seme. La semina del basilico è semplicissima, con tempi più o meno rapidi di germinazione. Ecco cosa serve per la coltivazione del basilico in vaso.

  • Bustina di semi di basilico classico o basilico rosso
  • Contenitore (va bene la cassetta in legno o in plastica della frutta o una o più vaschette di gelato…)
  • Terriccio
  • Qualche vaso di terra cotta forato sul fondo
  • Foglio di cellofan abbastanza grande da coprire il cassonetto
  • Elastico abbastanza grande da poter passare intorno al cassonetto

Non disponi di grandi spazi? Non è un problema, basta avere un balcone o anche una finestra. Le stesse istruzioni valgono sia per il basilico rosso che per il classico basilico verde. La pianta di basilico rosso, però, riesce a propagarsi e superare i 60 cm di altezza quindi avrà bisogno di più spazio per la coltivazione.

Come seminare il basilico

Quando seminare il basilico? Il periodo buono per la semina cade nei mesi di marzo, aprile e maggio, tuttavia, può avvenire anche in autunno o inverno.

  1. Riempite il contenitore della frutta o un box, di terriccio soffice per semina.
  2. Disporre i semi in maniera uniforme sulla superficie e ricoprirli con uno strato sottilissimo di terreno. Potete usare un piccolo rastrello da bonsai o passare la mano sopra al terriccio così da smuoverlo e interrare leggermente i semi di basilico.
  3. Inumidire per bene la terra servendovi di uno spruzzino.
  4. ricoprire il cassonetto col cellofan fermandolo con un elastico e riporlo in un luogo luminoso ma in ombra.
  5. Scoprire ogni giorno per eliminare la condensa dal cellofan poi inumidire la terra e ricoprirlo con il cellofan.

Dopo pochi giorni, quando avverrà la germinazione, eliminate il cellofan. Circa una ventina di giorni dopo, il tempo che le piantine avranno raggiunto una lunghezza di 7/10  cm, procedete al primo rinvaso. Per la messa a dimora:

  1. Estrarre delicatamente le piantine facendo attenzione a lasciare intorno alle radici un piccolo pannicolo di terra.
  2. Trapiantare 3 o 4 piantine per ogni vaso di terracotta. I vasi devono essere riempiti di terriccio con la stessa procedura di cui sopra, in questo caso potete usare del terriccio fertile mescolato a terreno del giardino.
  3. Dopo aver trapiantato tutte le piante di basilico, innaffiare delicatamente assicurandosi di aver impregnato per bene la terra.
  4. Lasciare i vasi al sole avendo cura di tenere la terra costantemente umida.
  5. Dopo un mese sarà possibile condire le pietanze con il basilico appena raccolto e coltivato tra le mura domestiche.

Come raccogliere il basilico

coltivare basilico rosso

Le foglie vanno staccate insieme al picciolo, meglio se si compie l’operazione con una piccola cesoia. Dovete rimuovere i getti fiorali. Perché? E’ bene recidere con regolarità gli apici vegetativi e i fiori (le cime) per far crescere le piantine più forti e rigogliose.

Il basilico deve essere consumato fresco, non deve essere messo durante la cottura  in quanto con il calore perde rapidamente le sue proprietà aromatiche.

Come coltivare basilico in casa, in autunno o inverno

Se la coltivazione viene eseguita in una serra calda o in casa, potete coltivare basilico in qualsiasi periodo dell’anno. Se intendete coltivare basilico in inverno, la pianta dovrà essere posta in una zona molto luminosa, va bene anche in una posizione a ridosso di una finestra soleggiata a patto di irrigarla a giorni alterni e di avere un buon tasso di umidità: un ambiente chiuso, troppo secco, non solo aumenta il rischio di attacchi parassitari e malattie ma rende la vita più difficile alla pianta.

Semi di basilico e basilico rosso

In casa è possibile coltivare il classico basilico aromatico o il basilico rosso.

Il basilico rosso ha in realtà un colore viola. Si tratta di una varietà di basilico molto aromatica e dal sapore particolare. Il basilico rosso, al pari del basilico verde, per svilupparsi necessita di temperature miti: soffre e cessa di vegetare con temperature inferiori ai 12 °C e, nell’ideale la coltivazione deve avvenire con temperature comprese tra 20 e 25 °C.

Il basilico rosso necessita di vasi più grandi, quindi, per ogni vaso, dovrete inserire un’unica pianta.

Dove comprare i semi di basilico rosso?
Il basilico rosso (o basilico viola) è difficile da reperire nei garden center. Per l’acquisto potete sfruttare la compravendita online. Su Amazon, una bustina di semi di basilico rosso si compra al prezzo di 4 euro con spese di spedizione incluse. Per tutte le informazioni sul prodotto citato vi rimando alla pagina Amazon a questo indirizzo.

Pubblicato da Anna De Simone il 30 ottobre 2017