Varietà di mele dolci: nomi e caratteristiche

Varietà di mele dolci

La mela è certamente uno dei frutti più noti e anche più amati che esistano ma vedendola sempre in giro cogliamo il rischio di perderne la percezione di bellezza e di gusto. E anche di non accorgersi che esistono molte varietà di mele dolci da assaggiare e scoprire. Hanno dei sapori diversi ma anche differenti proprietà e “caratteri”.



In generale si tratta di frutti digeribili e ricche di proprietà benefiche, motivo per cui le proponiamo sempre anche ai bambini senza porci troppo problemi, cosa che non faremmo con altri frutti. Usiamo le mele anche molto in cucina, per ricette particolari, ma non possiamo scegliere una varietà a caso sperando che funzioni. E’ importante sapersi orientare in questo panorama e capire a che mele mirare. Oggi vogliamo vedere solo le mele più dolci, da sgranocchiare ma anche a usare quando si preparano le torte.

Varietà di mele dolci: nomi e caratteristiche

Procediamo in ordine alfabetico cercando di capire che mela fa per noi e se possiamo provarla.

  • Annurca: proveniente dalla Campania, quindi italiana al 100%, è ha una luminosa buccia di colore rosso forte. La polpa è croccante e ha un sapore acidulo. Il frutto si raccoglie in autunno, in Italia, e dura parecchio tempo.
  • Braeburn: rossa anche questa mela ma con delle striature gialle e una forma più allungata, quindi riconoscibile. Particolare anche il suo gusto che ha uno sfondo di limone. Viene usata nelle insalate e si può associare bene ai Formaggi stagionati.
  • Fuji: Dal Giappone arriva una mela che è tra le più gettonate al mondo ed è anche una delle più dolci. Particolarmente croccante e succosa, vanta un notevole contenuto zuccherino La troviamo in abbondanza in Italia, da settembre fino a fine primavera, con la sua buccia rosso ricca di venature gialle e verdi. E’ un frutto molto dolce, potrei utilizzarla per una torta di mele senza più zuccherare.
  • Gala: ottima per la preparazione di frullati e centrifughe questa mela ha una buccia rossa striata e la forma leggermente allungata. Arriva dalla Neozelandia e ha una polpa molto succosa e croccante, con un aroma tipico che però sparisce quasi subito quando viene consumato subito dopo essere stato sbucciato.
  • Golden Delicious: già dal nome si capisce che siamo di fronte ad una mela davvero prestigiosa e molto apprezzata. Ha origine negli Stati Uniti e ha una buccia gialla con qualche zona rossastra, segno dell’esposizione al sole e anche caratteristica di qualità. Il sapore è dolce ma può avere un fondo acidulo soprattutto quando è appena colta. La si può cogliere dall’autunno in poi e usarla per la preparazione di piatti dolci e salati, rendendo bene nella cottura al forno
  • Granny Smith: è la meno dolce delle dolci. Si riconosce subito tra le altre perché è verde. E’ povera di gusti quindi molto consigliata a chi soffre di diabete. E’ succosa e disseta molto, può essere inserita anche in ricette salate.
  • Kanzi: questa mela è nata dall’incrocio tra le varietà Gala e Braeburn. Ha la buccia rossa e la consistenza molto buona. Il sapore è tra il dolce e l’acidulo, può essere utilizzata per ricette sia dolci che salate.
  • Morgenduft, mela che arriva dagli Stati Uniti piace a chi ama le mele un po’ acide e sode. Questa ha infatti un sapore più aspro di altre e può essere usata sia cotta che cruda. Ha un fondo agrodolce, buccia rossastra con striature verdi e una forma leggermente schiacciata. La polpa è bianca e croccante.
  • Pink Lady: nome elegante per una mela che è sia dolce che acida. Anche in Italia ne abbiamo da tempo anche se ad ideare questa varietà è stato da un agronomo australiano, Jhon Cripps, è soda e croccante e si distingue per un perfetto equilibrio tra dolcezza e acidità. È ottima per la preparazione di pietanze che richiedono la cottura in padella o al forno.
  • Renetta: la Renetta è un’altra mela tremendamente famosa, per lo meno per il nome che deriva dalla parola francese “reine”, che significa regina. Ottima per preparare sia succhi di frutta che liquori, ma anche genuine marmellate. Si presenta con la forma appiattita e una buccia gialla con piccole macchie scure. Se la si cuoce perde un po’ di acidulo, se passa il tempo si riempie di rughette ma resta buonissima+
  • Stark. Concludiamo con una mela diffusa in tutto il mondo, la mela Stark. Ha una inconfondibile buccia rossa e molto lucida. Ha un buon profumo che può essere perfetto quando si sta cucinando un buon dolce, ha anche un sapore dolce ma la consistenza potrebbe essere farinosa, quasi totalmente priva di acidità.

Varietà di mele dolci

Varietà di mele dolci, come tagliarle

Se siete dei golosi di mele dovete assolutamente possedere uno dei seguenti accessori. Sono molto pratici e utili, per tagliare le mele e utilizzarle per preparare dolci come crostate, torte di mele e… tutto quello che desiderate.

Altre varietà di mele

Le mele dolci non sono ovviamente le uniche varietà di mele e il nostro consiglio è di provare anche altre varietà. Tra le più apprezzate segnaliamo:

  • la Mela Imperatore
  • la Mela Golden
  • la Mela Fuji

Il nostro paese ha una ricca produzione di mele, soprattutto in Val Venosta, in Trentino, dove se ne producono ben 16 varietà, eccole:

  • Golden Delicious
  • Red Delicious
  • Pinova
  • Gala
  • Ambrosia™
  • Bonita
  • Braeburn
  • Fuji
  • Granny Smith
  • Jonagold
  • Morgenduft
  • Nicoter / Kanzi®
  • Scilate / envy™
  • Shinano Gold / yellow®
  • SQ159 / Natyra®
  • Topaz

Come avrete notato dal nostro elenco alcuni nomi sono anche “Trademark” o “Marchi registrati”.

Per trovare spunti interessanti di ricette con le mele, ecco due titoli

Pubblicato da Marta Abbà il 13 Settembre 2019