Clorofilla: proprietà e benefici

Clorofilla

Clorofilla, antiossidante e antianemica, è una sostanza preziosa. Spesso viene da associarla alla fotosintesi clorofilliana, ma non è solo in questo caso la protagonista. A tavola e come ingrediente di integratori alimentari può diventare un aiuto importante per chi vuole restare in forma e in salute.



Clorofilla: cosa è

Verde, come le foglie che la contengono, la Clorofilla è presente in tantissima piante ma, meno intuitivamente, anche in alghe e batteri. Serve per assorbire la luce che poi viene utilizzata per la sintesi dei carboidrati che avviene a partire dall’acqua e dall’anidride carbonica. Questa è la fotosintesi clorofilliana di cui abbiamo già accennato.

Esistono in natura varie tipologie di questa sostanza, e si differenziano per via delle lunghezze d’onda che caratterizzano la luce che sono in grado di assorbire di volta in volta. Le più note varietà sono la A e la B, ma ci sono anche la C e la D. La A assorbe un certo tipo di luce che la B è poi in grado di trasferire sotto forma di energia, con l’aiuto di alcuni carotenoidi ampliando la gamma delle radiazioni luminose utilizzabili dalla pianta. Le alghe hanno soprattutto la clorofilla C, i batteri invece la D detta anche batterioclorofilla.

Clorofilla

Clorofilla dove si trova

Finché la troviamo nelle piante, nelle alghe e nei batteri, sembra piuttosto inutile per la nostra salute, ma c’è anche nella verdura fresca. Gli spinaci, la rucola, il prezzemolo e i fagiolini sono particolarmente ricchi di clorofilla che, anche in altri simili alimenti, regala proprietà antiossidanti grazie alla presenza in contemporanea anche di polifenoli e carotenoidi.

Oltre che nelle verdure, troviamo questa sostanza o un suo derivato semisintetico, come ingrediente in prodotti utilizzati per ridurre gli odori corporei, sia nelle urine sia nelle feci. Nel primo caso, si tratta di preparazioni soprattutto dedicate a persone che soffrono di incontinenza, nel secondo di prodotti per coloro che hanno subìto colostomie o ileostomie.

Clorofilla: proprietà

La proprietà più evidente è il suo colore, aspetto che la rende riconoscibile e che la contraddistingue. E’ dovuto al fatto che questa sostanza assorbe la luce nella porzione del blu-violetto e del rosso-arancione, la luce verde è quella meno assorbita, di conseguenza è captata meglio dai nostri occhi.

Un’altra importante proprietà della Clorofilla è la presenza di magnesio all’interno della sua molecola, confermata dal fatto che le piante ricche dell’una, e verdeggianti, hanno anche un alto contenuto di questo sale minerale.

Clorofilla

Clorofilla: benefici

Dato che presenta molti benefici, la si può trovare sia in alcuni integratori alimentari, sia in prodotti dietetici e farmaci. In questi casi il suo valore è legato alle proprietà antiossidanti ed antianemiche che possiede avendo una struttura porfirinica simile a quella dell’emoglobina.

Si possono distinguere solo perché la C. ha il magnesio anziché il ferro al centro dell’anello tetrapirrolico. Possiamo trovare la clorofilla utilizzata anche come colorante sia negli alimenti sia nei farmaci. Il suo verde contribuisce alla sfumatura che assumono molte compresse e a quelle che vediamo esaltate nell’olio di oliva.

Clorofilla: compresse masticabili

Esistono numerose compresse che contengono Clorofilla assieme ad altre sostanza estremamente utili per la nostra salute. Ad esempio queste, acquistabili anche su Amazon in confezioni da 300, hanno tra gli ingredienti Magnesio, Fibre, Proteine, Potassio, Ferro e aiutano a neutralizzare e rimuovere i radicali liberi.  C’è chi ne fa uso anche per ridurre le tossine nel corpo e abbassare i livelli di colesterolo.

Clorofilla

Clorofilla: gocce alitosi

Un altro modo per fare il pieno di Clorofilla quello “liquido”. Le gocce di questa sostanza sono utili per ridurre odori e alito. A 21 euro su Amazon possiamo acquistare un flacone e verificare i risultati.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 13 febbraio 2017