Verdure biologiche per un pieno di salute

Perché dovrei acquistare verdura biologica? La risposta è semplice, perché in estate è più facile da reperire e spesso anche meno costosa dei corrispetivi non-biologici surgelati. L’estate è la stagione migliore per pranzare portando in tavola piatti freschi come le verdure. È consigliabile che le verdure siano di stagione e coltivate con metodo di agrucoltura biologica.

Recenti ricerche hanno dimostrato come le verdure biologiche presentino un contenuto più elevato di antiossidanti e principi nutritivi rispetto a quelli non biologici. Lo studio effettuato da Legambiente, ha riportato come le verdure biologiche siano prive di residui da fitofarmaci.

Ricerche condotte all’Università di Davis, in California, hanno messo in risalto come le verdure coltivate con il metodo biologico contengano una maggiore quantità di antiossidanti (carotenoidi e flavonoidi) rispetto quelle coltivate in modo tradizionale. Questi antiossidanti sono considerati un’eccezionale rimedio all’invecchiamento cellulare. Nel 2011, studiando un notevole numero di pomodori coltivati nelle maniere più diverse, i ricercatori dell’università californiana hanno riscontrato che quelli coltivati biologicamente avevano il 97% in più di canferolo, il 79% in più di quercetina e il 31% in più di naringina, e che il suolo coltivato con metodi biologici migliorava nel tempo.

Numerosi studi hanno mostrato che zucchine, pomodori, fagiolini, bietole con metodo biologico hanno consistenza maggiore e contengono una maggiore quantità di sostanze nutritive e antiossidanti quali zuccheri naturali, vitamina C, beta-carotene e polifenoli. I pomodori studiati a Davis indicano che la qualità del terreno sia un fattore chiave, ma non sembra essere il solo: per esempio la polpa delle verdure bio contiene meno acqua, e presenta una concentrazione di nutrienti più elevata.

Le verdure di stagione
Bietole
Le bietole non sono altro che le foglie della barbabietola. Ricche di sostanze anti-ossidanti e nitrati, cui devono il proprio effetto ipotensivo, le biete apportano solo 17 calorie per100 grammi. Sono ricche di potassio, di conseguenza hanno effetto diuretico, e di vitamine A e C.
Cetrioli
I cetrioli hanno il pregio di essere poco calorici (solo 12 calorie per100 grammidi prodotto) e ricchi di acqua a fronte di un modesto contenuto di sostanze nutritive; è notevole però il loro contenuto di vitamine K e C concentrate soprattutto nella buccia che non sempre viene consumata.
Fagiolini
Ricchissimi di acqua e fibre, i fagiolini sono una varietà di fagiolo ma, poichè vengono raccolti quando il fagiolo non è ancora maturo, tecnicamente rappresentano un ortaggio. Apportano solo 17 calorie per100 grammie sono ricchi di vitamine A e C.
Pomodori
Il pomodoro è il frutto dell’estate per eccellenza. Oltre a vantare un buon contenuto di antiossidanti è recentemente balzato agli onori delle cronache a causa del suo contenuto di licopene, sostanza che aiuterebbe a migliorare le prestazioni sessuali dell’uomo.
Sedano
Anche il sedano è pochissimo calorico e contiene un buon quantitativo di vitamine e sali minerali, questi però vanno in gran parte degradati con la cottura, meglio quindi aggiungerlo crudo alle insalate che cotto nelle minestre.
Zucchine
Le zucchine, anch’esse regine dell’estate, sono ricche di potassio, vitamina E, acido folico e carotenoidi e, neanche a dirlo, vantano un contenuto calorico molto contenuto. E’ consigliabile però cuocerle appena per non veder perduti tutti gli elementi più salutari che contiene.

 

 

Pubblicato da Anna De Simone il 12 giugno 2012