Come bonificare un tetto in eternit

L’amianto, una parola che fa paura solo pronunciarla, è ancora presente sui tetti di molte abitazioni e capannoni. Certo! Per circa un secolo è stato usato per tutti gli usi e scopi. Cosa fare di fronte ad un tetto malandato di lastre di eternit? È necessario prendere tutte le precauzioni del caso per bonificare un tetto in eternit in sicurezza.



Come bonificare un tetto in eternit. Ditte specializzate
Per demolire o rimuovere l’amianto di un tetto è sconsigliabile agire per conto proprio per la pericolosità a cui si va incontro. Bisognerà rivolgersi a ditte private specializzate nella rimozione e bonifica dell’amianto. La loro mano d’opera è attrezzata, con tuta, guanti e respiratori idonei e provvedono a effettuare tutte le operazioni necessarie, trattando le lastre e smaltendole in discariche specializzate per tutelare l’ambiente.

Come bonificare un tetto in eternit. L’amianto recuperabile
Non tutti i materiali di amianto devono necessariamente essere smaltiti, visto che alcuni possono presentarsi in ottimo stato di conservazione. Ci penseranno i tecnici esperti in bonifica a trattare l’amianto, tramite trattamenti superficiali particolari che impediscono nel tempo la volatilità delle fibre di amianto nell’aria. Questi trattamenti vanno fatti esclusivamente da tecnici esperti, che usano materiali idonei all’isolamento delle lastre di amianto. All’atto del trattamento verrà rilasciata una certificazione che ne attesterà la integra preservazione.

Come bonificare un tetto in eternit. Consigli utili
In caso vi trovate a dover essere a contatto con l’amianto per motivi di lavoro, è necessario indossare delle tute protettive guanti e mascherine di protezione. Altra raccomandazione necessaria: tenere bagnato il materiale di amianto per quanto sia possibile, per impedire che fibre dello stesso possano disperdersi nell’ aria.

Come bonificare un tetto in eternit. Impianto fotovoltaico
Bonificare i tetti in eternit
rappresenta un certo costo da sostenere che si traduce in oltre ai 10 euro/mq. Sostituire il proprio tetto con l’installazione di impianti fotovoltaici potrebbe rivelarsi un’ottima soluzione visto il doppio vantaggio: la produzione di energia ripaga in toto il finanziamento per il nuovo tetto, in più, con la completa integrazione si può accedere agli incentivi massimi del Nuovo Conto Energia.

Foto | varese7press.it

Pubblicato da Anna De Simone il 19 dicembre 2012