Come si prepara il maraschino

Il maraschino è uno dei liquori più conosciuti in cucina. Si realizza con le amarene, anzi, più precisamente con i nòccioli di amarena. Le amarene, a secondo dalla varietà e dal luogo di coltivazione, maturano da fine maggio a fine luglio. Chi vuole cimentarsi nella preparazione del maraschino può combinare tale opera con la preparazione di confetture di amarene.

Così come il limoncello e la crema di limone si preparano con la macerazione della scorza di un agrume, il maraschino si prepara mettendo al macero i nòccioli di amarena. Il maraschino può essere impiegato in cucina per preparare dolci, profumare pietanze o degustarlo come digestivo a fine pasto.

Preparare il Maraschino, gli ingredienti
300 grammi di noccioli di amarena
1/2 litro di alcol per uso alimentare a 90°
400 ml di acqua
400 grammi di zucchero

Preparare il Maraschino, l’attrezzatura

  • un vasetto a chiusura ermetica dalla capacità di un litro
  • un filtro

In un vaso a chiusura ermetica, ponete i nòccioli di amarena e l’alcol. Chiudete bene il vasetto e lasciate i noccioli a macerare per circa quattro mesi. In questo lasso di tempo il vasetto dovrà essere posto in un luogo buio, lontano da fonti luminose. Trascorsi i quattro mesi, filtrate il liquido così da rimuovere i noccioli.

Mettete un pentolino sul fuoco. A fiamma bassa fate sciogliere lo zucchero nell’acqua. Portate l’acqua a ebollizione e lasciate raffreddare lo sciroppo. Una volta freddo, versate lo sciroppo nel vaso contenente l’alcol aromatizzato. Lasciate riposare il liquore per circa 20 giorni. Filtratelo con un filtro a maglie strettissime (o con una garza medica) e infine imbottigliatelo.

Curiosità:
l maraschino è un liquore d’origine dalmata e deve il suo nome alle marasche, varietà di amarene originaria della Dalmazia. Si presta bene per la preparazione di cocktail e viene utilizzato anche per correggere macedonie di frutta o di gelati.

Pubblicato da Anna De Simone il 14 maggio 2013