Coltivare ortensia in balcone

coltivare ortensie in balcone

Coltivare ortensie in balcone: istruzioni per la coltivazione dell’ortensia in vaso. Posizione, cure, quanta acqua somministrare, concimazione e quali accorgimenti adottare per superare l’inverno.

Le ortensie coltivate in vaso, quasi al pari di quelle coltivate in piena terra, possono restituire cespugli ricchi di fiori. Le ortensie producono fiori dalla tonalità rosa, azzurro, lavanda e bianco.

Coltivare ortensie in balcone, esposizione

Le ortensie non tollerano il pieno sole. L’ombra deve proteggere la chioma e il vaso, tanto che un vaso esposto all’irradiazione diretta del sole può danneggiare le radici e, nel giro di poco tempo, vi ritrovereste con un’ortensia che non fiorisce a causa dell’eccessivo riscaldamento del terriccio.

Se il vostro balcone è esposto a est o a ovest, per coltivare l’ortensia in vaso o fioriere dovete allestire una tenda in grado di fornire riparo alle piante nelle ore di sole più intenso (dalle nove alle tredici o dalle tredici alle diciassette). Mantenere una corretta posizione è fondamentale per le piante da fiore ma lo è ancora di più per l’ortensia: dovete prestare attenzione anche al vaso! La tende dovrà ombreggiare anche l’intera fioriera.

Ortensie in vaso, quanta acqua

Le ortensie necessitano di tanta acqua. Annaffiate durante le ore serali o nelle prime ore del mattino. L’ideale sarebbe riuscire a frazionare l’irrigazione in due turni così da somministrare un volume d’acqua maggiore meglio sfruttato dalla pianta.

Con le ortensie non conta solo quanta acqua somministrare e come bagnare… con le ortensie in vaso a fare la differenza è la qualità dell’acqua, o meglio, la sua durezza. Se irrigate le ortensie con acqua del rubinetto andrete ad alcalinizzare il terreno rendendo la vita della pianta molto difficile. Irrigando con l’acqua del rubinetto, anche i fiori cambiano di tonalità!

Per l’irrigazione usate acqua non fredda ma a temperatura ambiente. Riempite l’annaffiatoio 24 ore prima dell’irrigazione e rendete acidula l’acqua aggiungendo qualche cucchiaio di aceto di vino bianco direttamente nell’annaffiatoio. Scartate l’acqua che resta sul fondo dell’annaffiatoio così da eliminare i sali di calcio (calcare) precipitati.

Distribuite l’acqua molto lentamente e facendo in modo che bagni tutta la zolla. Ricordate che se irrigate frettolosamente, l’acqua no farà altro che defluire via dai fori di scolo del vaso tirandosi giù una buona parte dei nutrienti contenuti nel terriccio.

Se la vostra ortensia in vaso è sofferente oppure volete preservare la colorazione delle vostre ortensie azzurre (evitare che la colorazione possa cambiare) leggete l’articolo guida su come irrigare le piante acidofile.

Coltivare ortensie in balcone, il colore dei fiori

Il colore delle ortensie dipende dal pH del terreno ma solo fino a un certo punto. Con le specie Hydrangea macrophylla, H. macrophylla normalis e in H. paniculata è possibile cambiare il colore dei fiori da rosa ad azzurro intenso e viceversa. Con altri tipi di ortensia il cambiamento di colore sperato con la variazione della reazione di pH del suolo non ha alcun effetto. Il colore resta costante anche se, in alcune varietà, i fiori di ortensia bianca quando appassiscono diventano rosa.

I terreni molto acidi (ricchi di torba) danno vita a fiori azzurri.
I terreni alcalini (terreni calcarei) sono adatti alla coltivazione di ortensie rosa.

Come proteggere l’ortensia in inverno

Se vi è possibile, durante l’inverno, ritirate le fioriere in un luogo riparato soprattutto se si tratta delle specie di ortensie più bisognose di protezione e cure nei mesi invernali, vale a dire l’Hydrogea macrophylla e l’Hydrogea serrata. Per proteggere le ortensie dal freddo invernale potete leggere l’articolo guida dedicato: come proteggere le ortensie dal freddo.

Le ortensie in balcone che non possono essere collocate in posizione riparata, possono essere protette dal freddo dell’inverno con uno strato di tessuto non tessuto e qualche centimetro di materiale pacciamante posto ai piedi della pianta. La pacciamatura è una tecnica molto utile che vi aiuterà a proteggere la pianta dal caldo estivo e dal gelo invernale. In inverno sospendete ogni tipo di irrigazione.

Ti potrebbe interessare anche Fiori azzurri: elenco e forme

Pubblicato da Anna De Simone il 28 agosto 2016