Come arredare casa in stile minimalista

scrivania minimal

Il troppo stroppia” è un celebre detto che ben riassume i vantaggi dell’equilibrio e della moderazione, rispetto agli svantaggi connessi all’esagerazione e agli eccessi.

Se ci pensate bene, questo principio vale in moltissimi ambiti: dalla buona cucina all’abbigliamento, dall’utilizzo degli smartphone o dalla navigazione sui Social fino ad arrivare alla pratica di attività sportiva.

In ognuno di questi settori i massimi vantaggi e benefici si raccolgono con l’equilibrato e il buon senso: mangiare è una delle gioie della vita ma mangiare troppo può portarci problemi di digestione o di peso, spendere in vestiti può essere piacevole ma esagerare ci porterà a spendere troppo inutilmente e ad acquistare capi di cui in realtà non abbiamo bisogno. Lo smartphone, la navigazione in Internet e in particolare sui Social Network è un piacevole passatempo ma esagerare può addirittura portare a pericolose dipendenze.



Persino l’attività sportiva, di cui io sono un grande sostenitori, può diventare controproducente se si esagera, anche in relazione alla propria età anagrafica, perché può portare infortuni e stress.

L’arredamento di una casa non sfugge alla regola del buon senso: esagerare nel numero dei mobili, dei quadri, dei colori e via dicendo invece di migliorare la qualità dell’ambiente in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo crea un ambiente poco armonico, poco rilassante e anche poco vivibile.

In questo articolo vi suggerirò alcuni principi per arredare la vostra casa in stile minimalista, prevedendo un numero ridotto di mobili, con linee pulite, colori sobri e altre indicazioni utili al fine di favorire il vostro benessere e il vostro relax.

Le origini dello stile minimal

Il filosofo inglese Richard Wollheim fu il primo a utilizzare il termine “minimal” per definire un ambiente essenziale, comprendenti pochi oggetti e ampi spazi, con colori omogenei e poco appariscenti.

Per spiegare la filosofia dello stile minimalista (questo è il termine utilizzato nella nostra lingua per tradurre l’inglese “minimal) spesso si fa riferimento al principio del “lessi is more”.

I mobili minimal

I mobili minimal sono caratterizzati da linee nette e pulite, con un numero ridotto di curvature. Un primo esempio che rende subito bene l’idea è costituito da una scrivania Maisons du Monde come quella che vedete nell’immagine di apertura di questo articolo: linea essenziale, colori chiari e cassetto funzionale di dimensioni contenute.

La scelta di materiali solidi, con superfici lisce al tatto e senza strutture voluminose è uno dei capisaldi dell’arredamento con mobili minimal.

Per quanto riguarda i materiali potrete utilizzare sia il legno che il metallo o anche il vetro, sempre con l’obiettivo di suggerire una sensazione di solidità e pulizia di linee.

La disposizione dei mobili nelle stanze

Oltre alle caratteristiche dei mobili dovrete fare particolarmente attenzione al numero dei mobili: evitate di riempire troppo gli spazi e assicuratevi di lasciare spazi adeguati tra un mobile e un altro.

Cercate di lasciare liberi gli spazi più importanti e in cui avviene con maggior frequenza il vostro passaggio, in particolare quelli vicino agli ingressi delle singole stanze.

I colori ideali per un arredamento minimal

I colori ideali per un arredamento in stile minimal sono quelli che assicurano luminosità e senso di pulito: i colori chiari, come il bianco e il grigio o tinte con cromie naturali come il color tortora o il color sabbia.

Il nero non è escluso dai principi ispiratori dello stile minimal ma deve essere sapientemente dosato, con l’obiettivo di impreziosire e creare un contrasto gradevole. L’eccesso porterebbe al contrario mancanza di luminosità e senso di “pesantezza”.

Limitare quadri e soprammobili

Gli appartamenti in stile minimal non possono presentare un numero eccessivo di quadri, soprammobili e altri complementi di arredo.

L’ambiente di ogni stanza dovrebbe essere lasciato per quanto possibile sgombro da elementi superflui che occupano spazio e che appesantiscono l’atmosfera.

Illuminazione: via i lampadari

Per quanto riguarda l’illuminazione dovrete evitare di utilizzare lampadari ingombranti e vecchio stile, a vantaggio di faretti a led, possibilmente orientabili e con intensità regolabile (dimmering).

Una buona illuminazione contribuisce a far percepire uno spazio come più ampio e meno angusto.

Siate ordinati per non rovinare tutto

Se seguirete i consigli che vi abbiamo dato nei precedenti paragrafi ma non sarete capaci di mantenere ordine nel vostro appartamento, lasciando vari oggetti in giro per le varie stanze rovinerete i vostri sforzi per arredare la vostra casa in stile minimal.

L’ordine è quasi un prerequisito se volete trarre tutti i benefici di un arredamento minimal per cui dovrete sforzarvi di predisporre cassetti, armadi o altri spazi chiusi per ospitare gli oggetti che potreste lasciare in giro per la vostra casa.

Pubblicato da Matteo Di Felice, Imprenditore e Managing Director di IdeeGreen.it, Istruttore di corsa RunTrainer certificato RunAcademy FIDAL, Istruttore Divulgativo certificato della Federazione Scacchi Italiana e appassionato di Sostenibilità, il 5 Novembre 2021