Classifica: gli animali più pericolosi al Mondo

animali pericolosi

Il Mondo è pieno di splendide creature, dalla vegetazione lussureggiante ad animali incantevoli, alcuni di loro affabili e amichevoli, altri mortalmente pericolosi. In questo contesto vi proponiamo una classifica dei 10 animali più pericolosi al mondo.


Gli animali più pericolosi del pianeta

10. Komodo Dragon
Si tratta della più grande lucertola vivente. Vive in alcune isole indonesiane e riesce a mietere vittime con un solo morso: i suoi denti seghettati lacerano le carni così da mandare in circolo il veleno che provoca paralisi muscolare, shock e perdita di coscienza.

GUARDA LE FOTO DEGLI ANIMALI PIU’ PERICOLOSI DEL MONDO

9. Orso Polare
Sembra così docile e carino ma… l’orso polare è il più grande mangiatore di carne della Terra. Si nutre principalmente di foche ma le sue zampe sono munite di artigli capaci di sezionare qualsiasi testa umana. Non hanno paura dell’uomo e talvolta, in caso di pericolo o di carestie, possono arrivare ad attaccare e mangiare carne umana. Per fortuna vivono solo nel Circolo Polare Artico!

8. Polpo ad anelli blu
E’ velenosissimo, tra le specie marine più pericolose al mondo. Il piccolo animale è diffuso a largo delle coste dell’Africa e del Giappone. Il suo veleno è letale anche per l’uomo e la cosa peggiore è che non esiste un antidoto: la tossicità del suo veleno supera il cianuro di ben 10.000 volte.

7. Ippopotamo
L’ippopotamo è il terzo mammifero più grande al mondo, dopo l’elefante i il rinoceronte. Sono molto diffusi in Africa e sono responsabili per aver causato più morti umane nel continente rispetto ad altri animali più temuti. Il “cavallo di fiume” è tra le bestie più aggressive del mondo ed è annoverato tra gli animali più pericolosi dell’Africa.

GUARDA LE FOTO DEGLI ANIMALI PIU’ PERICOLOSI DEL MONDO

6. Squalo Bianco
Lo squalo bianco viene descritto come il killer silenzioso della vita marina. Si eccita con la presenza di sangue in acqua e così inizia una spasmodica ricerca di questo fluido. Secondo un’analisi condotta nel 2012 ci sono 272 attacchi non provocati (innescati semplicemente dalla natura aggressiva di questo animale) su essere umani.

5. Bufalo Nero
Il bufalo africano, anche detto bufalo nero è stato ribattezzato con il nome di “morte nera”, è un animale estremamente imprevedibile e uccide più di 200 persone all’anno. Anche i leoni temono questo animale che ritrova il suo habitat naturale in africa.

4. Coccodrilli
I coccodrilli sono responsabili di oltre 2.000 morti all’anno. La loro dieta include una vasta gamma di carni, si nutre anche di carcasse morte.

3. Leone Africano
Il Leone, oltre a indossare la corona di Re Della Giungla detiene il titolo di predatore per eccellenza, I suoi denti aguzzi e gli artigli riescono a paralizzare e tagliare a brandelli qualsiasi vittima. Ci sono stati molti casi registrati di attacchi da parte di leoni verso aziende agricole, vetture di turisti durante safari in Africa… sono responsabili di numerosi decessi all’anno.

2. Serpenti
Le specie più velenose si trovano in Africa, Nord America e Asia. Per esempio, il Cobra asiatico non è di certo quello più tossico ma causa più di 50.000 morti all’anno. Ogni anno, circa due milioni di persone soffrono a causa di punture di serpente. Il cobra asiatico (anche conosciuto come cobra indiano o cobra dagli occhiali) non teme l’uomo, è aggressivo e il suo veleno contiene una sostanza tossica che agisce come cardio- e neuro- tossina.

GUARDA LE FOTO DEGLI ANIMALI PIU’ PERICOLOSI AL MONDO

1. Elefante
Il più grande mammifero terrestre che vive in Africa e in alcuni paesi dell’Asia. E’ indubbiamente uno degli animali più intelligenti del mondo. Sembrano amichevoli e simpatici ma in un momento di rabbia, un elefante più essere estremamente letale. Non capita raramente che un’Elefante possa attaccare un villaggio distruggendo, con la sua forza tremenda, qualsiasi cosa.

Altri nostri articoli correlati che potrebbero interessarti:

Nella foto di apertura di questo articolo, un elefante indiano nel Parco Nazionale di Bandipur. Fonte, Wikipedia UK
Fonte dati, listtoptens.com

Pubblicato da Anna De Simone il 5 gennaio 2014